The news is by your side.

Regione/ Piattaforma on line «per dare alle persone reddito e lavoro» in Puglia

4

Dal 16 marzo sarà on line la piattaforma informatica ‘dei Cantieri e del Lavoro minimo di cittadinanzà, dedicata ai Comuni ed alle imprese del territorio pugliese intenzionate a presentare i loro progetti nell’ambito della strategia regionale per facilitare l’inserimento socio-lavorativo dei disoccupati di lunga durata e l’inclusione sociale dei soggetti in condizione di fragilità sociale grazie al loro utilizzo in cantieri di lavoro per la realizzazione di opere e servizi di pubblica utilità. I dettagli sono stati presentati in conferenza stampa a Bari dal presidente della regione Puglia, Nichi Vendola, e dall’assessore al Lavoro, Leo Caroli. "Per noi la dignità delle persone – ha spiegato Vendola – è fatta di due parole: reddito e lavoro. Non le vogliamo immaginare come misure meramente assistenziali, ma come misure che possano alimentare la cultura del lavoro e la possibilità concreta di lavorare. Sono misure legate soprattutto al contrasto al disagio sociale estremo". "In ballo ci sono – ha aggiunto Vendola – 10 milioni di euro per i cantieri di cittadinanza, che stiamo costruendo insieme ai Comuni pugliesi. Si tratta di immaginare per sei mesi di tempo un reddito minimo per svolgere lavori di cura dei beni comuni, di cura del territorio, penso per esempio alla pulizia delle spiagge e quindi a misure di inclusione attiva".

"Poi ci sono 7,5 milioni per il lavoro minimo di cittadinanza, dedicati – ha detto ancora Vendola – a coloro che fruiscono di ammortizzatori sociali per aiutarli a non perdere il legame con il lavoro. Aspettiamo dal governo nazionale 34 milioni di euro che consentiranno di implementare il salvadanaio a disposizione di questa lotta formidabile contro la povertà".

"Questi progetti – ha concluso Vendola – non prevedono più il cartaceo. Sarà tutto informatizzato, procedura che consentirà il massimo grado di trasparenza e consentirà di non giocare più in maniera clientelare, ricattatoria, sulla pelle della povertà e dei poveri".

I Cantieri di Cittadinanza – è stato spiegato durante la conferenza stampa di presentazione della piattaforma internet – durano da 6 a 12 mesi, con un’indennità per il partecipante di 23 euro a giornata (max 500 euro al mese). Per l’attuazione della misura sono state impegnate risorse per 4 milioni di euro, che a breve saranno integrati con ulteriori 6 milioni di euro, e che in ogni caso costituiscono la prima tranche di un finanziamento che entro il mese di maggio supererà quindi i 40 milioni di euro (in attesa dell’attivazione del nuovo fondo Sociale europeo).

I cantieri possono essere promossi dai Comuni, da organismi pubblici, da imprese e organizzazioni del Terzo Settore, ad integrazione – e non in sostituzione – di attività di produzione di servizi o di manutenzione del patrimonio pubblico. Possono beneficiare di un cantiere le persone disoccupate da almeno 12 mesi, gli inoccupati e le persone in condizione di specifiche fragilità sociali come disabili, ex detenuti e donne sole.

Il Lavoro Minimo di Cittadinanza è invece rivolto ai percettori di ammortizzatori sociali, anche in deroga, la cui platea oggi in Puglia raggiunge le quasi 10mila unità. Grazie al Lavoro Minimo di Cittadinanza i Comuni, singoli o associati, che promuovono Cantieri potranno accogliere, per la loro ricollocazione, le persone in cassa integrazione anche in deroga che sosterranno una specifica attività, coerente con il rispettivo profilo professionale. Per il Lavoro Minimo di Cittadinanza sono a disposizione risorse per 7,5 milioni di euro.

Tramite la piattaforma, disponibile sul portale www.sistema.puglia.it , i Comuni del territorio e le aziende profit e no profit attive in Puglia potranno manifestare il proprio interesse ad ospitare Cantieri di cittadinanza mentre, a partire dal 20 aprile, la stessa piattaforma si apre ai cittadini che potranno inserire le loro domande di accesso – sia individualmente sia per il tramite dei Caf – per partecipare ad uno o più progetti di Cantiere di Cittadinanza o di Lavoro Minimo.


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright