The news is by your side.

Regione/ Nei lidi balneari alleggerite le sanzioni

3

Chi avrà un lavoratore in nero potrà pagare soltanto una multa e non rischiare la licenza. Esultano gli operatori.

 

 Ennesima proroga dell’ecotas­sa e depenalizzazione delle violazioni commesse dagli imprenditori balneari. C’è già chi parla di assalto alla diligenza in quella che potrebbe essere l’ultima seduta ordinaria (oggi scade ufficialmente il quinquennio le­gislativo) del Consiglio regiona­le. Ieri Pd e Sel-Noi a sinistra sono arrivati ai ferri corti proprio su due norme di materia ambienta­le. Il primo motivo di scontro è ar­rivato con la proposta di legge fir­mata dai consiglieri Lanzillotta (Ncd), Pastore (Misto-Psi) e Ca­racciolo (Pd) per la proroga dell’introduzione dell’ecotassa, "il balzello che dovrebbe punire i Co­muni inadempienti in tema di raccolta differenziata. La proroga, la quarta negli ultimi anni, è passata con 37 voti favorevoli, 2 astenuti e 4 voti contrari di Sel. Le amministrazioni potranno appli­care l’aliquota del 2013 e scansa­re la tassa di 25 euro a tonnellata di rifiuti se dimostrano di aver in­crementato la raccolta differen­ziata del 5 per cento. Soddisfatti Forza Italia, Udc e Ncd che parla­no di vittoria del buon senso. Ira degli ambientalisti: «Decisioni vergognose – afferma Francesco Tarantini, presidente di Legambiente Puglia – così sì premiano gli inadempienti». La seconda proposta di legge in tema ambientale riguarda alcu­ne modifiche apportate al Piano coste risalente al 2006. In un’aula consiliare gremita da rappresen­tanti di Assebalneari sono stati approvati 12 emendamenti che se da un lato introducono norme di salvaguardia per la pianifica­zione costiera, dall’altro riducono le punizioni per i concessionari in caso di violazioni normativa. Ad esempio, l’eventuale inosservanza di regole in tema di lavoro nero verrà punita solo con sanzioni amministrative e non più con la decadenza della concessione. Esulta l’Assobalneari. Depenalizzazioni che non piacciono a sini­stra: «C’è ormai un clima da liberi tutti, come se dopo 10 anni di re­strizioni ora si possa dare sfogo agli appetiti delle lobby» accusa il presidente del gruppo Sel-Noi Sinistra, Michele Losappio. Accuse che non piacciono all’assessore Leonardo Di Gioia, con delega demanio: «Restano tutte le tutele al paesaggio. Ci sono già altre leggi contro il lavoro nero». Spetta invece al consigliere di centro destra, Francesco De Biasi, il merito di ricompattare l’aula. Il suo testo sulla realizzazione delle Zed è stato votato all’unanimità. Si dà il via alle zone economiche speciali istituite nei porti di Bari Brindisi, Taranto, Barletta, Manfredonia, Molfetta e Gallipoli. Agevolazioni per attrarre investitori stranieri: 150milioni di euro nel 2016, 180 nel 2017 e 210 nel 2018. Oggi nuova seduta in Consiglio. Si discuterà di decreto Omnibus.


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright