The news is by your side.

Vieste/ Collisione tra pescherecci: «Salvi per miracolo»

3

 Intorno alle 2 di questa notte due pescherecci, il Magnolia II e l’Alessio I, entrambi della marineria monopolitana e facenti parte della Cooperativa «Fra Pescatori» sono entrati in collisione. Erano a 40 miglia al largo delle coste di Vieste.

 L’impatto è stato talmente devastante che il Magnolia prima si è riempito d’acqua e poi nell’arco di 10 minuti è andato a fondo. Rimarrà lì, in quelle acque che in quel tratto raggiungono i 400 metri. Perché ci hanno già provato a recuperare la barca, ma i tentativi sono stati vani. A bordo di questo peschereccio, costruito nel 1996, 15,70 metri, del valore di quasi 300mila euro, c’erano quattro persone, tutte della famiglia Laneve. Il comandante Antonio, suo fratello Cosimo e i ragazzi Michele e Francesco. «Eravamo fermi – racconta Cosimo -, con la nostra luce rossa di “non governa” accesa. Mio fratello era di guardia. I ragazzi dormivano, ma stavano per svegliarsi. Verso le 3 avremmo cominciato la pesca, quella con il palangaro, con il filo, per pescare merluzzi, gallinelle. Ad un certo punto abbiamo avvertito l’impatto». L’Alessio con la prua aveva sfondato il centro del peschereccio al livello del bagnasciuga e poi aveva strisciato verso la poppa del Magnolia, probabilmente a causa di un colpo di sonno di chi era al timone. «Ci siamo subito resi conto della gravità della situazione – continua Cosimo – Quando vedevamo che le tre pompe di emergenza non riuscivano a buttar via l’acqua che entrava abbiamo capito che era tutto inutile». «Le taniche di nafta che avevamo a bordo e che erano tutte vuote ci hanno tenuto a galla per un po’ – aggiunge Antonio – ma la nave stava affondando. Siamo saliti sull’altro peschereccio. Siamo uomini forti, non ci spaventiamo facilmente, ma alla fine mi sono girato di spalle. Non ho voluto vedere la mia nave andare giù». In quei momenti concitati i componenti dell’equipaggio hanno trovato la lucidità di recuperare i documenti di bordo, la licenza di pesca, di navigazione, il ruolino di equipaggio. I pescatori sono poi saliti a bordo dell’Alessio e si sono diretti verso Monopoli, dove sono arrivati alle 11 di questa mattina. Ad attenderli le famiglie, il direttore della Cooperativa Giancarlo Sardano e il comandante della Capitaneria di Porto di Monopoli, Salvatore De Crescenzo. Ed è proprio in Capitaneria che si sono recati i comandanti dei due pescherecci per redigere il verbale di constatazione. Stando a quanto appreso, nessuno dei due natanti era coperto da assicurazione. L’Alessio, dopo alcuni lavori di manutenzione che lo avevano interessato, era rientrato in mare da poco meno di un mese. A bordo di questo peschereccio c’erano Antonio Damasco, proprietario, armatore e comandante, e i figli Alessio e Pietro di 17 e 21 anni.

 

 

 

 

 

—————————————————————————————————————-

Informazione pubblicitaria/ Scopri il nuovo Cestino Gran Convenienza FRUTTISSIMA

Da Fruttissima le occasioni che aspettavi.
Tanti differenti prodotti: dalla frutta, alla verdura al vino, patate, carote, legumi a prezzi all’ingrosso.

Occhio all’offerta di questi giorni: ogni 10 euro di spesa una confezione di acqua in omaggio

Nuovo Cash& Carry Fruttissima in via Bovio,6
I tuoi acquisti anticrisi.

Convenienza Fruttissima
Vieni a verificare…..in via Bovio a Vieste

————————————————————————————-


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright