The news is by your side.

Gli allevatori del Gargano in attesa del vaccino

4

Non è solo il batterio della Xylella fasti­diosa a preoccupare il mondo agrico­lo pugliese e di Capitanata. Se il Salen­to è diviso tra l’ amore per i suoi ulivi secolari, il destino del comparto economico e la guerra commerciale francese, mascherata da embar­go, anche il Gargano è in subbuglio. Gli alleva­tori sono alle prese con l’infinita attesa del vac­cino contro la Blue Tongue, mentre i casi di brucellosi danneggiano soprattutto le impre­se zootecniche più piccole. Nel marzo del 2014 1a Puglia e stata annovera­ta fra le regioni a più alto rischio di contagio da Blue Tongue, una malattia infettiva di natura virale non contagiosa, tristemente conosciu­ta in Italia già dal 2001. Ad oggi si contano cen­tinaia di capi ovini-caprini deceduti per ma­lattia, anche a causa del ritardo con il quale è stato lanciato l’allarme. "Ci stiamo attrezzan­do per l’acquisto di 10mila vaccini per fron­teggiare la diffusione della malattia, che almo­mento ha tre focolai in Salento", ha affermato a febbraio Donato Pentassuglia, rispedendo al mittente le accuse di immobilismo lanciate da Coldiretti. L’organizzazione che riunisce gli imprendito­ri agricoli, nella conta dei danni provocati dal­la "lingua blu", annovera già 500 animali, pecore e capre, uccisi dalla malattia infettiva. Di qui l’sos, con la richiesta dell’ avvio immediato di una campagna vaccinale."Prima che sia troppo tardi", aveva attaccato il presidente Coldiretti Puglia Gianni Cantele, "e che il nu­mero degli animali morti salga ulteriormen­te". La Blue Tongue rischia infatti di diventare la nuova Xylella, una strage di animali simile al disastro degli ulivi. "Abbiamo lavorato rego­larmente e per tempo", spiega l’assessore Pen­tassuglia. "Abbiamo già fatto due gare per l’ ac­quisto dei vaccini che, però, purtroppo sono andate deserte. La terza gara l’abbiamo ban­dita lo scorso 11 febbraio. Nel caso in cui an­che questa terza gara andrà deserta, c’è una di­sponibilità di vaccini da parte della Regione Sardegna che però dovremmo regolamenta­re". I danni provocati dalla "lingna blu", se­condo le stime di Coldiretti, si aggirano già in­torno al mezzo milione di euro. La malattia, che colpisce tutti i ruminanti ma uccide solo gli ovini non è nuova in Puglia; è nuovo inve­ce il sierotipo del virus e, non essendo stata mal fatta una campagna vaccinale su questa tipologia, gli animali sono indifesi. L’emer­genza sta interessando tre province pugliesi, Taranto, Brindisi e Lecce, oltre a inibire l’eventuale movimentazione di capi interessati alla transumanza in provincia di Foggia."Prevediamo", avverte Pentassuglia, "tra giu­gno e luglio un focolaio ancora più importan­te per questo ci stiamo attrezzando. Perché, se il caso dilaga, diventa un problema anche la macellazione e l’uso della carne. Abbiamo intenz.ione dimettere a disposizione un bud­get che oscilla trai 3,5 e i 4milioni di euro per poter vaccinare tutti gli allevamenti". Bisogna però fare presto, chiedono gli alle­vatori. L’indicazione del Ministero della Sanità è quella di vaccinare almeno 1’80% degli animali delle specie sensibili entro la fine di aprile. Coldiretti aveva chiesto anche di in­dennizzare le aziende zootecniche danneggiate dalla malattia. Ma il Gargano non resta a guardare ed espri­me tutta la sua preoccupazione. "Tutti noi allevatori del Gargano abbiamo bisogno di vaccini, ma non ce ne sono. La Re­gione Puglia ne ha avute 4mila dosi, ma so­no già finite e ne sta aspettando altre", la­menta il sipontino Matteo Totaro, per anni presidente dell’associazione pro­vinciale allevatori. "Oggi (ieri, ndr) l’ associazione ha tenuto un incontro a Foggia per capire come arrivare senza problemi a svolgere la tradizionale fie­ra della zootecnia dal 30 aprile al 5 maggio. La situazione riguarda tutti, bisogna vaccinare l’intero allevamento e, non essendoci vaccini a disposizione, è a rischio la transumanza. Si sta avvicinando la fine di maggio, quando per via del caldo gli animali dovreb­bero transumare in zone più fresche, come quelle di Isernia, Pescara, L’Aquila, Ma senza vaccino non è possibile fare la transu­manza", sottolinea Totaro, "Gli animali re­sterebbero sul Gargano, ecco perché molti allevatori sono preoccupati. Gli unici non interessati sono quei piccoli allevatori che restano nel nostro territorio, perché la transumanza, che ormai non è più svolta a piedi ha dei costi. Tutti aspettano il vac­cino, anche io per i miei bufali. Mi serve per poterli portare in fiera". Totaro evi­denzia la differente incidenza delle due malattie del bestiame: "Non conosco casi di Blue Tongue in provincia di Foggia, mentre la brucellosi è molto presente ne­gli allevamenti non serviti con facilità dal servizio sanitario, ovvero situati nelle zo­ne più impervie e scarsamente raggiungi­bili. Peraltro, la brucellosi non riguarda solo mucche e ovini, ma può essere porta­ta da qualunque animale. E’ necessario "fare molta prevenzione, profilassi, ma ciò costa. Inoltre, è difficile pensare di fare prelievi di sangue agli animali allo stato brado".  

Lucia Piemontese
L’Attacco

—————————————————————————————————————-

Informazione pubblicitaria/ Scopri il nuovo Cestino Gran Convenienza FRUTTISSIMA

Da Fruttissima le occasioni che aspettavi.
Tanti differenti prodotti: dalla frutta, alla verdura al vino, patate, carote, legumi a prezzi all’ingrosso.

Occhio all’offerta di questi giorni: ogni 10 euro di spesa una confezione di acqua in omaggio

Nuovo Cash& Carry Fruttissima in via Bovio,6
I tuoi acquisti anticrisi.

Convenienza Fruttissima
Vieni a verificare…..in via Bovio a Vieste

————————————————————————————-


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright