The news is by your side.

Medici protestano: “Gargano e Subappennino non più zone disagiate”

11

Dopo che gli uffici amministrativi della Asl non avrebbero – per cause ancora da chiarire – completato l’iter amministrativo dell’accordo aziendale che riconosceva lo stato di zone disagiate dei comuni del Gargano e del Subappennino siglato oltre un anno fa alla presenza dell’allora assessore alla Sanità Elena Gentile – sulla base della definizione della Regione Puglia contenuta nella convenzione della medicina di assistenza primaria del 2007 per evidenti motivi di decremento demografico e discontinuità orografica – il commissario straordinario Vito Piazzolla ha emanato un atto che “cancella l’esistenza delle zona disagiate”
E’ quanto denunciano i dottori di Medicina Generale della provincia di Foggia targati FIMMG, che aggiungono: “Alla richiesta, formalizzata alcuni giorni fa dai rappresentanti dei medici, di riunire il comitato aziendale per individuare e condividere soluzioni al problema : nessuna risposta. E nessuna notizia di apertura di indagine interna per scoprire i motivi ed i responsabili di tanta inerzia negli uffici amministrativi”
Con un pizzico di amarezza mista ad ironia, la segreteria della Federazione Italiana Medici di Medicina Generale  conclude: “Complimenti, dottor Piazzolla, da tutti i medici di Medicina Generale di Capitanata: quale esordio di amministratore della Salute della nostra provincia poteva essere più autorevole e foriero di rosee aspettative di collaborazione e progettualità per il futuro della assistenza sanitaria nel nostro territorio di quello che Lei ci ha riservato?


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright