The news is by your side.

Basket Serie C/ New Basket Lecce vs Bisanum Viaggi Vieste    46-91

8

La Sunshine in terra salentina sbriga in scioltezza la pratica Lecce riuscendo ad imporre il proprio gioco senza particolari difficoltà. Lecce con il lungo Serio non convocato e il play Marra a mezzo servizio può ben poco contro la formazione garganica. Nei primi dieci minuti le squadre si presentano con Waldner, Ucci, Neal, Simeoli e Dragna sponda Vieste, mentre per il Lecce  Signorile, Marra, Petracca, Pennetta e Laudisa formano lo starting five. Nei primi secondi subito la fiammata leccese con due canestri di Petracca che scaldano il pubblico di casa, purtroppo il fuoco dura il tempo dei due cesti, dato che Neal, Simeoli e Dragna mettono subito le cose in chiaro portando gli ospiti in vantaggio a fine quarto sul + 10, nonostante Nisi e Laudisa dall’arco si tengono attaccati agli ospiti.

Nei secondi dieci gli attacchi si rilassano e mentre Vieste fa quindici con un buon numero di tiri liberi, la compagine salentina soffre lo strapotere fisico sotto canestro e riesci solo con Laudisa e Marra a superare la doppia cifra realizzando appena 12 punti quando all’intervallo lungo il tabellone segna  28- 42.

Dopo la pausa tutti si aspettano la reazione dei Leccesi, ma con Marra centellinato nell’utilizzo dato un problema alla caviglia per gli ospiti diventa una passeggiata incrementare il vantaggio, Waldner ne fa quattro consecutivi con una bella schiacciata nel cuore dell’area, Dragna in transizione dalla lunga non perdona e partecipa alla festa anche il giovane Lauriola (10 pt)  fino al perentorio 10-24 che chiude definitivamente le ostilità.

L’ultimo quarto ormai inutile, vede una Sunshine, vogliosa di incrementare il vantaggio, che corre e si distende bene trovando con Ucci il polmone dei contropiedi bianco azzurri. Gloria anche per Marco Vieste (classe 2000) che trova i primi 2 punti in serie C proprio sulla sirena, fissando il punteggio sul perentorio 46 a 91.

Buona prova per i ragazzi di coach Desantis che nonostante il divario fisico con gli avversari hanno giocato con tanta intensità dimostrando che le scorie del richiamo atletico di fine dicembre si stanno pian piano metabolizzando.

La Bisanum resta al comando con Nardò che ha già osservato il turno di riposo e vince soffrendo a Cerignola, e Foggia che si è salvata dalle insidie di Brindisi con un solo punto sulla sirena finale. A seguire l’Udas infermabile a 4 lunghezze di distanza e Manfredonia a sei di distanza  che si inceppa a Ruvo.

Domenica si torna all’Omnisport dove arriva il Fasano, squadra arcigna che all’andata ha lasciato la posta in palio a Simeoli e compagni con solo sette punti di scarto. La presenza nel roster del funambolico Laquintana con 30 punti di media a partita, degli esterni Pezzarossa e De Meo e dei lunghi Rosato, Sibilio e Di Mola ne fa una squadra temibilissima che se non viene affrontata con la giusta concentrazione può mettere in difficoltà chiunque.

Quindi domenica 17 ore 18:15 tutti all’Omnisport per continuare a sognare insieme alla Bisanum Viaggi Vieste.


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright