The news is by your side.

Trivelle/ Si della Consulta al Referendum

28

Il referendum sule trivelle si farà. Lo ha stabilito la Corte Costituzionale che ha dichiarato ammissibile il quesito riguardante la durata delle esplorazioni e trivellazioni nel mare adriatico.

 Soddisfatto il Presidente della Puglia, Michele Emiliano che ha invitato tutte le associazioni a fare festa, magari con caroselli di auto.

 Il referendum anti-trivelle si farà. La Corte Costituzionale ha ammesso l’unico dei sei quesiti referendari contro le trivelle e le ricerche in mare degli idrocarburi, ammesso dalla Cassazione. I giudici hanno deciso in poco più di tre ore sulla richiesta delle regioni di sottoporre a referendum la durata delle esplorazioni e trivellazioni dei giacimenti già concessi. Tra queste anche quelle alle Isole Tremiti che hanno suscitato la levata di scudi degli ambientalisti. Intanto le Regioni preparano battaglia per gli altri cinque referendum bocciati. Il Consiglio del Veneto ha votato all’unanimità il ricorso al conflitto di attribuzione presso la Corte Costituzionale. Le altre nove si stanno preparando.
L’unica possibilità per il governo Renzi di disinnescare questa grana politica è fare una nuova norma che cambi la legge. Intanto esultano gli ambientalisti. «Gli italiani potranno finalmente dare il loro parere, non solo su petrolio sì o no, ma sull’Italia che vogliamo». Soddisfatto che il presidente della regione Puglia, Michele Emiliano: «La campagna referendaria contro le trivelle comincia da ora», dice. E sottolinea: «Quando il popolo irrompe sulla scena il Pd non può che essere contento».


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright