The news is by your side.

L’avventura di S. Pier Celestino Papa del Gargano

36

La città di Vieste e la sua diocesi nel secolo XII.

 

 Rileggiamo in un non recen­te testo scolastico [PALMIERI Michele, Scopriamo la Puglia, Bari, Adda, 1969, pp. 41 s.]: " ..
Vieste è senza dubbio una del­le più antiche città della Daunia: è l’Apeneste ricordata nel sec. II d.C. dal famoso geografo e astronomo Tolomeo. Ma la fantasia degli uomini del luogo, che un filosofo chiamerebbe boria, va a scomodare nientemeno, come fondatore Noè con tutta la sua arca. Da altri fu ritenuta nata dalle ceneri della Città di Meri­no, lungi da essa circa 5 chilome­tri, distrutta nel 1014 di Cristo, anno in cuna statua di S. Maria di Merino fu trasferita a Vieste. Personaggi illustri, per cau­se di viaggio o di imbarco, pas­sarono per Vieste. A Merino, nell’aprile del 1294 naufragò Celestino V e ivi fu fatto prigionie­ro per ordine di Bonifacio VIII." In realtà, nel 1295. Celesti­no pp. V Angeleri da Morone, im­barcatosi a Rodi Garganico, a causa del mare in tempesta ebbe la ventura di trovarsi fuggiasco presso Vieste, a S. Maria di Me­rino, e di essere riconsegna­to a Bonifacio Pp. VIII Gaeta­ni [BALDACCI Osvaldo, Puglia, Torino,_UTET. 1962, pag. 378). Il primo a ricordare Vieste sarebbe stato quindi, nel sec. II d.C., Claudio Tolomeo, che l’ha chiamata Apeneste [Geogr. III, 1, 17], ma già G. Plinio Secon­do aveva menzionato un abitato che prendeva nome dai "Merinates ex Gargano" [N. H. iii, 11, 16 -105]. Il documento che di Vie­ste cristiana dà la data più antica e molto probabilmente la data di nascita della sua diocesi, è nel Codice Diplomatico di S. Maria di Tremiti: In nomine Domini. Quinqua­gesimo nono anni imperi domi­no Basili et Domino Constanti­ni santissimi imporatoribus no­stris, mensìs iunio, seconda in­dictione. En ego Alfano natu Dei sanete Merenensis et Be­stesane ecclesie sedis episco­pus .. , [omissis] … Anno Dei favente episcopatus nostri vige­simo sexto .. [omissis] … Ego qui supra Alfanus gratia Dei epì­scopus. Armando Pwtrucci, lo studioso che ha curato e pubblicato questo cartulario, ha notato che il 59° anno degli Imperatori Ba­silio e Costantino corrisponde al 1019, per cui l’inizio dell’episco­pato di Alfano risale al 933. Nello stesso cartulario si tro­va un altro accenno a Merino nel mese di ottobre del 1138, anno in cui era Vescovo Maraldo. Vi si legge, nell’intestazione, "Ma­raldus Marinense ac Vestane sedis epiascopus … ", ma è firmato: "Ego Maraldus Vestane sedis episcopus". Ne consegue che il richiamo a Merino era ormai, nel sec. XII, soltanto un appella­tivo onorifico. La serie cronologica dei Vescovi della S. Chiesa di Vieste dalla fondazione della diocesi all’arrivo a Vieste di Pier Cele­stino Papa (993-1294) ci è così ‘ – riportata [VAILATI Mons. Va­lentino, L’Arcidiocesi di Man­fredonia e la Diocesi di Vieste, Manfredonia. AAST, 1975, pago 153]: Alfano (993-1031); Maral­do (1158-68), il primo nella Chiesa sipontina, di cui si conosca il nome, dall’Arcivescovo Goffrido e deposto da Alessandro pp. III Bandinelli, perché simoniaco; Simeon (1179): innomina­to (1191-99), sospeso da Celestino pp. III Boccardi il 18 ottobre 1197; Teodorico (1227); Giovan­ni (1274). Partiva nell’aprile di quell’anno il B. Gregorio pp. X Visconti per Lione e durante il suo viaggio cercò di metter pace fra le fazioni, specialmente a Bo­logna, Firenze e Milano. Il Con­cilio che egli aveva convocato a Lione raccolse numerosissimi prelati, principi e Vescovi. Vi si discusse dapprima la questione della Crociata e si impose la de­cima sui benefici ecclesiastici. Si trattò poi dell’unione delle Chie­se e, discussi i vari punti di differenza si venne a un accordo col quale la Chiesa greca dichiarava la sua unione con la latina. In ul­timo furono sanciti costituzioni e decreti disciplinari, fra i quali il più importante fu quello che disciplinava l’elezione del Pontefice: fu decretato che in quel­la stessa città dove il Papa fosse morto, dopo 10 giorni, i Cardina­li dovessero adunarsi in un pa­lazzo, appartati da tutto il mon­do esteriore, in conclave, e dopo i primi tre giorni, se non fosse­ro venuti alla elezione, sarebbe stato loro dimezzato il vitto per i cinque giorni sussegnenti e an­cora diminuito, a pane e acqua, dopo lo spirare di essi. Intanto le cose in Germania si erano composte con la elezio­ne di Rodolfo d’Absburgo, che giurò al Papa fedeltà e rispetto dei diritti della Chiesa. Solo Car­lo d’Angiò continuava nella sua crudele politica, invano ripreso dal Papa. Chiuso il Concilio, rientrò il Papa lieto in Italia" dopo esser­si incontrato a Losanna con l’Im­peratore, ma ad Arezzo s’amma­lò e morì il 10 gennaio 1276. Fu sepolto in quella Cattedrale. Il suo pontificato fu breve ma fecondo e la sua morte segnò nuove sventure per la Chiesa. Pietro di Tarantasia, nato in Savoia bel 1225, dell’Ordine dei Predicatori e insegnante di filo­sofia all’Università di Parigi, Ar­civescovo di Lionr nel 1272, poi Cardinale e Vescovo di Ostia, venne eletto Pontefice col nome di Innocenzo Pp, V, non senza l’influenza di Carlo d’Angiò, il 21 febbraio 1276 e morì il 22 giugno di quello stesso anno. Diede inizio, in quel brevissimo periodo di tempo, alle trattative per la ri­conciliazione fra Genovesi e Pi­sani e aprì quelle con Michele Paleologo esortandolo a por ter­mine allo scisma orientale e a partecipare alla difesa della Terra Santa. Aiutò Alfonso X nella lotta contro i Mori di Spagna. Ri­stabilì la disciplina monastica e non mancò di proteggere gli Or­dini religiosi. Leone pp. XIII Pecci (1878- 1903) gli conferì il titolo di Be­ato. Fu detto, per il suo grande sapere, famosissimus doctor e lasciò parecchie opere filosofiche e teologiche. In quello stesso anno 1276 fu eletto 1’11 luglio Papa e morì il 16 agosto il Cardinale genovese Ottobono de’ Fieschi, che assunse il nome dì Adriano pp. V. Sul­la sua elezione certamente influì Carlo d’Angiò che desiderava un Papa a lui favorevole. Morì a Viterbo dove si era re­cato per sfuggire agli eccessivi calori di Roma in quell’estate, prima di essere consacrato. Nel suo brevissimo pontificato so­spese la Costituzione del B. Gregorio pp. X Visconti sulla elezio­ne del Papa, sospensione che su­scitò gravi difficoltà nell’elezio­ne del successore. Nato a Lisbona, della fami­glia de’ Giuliani, Pietro fu nel 1273 nominato Vescovo di Fra­scati e Cardinale. La sua elezio­ne a Pontefice nel 1276 fu pre­ceduta da dissensi tra Cardina­li e prelati: questi ultimi obbli­garono i Cardinali a riunirsi e li tennero rinchiusi finché Pietro non fu eletto e assunse il nome di Giovanni XXI di Giuliano. Egli mise pace tra il Re di Francia, Filippo l’Ardito, e Alfonso X, Re di Castiglia, dette l’investitura del Regno delle due Sicilie a Carlo d’Angiò, mandò Legati a Michele Paleologo per ottenere che firmasse definitivamente l’unione delle due Chiese greca e latina e iniziò i preparativi per una Crociata. La sua morte, avvenuta nel 1277 per il crollo d’una costru­zione da lui iniziata, deluse le speranze che si erano fondate sulle sue grandi qualità. Dottissimo, la Sua scienza profana lo fece chiamare mago da cronisti ignoranti. Nato a Roma nel 1210, il Card. Giovanni Gaetano Orsi­ni, figlio del Sen. Matteo, fu eletto Papa e assunse il nome di Nic­colò III, dopo una vacanza di sei mesi, a Viterbo e incoronato a Roma nel 1277. Era stato Inqui­sitore Generale per l’Italia e ave­va servito otto Pontefici; trovava l’Italia agitatissima. Ottenne da Rodolfo d’Absburgo che la Chiesa riavesse i suoi antichi domi­ni; costrinse l’ambizioso Re Carlo d’Angiò a rinunciare alla digni­tà di Senatore Romano, cui era stato eletto contro la volontà di Clemente pp. IV Fulcodi, e promulgò una Costituzione con cui si proibiva di conferire d’allora in poi la dignità di Senatore Romano a principi stranieri o a membri di case patrizie di case potenti e stabili che tale digni­tà durasse un solo anno. Mandò missionari presso i Tartari, fu sollecito per la conclusione del­lo. scisma greco, difese i diritti della Chiesa e l’integrità dei co­stumi in Polonia e Ungheria, la­vorò attivamente a ristabilire la pace tra i partiti in Italia- Nicco­lò III Orsini morì dopo tre anni di pontificato per apoplessia in Soriano presso Viterbo il 20 ago­sto 1280. Fu accusato di nepotismo, anzi fu detto il “patriarca del ne­potismo", perché dei sei Cardi­nali da lui nominati tre erano Orsini e ai parenti conferì onori e ricchezze. Ma a sua difesa si può dire che le difficoltà politiche in cui si trovava allora l’Italia sug­gerivano al Pontefice di circondarsi di persone che lo aiutasse­ro nel governo e fossero a lui pienamente fedeli. Simone de Brion nato in Francia nel 1230, fu eletto a Viterbo Papa nel 1281 e assunse il nome di Martino IV. Era stato Guardasigilli di S. Luigi e Legato in Francia del B. Gregorio pp. X Visconti, di Adriano pp. V Fie­schi, Giovanni pp. XXI de’Giuliani e Niccolò pp. III Orsini. Il Con­clave che lo elesse durò sei mesi e alla sua elezione non mancò la pressione di Carlo d’Angiò che, aiutato da uno degli Annibalde­schi, nemico degli Orsini, imprigionò due Cardinali a lui contrari. Martino pp. IV di Brion fu de­voto agli interessi di Carlo d’Angiò, Re di Napoli, del quale sco­municò gli avversari politici. Re­vocò la Bolla di Niccolò pp. III Orsini sulla dignità di Senatore Romano, trasmettendola prima a se stesso e poi a Carlo d’Angiò. Durante il suo pontificato scop­piò la terribile sommossa dei Vespri Siciliani (1282). Martino scomunicò gli insorti e Don Pie­tro d’Aragona, che aveva assunto il titolo di Re di Sicilia, e lo depose dal suo Regno d’Aragona, Valenza e Barcellona, offrendolo a Carlo di Valois, figlio del Re di Francia Filippo l’Ardito. Nella riscossa tentata in una batta­g1ia navale il figlio di Carlo d’Angiò, Carlo lo Zoppo, fu vinto e de­portato prigioniero in Aragona. Martino Pp.IV de Brion moriva a Perugia il 29 marzo 1285, poiché a Roma mai era potuto entrare a causa dei continui tumulti. Va ricordato che nel 1281 si rinnovò lo scisma d’Oriente da Michele Paleologo, inasprito poi dal suo successore Andronico.

Emilio Benvenuto
1 continua

 

 

 

 

 

———————————————————————————————————–

Info pubblicitaria/ Ripartono le offerte del Bolle di Sapone

Dal 16 al 19 febbraio è in corso il nuovo volantino del Bolle di Sapone per
festeggiare insieme l’apertura nella nuova location di via Massimo
D’Azeglio, 1.

Alcuni esempi delle offerte da prima pagina: Dash fusione 100 misurini €
12,95; Coccolino ammorbidente ml.750 €1,10; Dove deo spray ml.150 € 1,50;
Pino Silvestre bagnoschiuma ml.750 € 1,50;…e tanto altro ancora.

Bolle di Sapone è il più fornito e competitivo druge-store presente a
Vieste.

Bolle di Sapone è in grado di soddisfare qualsiasi esigenza legata alla
pulizia della casa, al lavaggio dei tessuti, alla profumazione degli ambienti,
all’igiene della persona, alla cura dei più piccoli.

All’avanguardia rispetto al mercato locale, Bolle di Sapone propone la
più grande
varietà di prodotti, competenza e convenienza in un ambiente nuovo, moderno
ed accogliente.

Tutto il make-up, i profumi, le mode di tendenza e un universo ricco di
femminilità presente nel nuovo reparto Profumeria.

Il meglio anche per la casa, tutta la freschezza e l’igiene per chi ama
circondarsi di pulito. Un’ampia gamma di prodotti a disposizione, le
migliori marche e le ultime novità sempre in anteprima e offerte
sempre al massimo
della convenienza.

La novità assoluta è rappresentata dal nuovo spazio dedicato ai più piccoli
ed alle loro mamme: Bolle di Bimbo!
Bolle di Bimbo è la nuova area espositiva dove poter trovare alimenti e
latte per neonati delle migliori marche (Plasmon, Mellin, Aptamil, Humana,
Hipp…); pannolini (Pampers, Chicco, Huggies…); Biberon e ciucciotti
(Chicco e Avent); articoli per l’igiene infanzia (Fissan, Chicco, Euphidra,
Aveeno…); e tanto altro.
Bolle di Bimbo è il primo negozio specializzato per il bambino a Vieste.

Bolle di Sapone è a Vieste nella nuova sede di via D’Azeglio, 1 (di fronte
lo studio pediatrico della dott.ssa Cannarozzi) ed è aperto tutti i giorni
dal lunedì al sabato dalle 08.00 alle 13.00 e dalle 16.30 alle 20.00.

—————————————————–


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright