The news is by your side.

Vieste/ Al boss emergente Raduano 6 anni suo l’arsenale della mala

24

Cinque anni all’insospettabile ex vigilante che lo custodiva a casa.

 

 Sei anni di re­clusione per Marco Radua­no, 32 anni, viestano, rite­nuto il «proprietario» dell’ar­senale scoperto dalla Polizia nel giugno scorso; 5 anni in­vece per Matteo Dies, 43 anni, ex vigilante, incensu­rato, considerato colui che custodiva per conto del com­paesano fucili, pistole e mu­nizioni. E’ questa la sentenza pronunciata dai giudici del Tribunale di Foggia nel pro­cesso di primo grado a Ra­duano (è considerato un emergente della criminalità garganica, già presunto luo­gotenente del boss Angelo Notarangelo ammazzato in un agguato di mafia nel gen­naio 2015) e a Dies. Sono accusati di concorso in ri­cettazione e detenzione ille­gale di 6 fucili, 1 carabina, 5 pistole e munizioni anche per mitra Kalashnikov. Il pm chiedeva 7 anni di reclusione per Raduano, e 6 per Dies. L’avv. Paolo D’Ambrosio, difensore di Dies, che aveva confessato, chiedeva la condanna al minimo della pena: la difesa aveva pro­posto nei mesi scorsi di pat­teggiare condanne a 2 anni e 8 mesi prima; 3 anni poi; e infine a.3 anni e 6 mesi, ma la Procura aveva rifiutato ri­tenendo le pene basse. L’avv. Francesco Santangelo chie­deva l’assoluzione di Radua­no. Dies è ai domiciliari, Raduano in carcere anche per altre vicende. Agenti del commissariato di Manfredonia, colleghi della squadra mobile foggiana e del Reparto prevenzione cri­mine di Bari il 20 giugno 2015 eseguirono una perquisizio­ne in una casa di via Dante Alighieri a Vieste, in uso a Dies, rinvenendo l’arsenale e arrestando in flagranza l’ex vigilante. In occasione dell’arresto e del maxi-seque­stro, gli investigatori ipotiz­zarono che alcune delle armi potessero essere state usate per agguati avvenuti nell’ul­timo periodo a Vieste: le com­parazioni balistiche hanno dato esito negativo. Raduano fu arrestato per concorso in detenzione d’ar­mi, quale reale “proprietario” dell’arsenale, il primo agosto 2015 su ordinanza di custodia cautelare ai domi­ciliari del gip: per aver vio­lato gli obblighi imposti 1’8 ottobre successivo fu trasfe­rito in carcere. Contro Ra­duano ci sono due elementi: le dichiarazioni rese da Dies durante le indagini, quando disse di custodire armi e mu­nizioni per conto del compaesano; e una sua impronta digitale rinvenuta su uno dei fucili sequestrati. Al processo Dies si è av­valso della facoltà di non ri­spondere alle domande di pm e difesa, in quanto coimpu­tato. Le iniziali dichiarazioni contro Raduano quindi non sarebbero dovute entrare nel processo; il pm ha però chie­sto e ottenuto che fossero acquisite (l’avv. Santangelo si è opposto sostenendo che non c’è prova che il vigilante fos­se stato minacciato o gli fos­sero state promesse «utilità» per tacere in aula). In arringa il legale di Raduano ha so­stenuto che comunque le di­chiarazioni di Dies non po­tevano comunque essere uti­lizzate perchè le rese ai po­liziotti al momento dell’ar­resto, quando non era assistito da un legale; quanto all’impronta di Raduano su un fucile di difesa, ha con­testato le modalità e l’esito dell’accertamento di «scien­tifica». I difensori dei due garganici faranno appello contro la sentenza di primo grado.

 

——————————————————————————–

Info pubblicitaria/ All’Hotel Magnolia l’abbraccio dell’8 marzo

….per la mamma, la sorella, amica, fidanzata e moglie….

Diventa sempre più difficile trovare una donna che voglia aiutare il marito a lavare i piatti. Meglio godere dei festeggiamenti all’Hotel Magnolia…..
Una grande 8 marzo dedicato alla DONNA appassionata….
L’Hotel Magnolia vi accoglie nel suo scrigno dorato, per una cena con intrattenimento musicale dedicata alla donna che non si arrende mai……

All’Hotel Magnolia la FESTA DELLA DONNA non è solo l’8 marzo….
Info e prenotazioni 0884/ 708838

————————————————————————————-


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright