The news is by your side.

Vieste – Mercoledì 23 marzo consegna borse di studio “Falcone & Mobilio”

30

 

All’Auditorium del “Fazzini – Giuliani”
Il 23 marzo 2016 alle ore 10.00 presso l’Auditorium “Fazzini – Giuliani” si svolgerà la cerimonia di premiazione con borse di studio “Falcone & Mobilio”.

Saranno presenti: dirigente scolastico prof. Costanzo Cascavilla, dirigente dcolastico prof. Valentino Di Stolfo, dirigente scolastico prof. Pietro Loconte, dirigente dell’Ufficio V – Ambito Territoriale dott. Antonio D’Itollo, Sindaco di Vieste dott.ssa Ersilia Nobile, con la partecipazione straordinaria della Soprano Ricciotti, allieve del Conservatorio di Rodi Garganico (sede staccata di Foggia) e della prof.ssa Graziella Falcone.
Le borse di studio "Falcone – Mobilio" indette al “Fazzini – Giuliani” con lungimiranza dalle rispettive famiglie hanno determinato negli anni non un semplice “ricordare per non dimenticare” la perdita dei loro figli, ma un effettivo e reale perpetuare attraverso la formazione, la cultura dei ragazzi, il senso dell’essere in quanto tale, ossia la vita.
Saranno premiati, con altrettante borse di studio (3 Falcone – Mobilio e una MIUR), quattro studenti del quinto anno dell’I.I.S.S. "Fazzini – Giuliani" dell’a.s. 2014/2015.
In tale occasione saranno consegnate le Certificazioni Linguistiche agli studenti che hanno partecipato al viaggio-studio londinese nel mese di settembre 2015.

La comunità scolastica ringrazia per l’assiduità e l’impegno che le famiglie Falcone e Mobilio hanno mostrato in tutti questi anni incoraggiando gli studenti a perseguire gli alti valori della vita.
“Sublime è il senso di sgomento che l’uomo prova  di fronte alla grandezza della natura sia nell’aspetto pacifico, sia ancor più, nel momento della sua terribile rappresentazione, quando ognuno di noi sente la sua piccolezza, la sua estrema fragilità, la sua finitezza, ma, al tempo stesso, proprio perché cosciente di questo, intuisce l’infinito e si rende conto che l’anima possiede una facoltà superiore alla misura dei sensi.”
Immanuel Kant


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright