The news is by your side.

Apertura Bando riguardante l’Agricoltura Biologica del PSR Pugli 2014-2020

18

Il sostegno previsto per questa misura dello Sviluppo Rurale è finalizzato ad incoraggiare gli agricoltori a convertire le loro produzioni coltivate con il metodo convenzionale in quello biologico, come definito nel
Regolamento CE n.834/2007, e/o a promuovere il mantenimento delle pratiche di agricoltura biologica, rispondendo così ai bisogni espressi sempre più dalla collettività che chiede pratiche agricole rispettose dell’ambiente e produzioni agricole biologiche.

Sia per le imprese che adottano per la prima
volta il sistema di agricoltura biologico che per le imprese già in
biologico, è riconosciuto un premio per compensare i costi aggiuntivi e il
mancato reddito derivanti dagli impegni assunti.

La misura è suddivisa in 2 sottomisure:

·         Sottomisura 11.1 – Pagamenti per la conversione in metodi e
pratiche di agricoltura biologica

·         Sottomisura 11.2 – Pagamenti per il mantenimento di metodi e
pratiche di agricoltura biologica

MISURA 11.1

Sostiene l’impegno a convertire le superfici agricole condotte in
convenzionale al metodo di agricoltura biologica.

Il periodo di conversione della presente sottomisura è fissato in due anni o
tre anni a seconda della coltura in atto (2 anni per le superfici destinate
alle colture annuali e 3 anni per le superfici destinate alle colture
arboree), ai sensi del Reg. CE 834/2007, successivamente, il beneficiario
deve obbligatoriamente passare nella fase di mantenimento (sottomisura 11.2)
per la durata necessaria a completare il quinquennio.

La presente sottomisura è rivolta a agricoltori attivi che assoggettano per
la prima volta la SAU al sistema di agricoltura biologica, oppure ad
agricoltori attivi che sono già notificati al sistema di agricoltura
biologica e assoggettano nuove superfici al sistema di agricoltura
biologica.

MISURA 11.2

Sostiene la prosecuzione nel tempo di pratiche di agricoltura biologica.

L’impegno della presente sottomisura ha una durata minima di 5 anni.

BENEFICIARI

Agricoltori attivi

Imprenditore individuale agricolo (ditta individuale)

Società di fatto o irregolare, comunione ereditaria

Società di Persone

Società di Capitali

Associazione di Agricoltori:

1.   Organizzazioni di Produttori e le loro Associazioni, riconosciute ai
sensi della normativa vigente;

2.   Gruppi definiti all’art. 3, c. 2, del Reg. (UE) n.1151/2012, compresi i
Consorzi di Tutela delle DOP, IGP o STG riconosciuti ai sensi della
normativa nazionale, in particolare dell’art. 53 della Legge 128/1998 come
sostituito dall’art. 14 della Legge 526/1999 ove pertinente;

3.   Gruppi di produttori indicati all’art. 95 del Reg. (UE) n.1308/2013,
compresi i consorzi di tutela riconosciuti ai sensi della normativa
nazionale, in particolare dell’art. 17 del DLgs 61/2010 ove pertinente;

4.   Cooperative agricole di conduzione e cooperative di trasformazione dei
prodotti agricoli e loro Consorzi;

5.   Reti di imprese gruppi o organismi costituite in ATI od ATS o forme
associate dotate di personalità giuridica.

Tali forme sono specificate nel punto ah) del Capitolo 8 "Descrizione delle
misure selezionate" del PSR Puglia 2014-2020

·         I beneficiari della stessa sottomisura 11.2 sono tutti i soggetti
ammessi agli aiuti della Misura 214 Azione 1 del PSR Puglia 2007-2013 con
impegni in corso, derivanti dalla presentazione di una Domanda di Aiuto con
i precedenti bandi (2012 e 2015) della stessa Misura 214 azione 1.

REQUISITI DI AMMISSIBILITÀ AGRICOLTORE SINGOLO

1.      Iscrizione Anagrafe Aziende Agricole, tramite costituzione ed
aggiornamento del Fascicolo Aziendale;

2.      Superficie agricola utilizzata minima di 1 ettaro;

3.      Legittima conduzione delle superfici oggetto del premio secondo
quanto previsto dalla circolare Agea n.120 del 01/03/2016;

4.      Per le forme di conduzione non in proprietà, il titolo di conduzione
dovrà avere una validità almeno pari alla durata dell’impegno;

5.      Iscrizione al Registro Imprese della CCIAA, come Impresa Attiva;

6.      Assoggettamento ai metodi di agricoltura biologica dell’intera
superficie aziendale con apposita Notifica di Produzione Biologica
all’Organismo di Controllo ed alla Regione Puglia;

7.      Le particelle dichiarate in domanda devono risultare in
mantenimento, ossia derivanti da impegni assunti con domanda di aiuto della
misura 214 Azione 1 Agricoltura Biologica del PSR 2007/2013;

8.      Le superfici aziendali investite a serre e serre-tunnel dovranno
essere indicate in Notifica di Produzione Biologica e condotte con metodi di
Agricoltura Biologica, ma non potranno beneficiare dei premi corrispondenti
alle colture praticate;

9.      Le superfici dichiarate in domanda devono essere mantenute in uno
stato idoneo e soggette allo svolgimento di un’attività minima;

Il beneficiario può partecipare contemporaneamente ad entrambe le
sottomisure 11.1. e 11.2 per particelle diverse, con la presentazione di una
domanda per sottomisura di adesione, sulla base dei requisiti delle
superfici aziendali.

REQUISITI DI AMMISSIBILITÀ AGRICOLTORE ASSOCIATO

Gli Agricoltori Associati beneficiari devono possedere, alla data del 16
maggio 2016, e mantenere per l’intero periodo di impegno, i seguenti
requisiti di ammissibilità:

·         L’Associazione di Agricoltori Attivi, dovrà preesistere alla data
del 16 Maggio 2016;

·         Tra i singoli componenti dell’Associazione aderenti alla
sottomisura dovrà sussistere un Accordo Collettivo (A.C.), con i seguenti
requisiti minimi:

–          deve essere stipulato entro il 16 maggio 2016;

–          l’A.C. deve aggregare un numero minimo di associati pari a due
unità;

–          l’A.C. deve aggregare una S.A.U. minima di 50 Ha;

–          l’A.C. deve avere una durata minima non inferiore a 7 anni;

–          l’A.C. deve definire vincoli di adesione tra i singoli componenti
al fine di garantire la sussistenza dell’aggregazione nell’arco del periodo
di impegno, ossia la compagine dell’A.C. non potrà ridursi, per i
componenti, a meno di due aderenti nè potrà ridursi, per la S.A.U.
aggregata, a meno di 50 Ha;

–          l’A.C. deve definire i vincoli di comunicazione tra i singoli
aderenti ed in particolare prevedere che i singoli aderenti dovranno
comunicare eventuali variazioni relative a: titolarità dell’azienda,
variazioni catastali, variazioni in termini di superfici assoggettate al
controllo bio, eventuali provvedimenti sanzionatori da parte dell’OdC. Tali
variazioni dovranno essere comunicate da parte del singolo aderente al
legale rappresentante dell’Associazione di Agricoltori ed alla Regione
Puglia. Tali comunicazioni dovranno essere fatte entro 30 gg dal verificarsi
degli eventi suddetti;

–          l’A.C. deve definire i servizi comuni attuati dall’associazione
per i singoli componenti aderenti, quali per esempio: programmazione delle
colture, assistenza tecnica agronomica e fitopatologica per la gestione dei
cicli colturali, controlli di qualità, eventuale programmazione ed
assistenza per le fasi di raccolta, post-raccolta e commercializzazione;

–          disciplina delle eventuali sanzioni che l’Associazione degli
Agricoltori aderente alla sottomisura potrà applicare ai singoli aderenti
che non rispettino gli impegni previsti dall’A.C;

–          altri dettagli rilevanti ai fini del mantenimento degli impegni e
degli obiettivi della Misura 11 o collegamenti ad altre misure del PSR
Puglia 2014-2020;

–          l’A.C. deve essere sottoscritto dai singoli aderenti.

·         L’Associazione che intende aderire al bando,  dovrà
costituire/aggiornare il Fascicolo Aziendale dove viene riportata la Forma
Giuridica risultante all’Anagrafe Tributaria;

·         L’Associazione, che intende aderire al bando, se non già
notificata, dovrà presentare Notifica di produzione biologica con la
relativa indicazione dell’attività svolta (produzione e/o trasformazione e/o
commercializzazione e/o intermediazione);

ENTITÀ DEGLI AIUTI

L’aiuto è concesso sotto forma di pagamento per unità di superficie in base
al tipo di coltura ed è erogato annualmente per ettaro di superficie.

    
 

Premi Sottomisura 11.1

Premi Sottomisura 11.2

Coltura

 

Beneficiario Singolo

(euro/ha)

Beneficiario Associato

(euro/ha)

Beneficiario Singolo

(euro/ha)

Beneficiario Associato

(euro/ha)

Olivo da olio

447,60

482,60

377,00

380,40

Vite da vino

900,00

900,00

852,30

855,70

Vite da tavola

900,00

900,00

900,00

900,00

Agrumi

900,00

900,00

900,00

900,00

Ciliegio

900,00

900,00

900,00

900,00

Altri Fruttiferi

900,00

900,00

900,00

900,00

Cereali, Leguminose da granella e Foraggere

173,60

193,40

144,70

148,10

Pomodoro

600,00

600,00

443,70

447,70

Patata

378,00

409,50

293,70

297,10

Altri Ortaggi

469,20

500,60

327,70

331,10

Pascolo

20,40

22,10

18,00

19,50

 

 

TERMINI DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE:  16 maggio 2016

Per info:  Studio Tecnico Agroforestale Dott. Agr. Giuseppe Papagni via
Santa Croce n. 47 – 71019  Vieste (FG) – cell. 3471962856 tel. 0884708282
email: giuseppe.papagni@hotmail.it  giuseppe.papagni@hotmail.it


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright