The news is by your side.

Medici di base sul piede di guerra: “Ricetta telematica una mannaia solo per noi”

17

Medici di base sul piede di guerra, la ricetta dematerializzata imposta dal Ministero si è tradotta, per la categoria, in un pesante aggravio di spesa. In Puglia è tutto a carico dei medici, in altre regioni no.

 

 Gli assegni staccati sono da oltre 2000 euro l’uno. Ma ciò che riconosce loro lo Stato è poco più di 700 euro, netti. I medici di base sono sul piede di guerra perché, in Puglia, la ricetta telematica imposta dal Ministero si è trasformata in un boomerang.
Il punto è tecnico e ingarbugliato ma a conti fatti semplice da comprendere. Per poter produrre la ricetta dematerializzata occorre, un pc, un software , un tablet, una sim dati, un hd e, in un alcuni casi, una stampante, Inchiostro e risme di carta per stampare il foglio bianco che viene dato al paziente come promemoria. Alcune regioni non la stampano e si fermano al pc e sofware. Solo che non in tutta ItalIa il costo di tutta questa strumentazione è a carico dello stato o delle regioni. In Puglia, per esempio non lo è, ed è totalmente a carico dei medici che, però, ricevono quale indennità meno della metà delle spese da affrontare.
Ecco perché la categoria è sul piede di guerra: non tutti i medici guadagnano tanto da non avere problemi, quelli che non sono in distacco sindacale e che non hanno il numero massimo di pazienti consentiti, (1500) in realtà guadagnano cifre che permettono a stento di portare avanti l’attività che, dicono, da essere presidio del Sistema sanitario nazionale è trattata a livello tributario come un attività libero professionale. Perché – dicono – in Toscana, Emilia Romagna o Sicilia, per fare alcuni esempi, è tutto a carico dello Stato o della Regione, dai pc alle risme dei fogli per la stampate, e in Puglia nulla di tutto ciò?
Un spiegazione potrebbe venir dal fatto che le casse della sanità pugliese languono. Non ci sono soldi e anzi, bisogna colmare un buco da 950 milioni di euro per la spesa farmaceutica perennemente splafonata, motivo per il quale è stata annunciata dalla Regione una ulteriore stretta sui controlli sull’appropriatezza delle ricette, soprattutto relative agli antibiotici.
Fatto sta che i camici bianchi sono sul piede di guerra: “No ci resta che fare uno sciopero telematico – spiega Antonio Chiodo, presidente Snami Puglia – lo Stato ha voluto l ricetta dematerializzata, ma non possiamo essere noi a pagarne le conseguenze”

 

 

 

 

———————————————————————————————————————–

Informazione pubblicitaria/ Scopri la gran convenienza di FRUTTISSIMA

Da Fruttissima le occasioni all’ingrosso e al minuto che aspettavi.
Tanti differenti prodotti: dalla frutta, alla verdura per il tuo albergo, ristorante villaggio, comunità a prezzi all’ingrosso:

Fruttissima i tuoi acquisti anticrisi.

Vieni a verificare…..in via Bovio a Vieste

———————————————————————————-


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright