The news is by your side.

Vieste – IMPOSTA DI SOGGIORNO, SCATTA IL MONITORAGGIO GIORNALIERO DELLE PRESENZE

8

 

Con la modifica al “Regolamento” approvata in Consiglio comunale – Contrasto più efficace all’evasione – Pagamenti al Comune entro il giorno 5 del mese e non più entro il giorno 20

Si è svolto questa mattina, in prima convocazione, la prevista seduta del Consiglio comunale con all’ordine del giorno un unico argomento: la modifica dell’articolo 5 del “Regolamento” relativo all’imposta di soggiorno.

Assente il sindaco Giuseppe Nobiletti perché impegnato a Foggia, in aula erano presenti tutti i consiglieri e, per svolgere la seduta, è intervenuto il segretario comunale supplente Antonio Coccia.
Dopo un intervento per il gruppo misto di Annamaria Giuffreda (Pd) che ha lamentato la convocazione al mattino del consiglio comunale, una scelta che crea problemi sia ai consiglieri nel parteciparvi che ai cittadini nel seguire i lavori dell’assise municipale (peraltro ora in streaming video sul sito web del Comune), visto che spesso proprio al mattino molti hanno gli impegni  lavorativi.
Subito dopo, per illustrare l’argomento in discussione, ha preso la parola l’assessore al Turismo e vicesindaco Rossella Falcone che ha spiegato come la modifica dell’articolo 5 del vigente “Regolamento” relativo all’imposta di soggiorno si è resa necessaria perché il Commissario prefettizio, con un provvedimento specifico, aveva previsto che la denuncia al Comune delle presenze nelle strutture turistiche della città avvenisse non più alla fine di ogni mese bensì con cadenza giornaliera. Per rendere operativa tale nuova scadenza per l’imposta di soggiorno si sarebbe dovuto aggiornare l’apposito software presente sul sito web del Comune. In quella fase si era però a pochi giorni dal voto per le elezioni comunali e quindi il tutto è stato posticipato con un successivo provvedimento commissariale, a seguito di una specifica richiesta del Consorzio “Gargano Mare”.

Con l’insediamento della nuova Amministrazione, ha spiegato la Falcone, si è subito affrontato il problema anche perché si era in piena stagione turistica e si doveva dare certezza operativa alle aziende del settore. Così, in collaborazione con il consigliere Sandro Siena, incaricato per l’informatizzazione degli Uffici e dei Servizi Comunali, è stata contattata la società “Innova Puglia” che per conto della Regione ha realizzato il software di S.P.O.T. (Sistema Puglia per l’Osservatorio Turistico) che le aziende turistiche sono obbligate ad usare per adempiere all’obbligo di comunicare le presenze per finalità statistiche. Si è pertanto ottenuto, d’intesa con la società “Stay Tour” che ha realizzato il software per l’imposta di soggiorno per il Comune di Vieste, di far sì che dal sistema S.P.O.T., aggiornato quotidianamente per arrivi e partenze, come per le dichiarazioni alloggiati alla Questura, venga generato un file con tutti i dati che deve essere inoltrato al sistema del Comune.
“In tal modo, a costo zero per i nuovi software realizzati – ha tenuto a sottolineare l’assessore Falcone – si raggiungerà l’obiettivo di monitorare giornalmente i flussi delle presenze ai fini dell’imposta di soggiorno, facendo scattare nel caso gli opportuni controlli del caso. Il tutto renderà peraltro più agevole il lavoro alle aziende turistiche che già devono districarsi fra tanti adempimenti”.

Per spiegare nel dettaglio tecnico le modalità operative è intervenuto il consigliere Sandro Siena che ha evidenziato fra l’altro come il monitoraggio giornaliero servirà a recuperare quel “potenziale” di imposta di soggiorno, per circa 700 mila presenze, che si è riscontrato nel confrontare per il 2015 i dati aggregati di S.P.O.T per Vieste con quelli affluiti al Comune per il tributo comunale.  Siena ha poi assicurato che nell’arco di qualche giorno sarà predisposta un’adeguata comunicazione esplicativa, sia descrittiva che con un apposito “tutorial” video da inviare alle aziende turistiche che potranno comunque godere anche di un contatto diretto per eventuali problemi.

La nuova procedura andrà in vigore a partire dal 1° agosto 2016. Prima di tale data la modalità di comunicazione e di versamento delle somme dovute a titolo di imposta di soggiorno relativamente ai mesi di giugno e luglio 2016 dovrà avvenire seguendo le direttive previste antecedentemente alle modifiche apportate. Pertanto entro 20 giorni successivi alla fine dei mesi di giugno e luglio 2016 il gestore della struttura ricettiva comunica al Comune il numero di coloro che hanno pernottato nel corso del mese precedente, unitamente al relativo periodo di permanenza. Le somme riscosse a titolo di imposta dalla struttura nel corso dei sopracitati mesi devono essere versate entro il giorno 20 del mese successivo.
Successivamente. con la nuova procedura, il pagamento dovrà essere fatto entro il giorno 5 di ogni mese. 
Sulla questione è intervenuto il capogruppo del gruppo misto Nicola Rosiello (Forza Italia), assessore al Turismo per i due mandati del sindaco Ersilia Nobile, che ha contestato la fretta nel voler attuare queste modifiche nel pieno della stagione turistica anziché realizzare un più ampio aggiornamento del “Regolamento” nelle prossime settimane per poi farlo entrare in funzione dal prossimo anno, dando così alle aziende turistiche il tempo necessario per adeguarsi.
A seguire ha preso la parola il consigliere di “Clemente SI’” Antonio Montecalvo che ha eccepito alcuni rilievi di carattere giuridico sulle modifiche apportate che potrebbero generare delle incongruenze.
Al momento della votazione i due gruppi di opposizione (gruppo misto e “Clemente Si’”), con cinque consiglieri,  hanno votato contro e la maggioranza (gruppo “ViesteSeiTu”), con undici consiglieri, ha votato a favore.


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright