The news is by your side.

Vieste/ Clemente Sindaco: RESOCONTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEL 28 LUGLIO

14

Riceviamo e pubblichiamo.

 

 Nel consiglio comunale del 28 luglio, il quarto in un mese, l’ordine del giorno prevedeva tra gli argomenti la gestione del parcheggio del Lung. Europa; gli equilibri di bilancio; la variazione dell’art.7, sanzioni, del Regolamento sull’imposta di soggiorno; la variazione dell’area assegnata alla società del porto Aurora e il nuovo Regolamento di Contabilità, oltre che il riconoscimento di due debiti fuori bilancio e l’approvazione di una variante urbanistica per la demolizione e ricostruzione di un ristorante all’interno di un villaggio turistico.
Rendiconto 2015
Purtroppo, per il mancato rispetto dei termini per la consegna dei documenti, l’accapo è stato rinviato ad altra data.
L’amministrazione ancora non ha compreso che il funzionamento del Consiglio Comunale prevede il rispetto di termini per consentire l’esame dei documenti.
Parcheggio del Lungomare Europa
L’amministrazione pur indicando nell’accapo la presenza di “direttive” da parte del Consiglio ha previamente approvato in Giunta le nuove modalità di gestione e di utilizzo del parcheggio.  
Non è stata data, pertanto, la possibilità ai consiglieri e, quindi, all’opposizione di discutere e vagliare le direttive per utilizzare al meglio il parcheggio.
Per il consigliere Clemente l’ordine del giorno era sbagliato perché si doveva solo votare la variazione di bilancio per l’acquisto dei parcometri che l’amministrazione ha deciso di installare.
Il consigliere Montecalvo ha evidenziato che per quell’area, molto estesa e lontana dal centro, diversa dalle altre vie o piazze destinate a parcheggio, non è possibile farla utilizzare gratuitamente e senza alcun sistema di vigilanza dall’una alle 8 del mattino, con il rischio di farla diventare un “camping”.
Il consigliere Marchetti ha ricordato che l’abbandono di un immobile comunale, quale la sede del cinema Adriatico, prima che venisse dato in gestione, aveva visto i muri pieni di scritte, angoli usati come orinatoi e resti di bottiglie.
L’attuale gestore è stato costretto così a mettere cancelli ovunque.
Allora siamo certi di poter garantire la sicurezza di un’area così vasta e distante dal centro se non si riesce a controllare ciò che sta in una zona centrale e dove c’è addirittura il comando della Polizia Municipale?
Quindi, il gruppo “Clemente sindaco sì” ha proposto invece di predisporre un nuovo Bando per affidare la gestione e la manutenzione del parcheggio dell’area al Lungomare Europa ai privati, mentre il pagamento del tributo per gli spazi destinati al mercato quindicinale potrà essere versato direttamente al Comune di Vieste.
Affidare questo parcheggio ai privati è, infatti, garanzia di un’entrata sicura in termini di canone che verrà stabilito e anche, soprattutto, un modo per non perdere il controllo di questo parcheggio.
Il Sindaco ha cercato di rassicurare sulla sicurezza e l’utilizzo del parcheggio ma senza convincere nessuno, soprattutto quando ha riferito che il Comune potrà guadagnare 10 volte di più dei vecchi introiti, pari a circa 50 mila euro.
Vedremo nelle prossime settimane.

Il nuovo Regolamento di Contabilità
In base ai nuovi principi contabili, è stato predisposto un nuovo Regolamento di Contabilità che stabilisce le procedure per gestire le entrate e le spese del Comune ma anche le attività di programmazione finanziaria e di investimento.
Si tratta di un documento importante ma anche molto corposo che avrebbe richiesto uno studio accurato e non certamente fatto in pochi giorni, scopiazzando acriticamente altri regolamenti comunali, senza consentire la presentazione di emendamenti.
Il consigliere Clemente, all’uopo, ha evidenziato che anche il “nuovo” regolamento è di fatto già superato,  portando all’attenzione del Consiglio alcuni esempi utili a comprendere cosa sarebbe stato necessario modificare.
La maggioranza, anche in questo caso, brancola nel buio e non studia gli argomenti.
Il gruppo “Clemente sindaco sì”, all’atto del voto, per senso di responsabilità, si è astenuto.

Gli equilibri di bilancio
Il consigliere Clemente, dall’analisi dei documenti, ha evidenziato che dall’accapo non emerge in alcun modo la linea di programma dell’amministrazione.
Sui social il Sindaco e la sua maggioranza hanno annunciati i controlli e maggiore legalità, mentre non c’è alcun interesse a incassare di più con la tassa di soggiorno controllando quelle strutture che non l’hanno mai versata: non si programma di spendere nemmeno un euro di quello che dovrebbe essere incassare facendo i controlli alle strutture turistiche.
Ecco la ragione per la quale i consiglieri del gruppo VIESTESEITU hanno votato no alla mozione presentata dal gruppo “Clemente sindaco sì” con la quale si chiedeva di destinare ed utilizzare le somme stimate dal Commissario per la tassa di soggiorno relativa all’anno 2015.

Variazione dell’art.7 del Regolamento Imposta di soggiorno
Il gruppo “Clemente Sindaco sì” ha votato no alla modifica dell’art. 7 che riguardava le sanzioni previste per le strutture turistiche che non compilano il Registro Giornaliero delle Presenze in vigore dall’1 agosto.
Il ritardo nella consegna di questa proposta di delibera non ha permesso lo studio dei documenti per presentare gli emendamenti utili a migliorare l’articolo che si riferisce alle sanzioni previste.
Il consigliere Montecalvo ha ripetuto ancora una volta che il rispetto dei tempi evita perdite di tempo e la possibilità di commettere errori, atteso che anche l’art.7 contiene parti illegittime che potrebbero consentire ad eventuali ricorrenti di non pagare il dovuto.
Al riguardo, il gruppo ha presentato interrogazione a risposta scritta per conoscere nel dettaglio ciò che l’amministrazione sta facendo sul fronte dei controlli circa la tassa di soggiorno, ma senza alcun riscontro.

La variazione dell’area assegnata alla società del porto Aurora
La delibera in discussione prevede di togliere dall’area concessa alla società Aurora la testata del molo e la strada di servizio per affidarla alla gestione del Comune di Vieste che deve assumerne la gestione, la manutenzione, la responsabilità, il costo dell’illuminazione.
Il consigliere Montecalvo ha, dapprima, sottolineato che è il Consiglio Comunale che impone le direttive alla società Aurora e non il contrario, come avvenuto, scavalcando i consiglieri in palese violazione di legge e calpestando tutte le precedenti delibere comunali di indirizzo che, comunque, non sono state né richiamate né tantomeno modificate.
È probabile se non certo che il Sindaco e la sua maggioranza neppure conoscano l’esistenza delle delibere di indirizzo del Consiglio Comunale.
Non è certamente ammissibile che il Consiglio Comunale debba essere scavalcato dal consiglio di amministrazione della società Aurora.
La delibera, così come approvata, inoltre, comporta solo maggiori oneri per il Comune.
Secondo il consigliere Clemente sarebbe stato necessario rileggere le precedenti delibere consiliari che contengono gli indirizzi per la gestione del porto e dei suoi servizi. Il Consiglio Comunale deve procedere alla modifica di quegli indirizzi precedenti e poi si può procedere a dare indicazioni alla società Aurora, non il contrario. Pertanto il consigliere Clemente ha chiesto il rispetto della legalità, richiamando la necessità di modificare il piano di razionalizzazione che è obbligatorio, secondo i nuovi indirizzi che solo il Consiglio Comunale può stabilire.

Il gruppo “Clemente sindaco sì” si auspica che il lavoro consiliare possa finalmente svolgersi nel rispetto dei tempi, dei ruoli e delle leggi: sino ad oggi il Sindaco Nobiletti, pur professando a parole il rispetto della legge, nei fatti non ha risposto alle ripetute sollecitazioni della opposizione.

IL GRUPPO “CLEMENTE SINDACO

 

 

 

———————————————————————————————————————–

Info Pubblicitaria/ Alla Garganica Funerali con servizi personalizzati

Funerali completi compreso spese cimiteriali + manifesti di ringraziamento + manifesti di trigesimo + 15 immaginette a scelta, tutto con la massima professionalità.

Alla Garganica vasta esposizione di cofani funebri

Nella nostra esposizione trovate diversi modelli di cofani funebri in legni pregiati, con rifiniture di eccellente qualità e dotate di numerosi accessori per la personalizzazione secondo le indicazioni del defunto e le preferenze di familiari ed amici. Preventivi gratuiti.

Alla Garganica Marmi in esclusiva anche vera e propria ARTE FUNERARIA.
Marmeria la GARGANICA e Onoranze Funebri dei fratelli Pecorelli
Assistenza telefonica h 24: per un preventivo che non ti costa nulla.

0884/ 701740 – 348/3978495

————————————————————————————


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright