The news is by your side.

Trabucchi sul mare i “ragni” del Gargano amati da Capossela

16

Le costruzioni secolari usate dai pescatori per i cefali sono diventate ristoranti e mete di visite guidate.

 

 Mimì, emigrante in Cana­da, a migliaia di chilo­metri, oceano compre­so, dall’amatissimo mare di Peschici, disegnava trabucchi sui fogli. Per nostalgia: «Lo raccon­tava sempre mia nonna», ricor­da Domenico Ottaviano, lo stes­so nome di suo nonno, il "Miche­langelo dei trabuccolanti", scomparso appena un mese fa. Il Trabucco da Mimì, a Punta San Nicola, amatissimo da Vini­cio Capossela («viene qui a ripo­sarsi») è uri punto di riferimen­to, un simbolo, frequentatissi­mo dai giovani che ci vanno a fa­re l’aperitivo al tramonto, un ri­storante e ci sono anche due pic­cole stanze vista mare molto ambite. Mimi tornò dal Canada e prese a dare corpo a quei disegni, venti in tutto, in tutta la Puglia ma anche fuori, fino a Livorno. «Allora andava così, costruivi un trabucco ma chi te l’aveva commissionato quasi sempre non aveva tutti i soldi per pagar­ti e così mio nonno finiva per en­trare in comproprietà. Questo è suo e già dal ’75 il pescato lo cu­cinava per i clienti ed è stata l’intuizione giusta perché, a un certo punto, quando la pesca andava morendo, la trasforma­zione in ristoranti ha contribui­to a salvare i trabucchi conser­vandone la conoscenza», ritie­ne Domenico, 26 anni. «Il trabucco per me è la famiglia e ora è anche il suo lavoro. Il suo futuro. Per i trabucchi qualcosa è cambiato, due anni fa una leg­ge regionale e 200mila euro che stanno per arrivare per i re­stauri. A ricordarlo è Gianni Spalatro che con la onlus "La ri­nascita dei trabucchi" s’impe­gna quotidianamente e da anni per recuperarli e, soprattutto, tramandare l’ingegno antico di queste strutture lignee del seco­lo scorso, pensate per pescare dalla costa, fronteggiando così il mare difficile, umorale e, fino agli anni Settanta, pescoso. «I trabucchi sono nati dall’esigen­za di intercettare le migrazioni – dei cefali, sistema di pesca fortunato quando c’era pesce ma quando la pesca sottocosta è an­data in crisi, il trabucco che è una macchina complessa è sta­to abbandonato». Infatti sul Gargano, essenzialmente nel tratto di costa tra Peschici e Vie­ste, ce n’erano quasi 50, ora ne rimangono tracce di 16, a Vie­ste, Molinella, La Chianca, Pun­ta Lunga, Punta San Lorenzo, Porticello, Torre Porticello, Punta San Francesco, La Ripa, Pun­ta della Testa e Punta Santa Croce e a Peschici, Monte Puc­ci, Punta San Nicola, Furcichel­la, Punta Manacora, Torre Cala Lunga e Cala Lunga. Di questi circa la metà restaurati e opera­tivi. Alcuni, come quello di Pun­ta Manacora a Peschici, di una bellezza vertiginosa, con risto­rante a strapiombo, un piccolo museo della pesca («scavato da noi, piano piano», ricorda l’istituzione del posto Rocco detto Frank, una specie di pirata garganico dall’ accento milanese) che penetra la montagna e sbuca dalla roccia su una loggetta li­gnea sospesa sui flutti, incredibilmente. «Per noi sono un bene culturale, per questo organizziamo appuntamenti di pesca divulga­tiva, anche di notte». L’anno scorso sono arrivati a 8mila visite, segnalate da Lone­ly Planet e dal New York Times (descritte sul sito trabucchidel­gargano.it) e che hanno porta­to all’associazione, qualche giorno fa la bandiera di Golet­ta Verde, come «esempio di tu­rismo esperienziale ed emozio­nale». I 200 mila euro in arrivo saranno impegnati per il re­stauro attraverso dei bandi e per formare futuri trabuccolan­ti. "il trabucco"è legno sul mare» e, peraltro, assai esposto: so­lo qualche settimana fa, infatti, quello di Rodi Garganico ha pre­so fuoco. Inoltre, è struttura ati­pica che insiste sul territorio del demanio e, mentre a Vieste sono state attivate concessioni demaniali, a Peschici non anco­ra. Anche Gianni Spalatro, fi­glio del trabuccolante Vincen­zo, costruttore dei trabucchi di Punta Santa Croce e di Punta San Lorenzo, ha un sogno: «La­sciare il mio lavoro e mettermi a ricostruire trabucchi».

Antonella Gaeta
barirepubblica

 

 

 ————————————————————————————————————————

Info pubblicitaria al Bolle di Sapone gel solari BILBOA con il -50% di sconto

Fino a domenica 14 agosto al Bolle di Sapone le protezioni Bilboa Gel Solare sono scontate del -50% per un’estate all’insegna della bellezza e delle offerte al Bolle di Sapone.
 
 Bolle di Sapone è il più grande, fornito e competitivo store di Igiene
Casa&Persona presente a Vieste.

Bolle di Sapone è in grado di soddisfare qualsiasi esigenza legata
alla pulizia della casa, al lavaggio dei tessuti, alla profumazione degli
ambienti, all’igiene della persona, alla cura dei più piccoli.

All’avanguardia rispetto al mercato locale, Bolle di Sapone propone la più
grande varietà di prodotti, competenza e convenienza in un ambiente moderno
ed accogliente.

Tutto il make-up, i profumi, le mode di tendenza e un universo ricco di
femminilità presente nel nuovo reparto Profumeria.

Il reparto Merceria con le aziende leader del settore come Pompea, Jadea
e tante altre con leggings, coordinati, slip o calze per la donna, l’uomo
e il bambino e i bellissimi slip e boxer mare per bimbi dei personaggi
Disney.

Il meglio anche per la casa, tutta la freschezza e l’igiene per chi ama
circondarsi di pulito. Un’ampia gamma di prodotti a disposizione, le
migliori marche e le ultime novità sempre in anteprima e offerte sempre al
massimo della convenienza.

Bolle di Sapone è a Vieste in via D’Azeglio, 1 ed è aperto tutti i giorni,
compresa la domenica, con orario continuato dalle 8.00 alle 21.00

———————————————————————————————————————

 

 

 

 

 

 

 


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright