The news is by your side.

A Peschici la FESTA DELLA SPERANZA

10

Dario Vassallo, presidente della Fondazione Angelo Vassallo sindaco pescatore: “un riconoscimento per il sindaco Tavaglione”.

 

 “Siamo contenti di andare a Peschici per la Festa della Speranza, il Comune garganico e il sindaco Franco Tavaglione si meritano questo riconoscimento". Così il presidente del­la Fondazione Angelo Vassallo, Dario Vassallo, sancisce il legame con il Gargano e con la Puglia, che ospiterà il prossimo 5 set­tembre la commemorazione dell’ anniversario della morte del Sindaco Pescatore, ucciso dal­la mafia sei anni fa. L’appuntamento, che negli anni scorsi ha toccato anche Casal di Principe, simbolo della terra di camorra, è diventato un momento di rete e raccordo per tutti quegli am­ministratori pubblici che, sulle orme del sinda­co di Pollica, vogliono fare della battaglia per la legalità, per l’ambiente, per l’autenticità del territorio e per la tutela del mare i punti cardini della loro esperienza pubblica. "Se verranno tutte le personalità a cui sto inviando gli inviti, quella di Peschi sarà una giornata di altissimo livello. Peschici con una deliberazione di con­siglio comunale fa parte della Fondazione sin dal 2013, con il sindaco Tavaglione ho un otti­mo rapporto, sono venuto diverse volte a Pe­schici e in Puglia per presentare il libro e i nostri progetti. 3 o 4 anni fa non era semplice aderire, c’era ancora chi gettava fango sulla figura di An­gelo, per questo l’adesione di Tavaglione è sta­to un atto importante. Non ho mai guardato al­l’appartenenza politica, nel 20 12 il Comune di Finale Ligure, amministrato da un sindaco di centrodestra, dedicò un piazzale ad Angelo Vassallo, c’è chi è restio a capire le cose. Noi fac­ciamo un percorso di legalità, scegliamo i sin­daci per quello che fanno". Carovigno, Massa­fra, Ostuni, Alberobello. La rete pugliese è larga, rafforzata dalla relazione con la Provincia di Foggia e col vicepresidente Rosario Cusmai, con cui, come spiega Dario Vassallo,"si è creato un buon rapporto per il referendum anti tri­velle, che secondo alcuni abbiamo perso, ma che secondo me abbiamo vinto, perché abbia­mo scosso le coscienze". E aggiunge: “il 31 gennaio nella sala della Provincia di Foggia c’erano centinaia di sindaci, il cammino è stato duro, ma abbiamo dimostrato che le comunità pos­sono dire la loro. Anche con Michele Emiliano abbiamo un buon rapporto". La Fondazione è impegnata con decisione e passione nel pro­getto dalla pulizia dei fondali marini, quello a cui Angelo Vassallo teneva di più. In seguito ad un accordo stipulato il 20 novembre 20l0, tra la Fondazione  “Angelo Vassallo sindaco pescatore”, il Comune di Pollica e i Comandanti dei Pe­scherecci dei porti di Acciaroli, Agnone e Pisciotta, viene effettuata la regolare pulizia dei fondali marini. Ogni peschereccio riceve in dotazione contenitori ove depositare bottiglie di vetro, plastica, lattine di alluminio e quant’al­tra si impigli nelle reti. Il materiale recuperato viene consegnato agli operatori ecologici del Comune e in seguito conferito, già differenzia­to, in discarica. Il progetto "Pulizia dei Fondali Marini", è stato selezionato dall’Ambasciata USA per rappresentare l’Italia in un programma internazionale chiamato "OurOcean Youth Ambassadors" Lorenzo Vassallo partirà con al­tri 24 giovani per un viaggio – studio in USA che inizierà il 4 settembre da San Francisco e termi­nerà a Washington DC il 15 settembre con la partecipazione al "Youth Leadership Summit: Our Ocean, OneFuture", la conferenza mondiale degli oceani, organizzata dalla George­town University in concomitanza della conferenza promossa dal Segretario di Stato, John Kerry. I Paesi che parteciperanno sono: Australia, The Bahamas, Bangladesh, Ca­nada, Chile, Costa Rica, Croatia, Egypt, Fiji, France, Italy, Japan, Kuwait, Malaysia, Maldi­ves Malta Mauritius, Mexico, Morocco, Mo­nzambique, Palau, Perù, Philippines, South Afri­ca, United Republic of Tanzania. "Siamo partiti nel 20l2 con questo progetto, i pescatori puliscono i fondali per cultura. Fu pri­ma una proposta di legge con Gianni Pìttella, poi è passata in Commissione Ambiente fino ad essere approvata nella legge di stabilità. Sta og­gi ai sindaci e ai governatori farla attuare. I pescatori prendono la plastica e la portano a riva, questa azione va premiata con un pie­colo bonus", osserva Dario Vassallo. I pesca­tori vanno aiutati, in un momento in cui la pesca è in crisi. "Non si vive nei mari, si soprav­vive, la pulizia dei fondali deve diventare un di­scorso culturale". Tra le iniziative a cui la Fon­dazione tiene molto c’è la Rete dei Comuni Mafia free, ma Vassallo tiene a precisare: "Noi non facciamo antimafia con le chiacchiere, lavoria­mo con i nostri soldi e con quelli di qualche be­nefattore". Niente Pon sicurezza e altri benefìt, insomma, "C’è la rete dei bravi sindaci, il nostro è un cammino diverso dalla politica attuale, il riferimento è Angelo Vassallo". I sindaci e le amministrazioni che vogliono far parte della rete Mafia Free devono attenersi ad un decalogo composto da "dieci regole molto semplici", secondo Dario Vassallo: i dirigenti devono ruota­re e non coltivare orticelli gestionali lunghi decenni, gli appalti non possono essere vinti da fa­miliari fino al sesto grado, non devono essere assunti familiari, si deve superare il 50% di rac­colta differenziata, si deve compiere una lotta serrata alle slot machine. A ben vedere le rego­le non sono per niente così semplici, soprattut­to al Mezzogiorno. Ma sono già diversi i Comu­ni che stanno tentando di aderirvi, soprattutto in Emilia Romagna con Castelnovo ne’ Monti e Rubiera, ma anche il Comune di Bacoli e Casalnuovo nell’area della cintura napoletana. Con una lettera ed una cerimonia la Fondazione ha annunciato il riconoscimento ai diversi centri di Comune Mafia Free "avendo constatato quanto le amministrazioni comunali stiano adoperando misure al fine di scongiurare even­tuali (e purtroppo sempre possibili) infiltrazio­ni mafiose e con quale limpidezza e spirito di collaborazione essa abbia compiuto ogni atto amministrativo". "La rete dei Comuni Mafia Free è un progetto che vuole mettere insieme quei comuni che si impegnano a realizzare le prescrizioni antima­fia elencate nel decalogo che abbiamo elabora­to con l’Associazione antimafia RES Modena e Reggio Emilia, presieduta dalla giornalista Lau­ra Caputo. L’intento è quello di fare rete affin­ché nessuno si senta solo ad affrontare il pro­blema della criminalità organizzata e dei pote­ri mafiosi che hanno un’elevata capacità di in­filtrarsi nel tessuto economico e sociale di un territorio, instaurando relazioni con la società civile e alimentandosi con la collusione e la corruzione”.

Antonella Soccio
L’attacco

 

 

 

 ———————————————————————————————————————

Info pubblicitaria/ Elettronica Monaco: è tempo di cambiare i vecchi condizionatori!!

Alcune delle SUPER OFFERTE del momento.

CONDIZIONATORE 12000 BTU INVERTER MIDEA A SOLI 419,00EUR

CONDIZIONATORE 9000 BTU INVERTER MIDEA A SOLI 389,00EUR

FARO LED 100W PREMIUM IP66 A SOLI 79,00EUR

FARO LED 50W PREMIUM IP66 A SOLI 49,00EUR

LAMPADA LED ATTACCO E27 V-TAC 12W A SOLI 4,40EUR

LAMPADA LED ATTACCO E27 V-TAC 10W A SOLI 3,40EUR

VENITE A SCOPRIRE LA VASTA GAMMA DEI NOSTRI PRODOTTI LED!!

SEGNAPASSI,APPLIQUE,PLAFONIERE,LAMPADARI,UP & DOWN,

ILLUMINAZIONE PER ESTERNO E GIARDINI E TANTO ALTRO!!

MONACO ELETTRONICA di MONACO M.

  ILLUMINAZIONE LED – VIDEOSORVEGLIANZA
                     MATERIALE ELETTRICO
               ELETTROMECCANICA-ACCESSORI

            VIESTE (FG) 71019-VIA S.QUASIMODO 75/D

MOBILE 3467463705-FISSO  0884270631
EMAIL-monacoelettronica@outlook.it

         

——————————————————–

 

 

 

 

 

 

 


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright