The news is by your side.

Il giallo della piattaforma petrolifera: passa da Peschici e scatena malumori

12

Visibile a occhio nudo dai bagnanti mentre viene trainata in direzione sud è forse di un impianto in dismissione in Abruzzo. I No Triv pronti a ridare battaglia: mare in pericolo.

 

 Comparsa lungo la linea dell’orizzonte due giorni fa. Visibile ad occhio nudo da migliaia di turisti, villeggianti che affollano le spiagge del Gargano. Una piattaforma utilizzata dalle società petrolifere è transitata lungo la costa in direzione sud. Probabilmente proveniva dall’Abruzzo, dove è in corso lo smantellamento della piattaforma Ombrina di Mare. Ma il condizionale è d’obbligo perché non ci sono conferme ufficiali su provenienza e destinazione. Il primo a lanciare l’interrogativo con un tweet, con una foto scattata da lui stesso, è stato il consigliere regionale, Giannicola De Leonardis che si trovava al largo tra Peschici e Vieste.
La vista di quella piattaforma in mare ha riacceso le polemiche sulla questione delle trivelle in Adriatico, sul naufragio del referendum «boicottato dal Governo» (è questa una delle accuse) e su cosa accadrà di qui ai prossimi mesi e anni con le numerose richieste che giacciono presso il Ministero riguardo prospezioni alla ricerca di gas e petrolio lungo tutto l’Adriatico meridionale. La piattaforma avvistata al largo del Gargano, dunque, potrebbe essere la Jack-up che per una ventina di giorni ha operato al largo di San Vito chietino su Ombrina di Mare 2 per la chiusura mineraria dell’impianto che si trova a circa 3 miglia dalla costa e per la cui dismissione si sono battute le popolazioni locali e il movimento No Triv con le associazioni ambientaliste.
«Uno spettacolo che amplifica l’amarezza per una battaglia referendaria che avrebbe potuto e dovuto cambiare il corso degli eventi, e indurre il Governo nazionale – dopo la grande mobilitazione che ha portato 15 milioni e 800 mila italiani (poi sbeffeggiati con un irriguardoso ‘ciaone’) a pronunciarsi in merito – a cambiare rotta, per privilegiare all’improbabile ricerca di petrolio nel nostro mare un futuro legato al turismo ecosostenibile, alla pesca, all’ambiente. Privilegiando i cittadini alle multinazionali» è il commento del consigliere regionale Giannicola De Leonaordis. «Così non è stato e così sembra non sarà, ed è una sconfitta amara non solo per chi ha creduto e crede nel coinvolgimento pieno degli enti e delle comunità e nel confronto, ma anche per chi pretende di imporre dall’alto scelte destinate a ripercuotersi negativamente a ogni livello non solo nell’immediato, ma anche e soprattutto nel medio e lungo periodo».

A.C.
Corriere del mezzogiorno

 

 

 

 

———————————————————————————————————————

Info pubblicitaria/ Elettronica Monaco: è tempo di cambiare i vecchi condizionatori!!

Alcune delle SUPER OFFERTE del momento.

CONDIZIONATORE 12000 BTU INVERTER MIDEA A SOLI 419,00EUR

CONDIZIONATORE 9000 BTU INVERTER MIDEA A SOLI 389,00EUR

FARO LED 100W PREMIUM IP66 A SOLI 79,00EUR

FARO LED 50W PREMIUM IP66 A SOLI 49,00EUR

LAMPADA LED ATTACCO E27 V-TAC 12W A SOLI 4,40EUR

LAMPADA LED ATTACCO E27 V-TAC 10W A SOLI 3,40EUR

VENITE A SCOPRIRE LA VASTA GAMMA DEI NOSTRI PRODOTTI LED!!

SEGNAPASSI,APPLIQUE,PLAFONIERE,LAMPADARI,UP & DOWN,

ILLUMINAZIONE PER ESTERNO E GIARDINI E TANTO ALTRO!!

MONACO ELETTRONICA di MONACO M.

  ILLUMINAZIONE LED – VIDEOSORVEGLIANZA
                     MATERIALE ELETTRICO
               ELETTROMECCANICA-ACCESSORI

            VIESTE (FG) 71019-VIA S.QUASIMODO 75/D

MOBILE 3467463705-FISSO  0884270631
EMAIL-monacoelettronica@outlook.it

         

——————————————————–


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright