The news is by your side.

Vico/ Centro Storico, “perché ci siamo incazzati”

23

Riceviamo e pubblichiamo.

Quelli della mia generazione vengono da una lunga stagione di sogni: gli anni 60; la più affascinante e coinvolgente produzione musicale; i grandi gruppi; i grandi concerti; i figli dei fiori; i figli del bum economico; le rivoluzioni armate di chitarra; i Beatles; i Creedence Clearwater Revival; le motociclette di Easy Rider; mettete dei fiori nei vostri cannoni, ecc. Abbiamo avuto la fortuna di nascere e vivere in mezzo al più grande patrimonio paesaggistico, storico, architettonico del mondo. Possiamo dire, come Michelangelo Manicone, nell’ombelico di Giove. Questo mondo e questa magia siamo riusciti a protrarla fino agli anni 70/80, poi, quelli più istruiti di noi, ci hanno convinti della politica del “ fare “ e invece di fare della tutela e della valorizzazione di questi contesti il caposaldo della loro opera, hanno finito per circondarci di centinaia, migliaia di mostri e mostriciattoli senza valore e senza gusto.
Fatta questa premessa, veniamo al nostro paesello e ai nostri mostriciattoli che, giorno dopo giorno, un interventino qua, uno là, stanno mordicchiando e distruggendo quelle pietre scolpite, l’intero Centro Antico e quel poco che ci resta. Il documento base che avrebbe dovuto mettere un po’ di ordine in tutta la materia cementizia è il Piano Urbanistico Generale, bocciato dalla Regione Puglia e dalla Provincia di Foggia, tagliuzzato in mille pezzi dall’Autorità di Bacino, prima insabbiato, e ora sepolto dal silenzio correo e generale. Documento scomodo e indigesto, da riesumare a data da destinarsi, in attesa che “ parti e particelle “ trovino il giusto, famelico accomodamento, in attesa della tanto sospirata e temuta Conferenza di Servizio.
Proprio di questa volevo parlare, perché, questa Conferenza, potrebbe diventare il luogo dove ritrovare il senno perduto. Amministratori locali e Soprintendenza potrebbero stringere un patto di ferro e, ognuno per la propria parte concorrente, ripristinare il principio di “ primarietà “ sulle materie di tutela, valorizzazione e conservazione dei beni patrimoniali, storici, architettonici e paesaggistici. Sfoltendo, contemporaneamente, quelle lottizzazioni fatte in dispregio dei vincoli idrogeologici e di natura speculativa, invasive e inutili.
Le strade ci sono e sono percorribili. Occorrono buoni, preparati e lungimiranti amministratori per il “ governo “ di un territorio complesso, dagli equilibri naturali da tutelare, con un patrimonio storico da valorizzare, consapevoli che NOI non siamo i padroni del “ fare “ e, soprattutto, del “ disfare “.

Michele Angelicchio

 

 

 

—————————————————————————————————————————————–

Informazione pubblicitaria/ Aperta e per tutti i fine settimana la Piana della Battaglia

Pizzeria, ristorante, braceria con piatti tipici della nostra tradizione. A garantirlo la gestione di Leo, del Ristorante Il Capriccio……… Aperto venerdì – sabato – domenica.
Ristorante, Pizzeria, Braceria, Piana della Battaglia a Viste in loc. Mandrione……….. Per gli amici celiaci Piana della Battaglia prepara la pizza a lievitazione naturale con i prodotti certificati. (obbligatorio la prenotazione di 12 ore prima, proprio perché la lievitazione e’ naturale).

Cercami dove solo con i sogni potrai trovarmi, aprimi con la chiave del cuore seduto vicino ai due nostri caminetti ……

La Piana della Battaglia, questo autunno-inverno non è solo un Capriccio….

prenotazioni e info al 0884 /270960

——————————————————————————————————————————————


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright