Menu Chiudi

Vieste/ 14 anni a Riccardo Bramante. Uccise il cognato e gettò il cadavere in mare.

Il viestano in primo grado era stato condannato a 20 anni di reclusione. In Appello la pena gli è stata ridotta. La sentenza dei Giudici dalla Corte d’Assise d’Appello di Bari. L’uomo ad ottobre del 2014 uccise con una fucilata in pieno petto il cognato Antonio Di Mauro, poi si liberò del cadavere gettandolo in mare nelle acque di Vieste in località Isola di Chianca