The news is by your side.

Regione Puglia. In Commissione: parere finanziario favorevole al ddl ecotassa

128

La Commissione bilancio ha espresso parere favorevole a maggioranza, con l’astensione dei rappresentanti dei Gruppi M5s, FI, Dit e LeU, alla dotazione finanziaria relativa al disegno di legge riguardante il “Tributo speciale per il deposito in discarica e in impianti di incenerimento senza recupero energetico dei rifiuti solidi”.
Il provvedimento, illustrato dall’assessore all’ambiente, ha l’obiettivo di adeguare la normativa regionale in materia alle disposizioni nazionali. In particolare vengono recepite le disposizioni del Collegato Ambientale del 2014 e la recente sentenza della Corte Costituzionale relativa all’ecotassa per gli scarti ed i sovvalli di impianti di selezione automatica, riciclaggio e compostaggio e per i fanghi anche palabili.
Per incrementare la raccolta differenziata di rifiuti viene introdotto un meccanismo che lega le tariffe dell’ecotassa alle percentuali di raccolta differenziata raggiunte dai singoli Comuni, in base al quale la riduzione del tributo speciale è inversamente proporzionale al superamento del livello di RD rispetto alla normativa statale e va da un minimo del 30% ad un massimo del 70%.
Ai Comuni che non abbiano raggiunto le percentuali previste viene applicata un’addizionale del 20%.
Viene variata la destinazione del gettito del tributo che affluisce interamente in un apposito fondo della Regione, destinato al sostegno dei costi sopportati dai Comuni maggiormente performanti per la gestione del ciclo dei rifiuti. Con legge di bilancio, il fondo è dotato in misura non superiore al 50% del tributo riscosso. Parte del fondo, corrispondente al gettito derivante dalla tassazione dei fanghi di risulta, viene destinata invece a investimenti di tipo ambientale che riguardano i rifiuti del settore produttivo soggetto al tributo.
L’Agenzia regionale dei rifiuti si occuperà di ripartire la quota del 20% del gettito ai Comuni nei quali sono presenti discariche o impianti di incenerimento senza recupero energetico e ai Comuni limitrofi interessati.
Il provvedimento prevede che quota parte del gettito derivante dall’ecotassa venga incrementato di 200mila euro per consentire il potenziamento dell’azione amministrativa coordinata dalla Sezione regionale ciclo rifiuti e bonifiche.


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright