The news is by your side.

Un processo al Visconti nel 1758 a Ischitella (63° parte).

32

Nell’intelligenza di quanto ella mi ha rappresentato colla sua relazione del mese corrente circa il disimpegno che si sia da me appoggiato sopra il ricorso di Giovanni Battista Visconti che fu sindaco di codesto luogo contro il Marchese di Giuliano utile assessore dal medesimo sono in risposta prevedendolo.
Che per quando tocca al primo capo di non essere concorso l’Illre Marchese alle premure e preghiere fatte dal Sindaco e cittadini perché si fosse fatta l’esazione universale a tenore del catasto formato sin dall’anno 1749 e non già con una tassa detta a battaglione come lo stato precedente ,sarà bene che lei prenda informazione e in detta dovrà servirli di guidarli il duplicato catasto che deve conservarsi nell’archivio della Cancelleria di codesta Università dal quale si ravvisano quali beni possieda il Barone e quali di quelli siano feudali e quali burgonsatici. Dai governanti dell’anno non fu pubblicato il catasto ,si comincerà a ricercare la ragione non si è eseguito ed avrà presente che forse alla Regia Camera anche se si trasmise il catasto originale,si farà a parità che il catasto predetto si farà da seguire dal corso di tali diligenze le nostre che che si potrà ricavare da essi legati al Parlamento di codesta Università che darà a scoprire l’autore a doversi di non essere eseguito il catasto predetto e rubriche che sa d’altro che si-Continua.

Giuseppe Laganella


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright