The news is by your side.

LEGA NAVALE PESCHICI / Anche il mare ha sorriso ieri…

29

L’art. 36 del D.Lgs 229/2017 stabilisce che “La Repubblica riconosce il giorno 11 aprile di ogni anno quale “Giornata del mare”, al fine di sviluppare la cultura del mare inteso come risorsa di grande valore culturale, scientifico, ricreativo ed economico e porne in rilievo il contributo allo sviluppo sociale, economico e culturale del territorio nonché al fine di preservare le tradizioni marinaresche della comunità italiana”.
Per l’anno in corso, la Lega Navale Italiana, Sezione di Peschici, di concerto con la locale Capitanerie di Porto, il Comune di Peschici, la sezione di Mare Vivo, ha concordato di sviluppare il tema del “Marine Litter”, coinvolgendo l’Istituto comprensivo “Giuseppe Libetta” con la partecipazione di circa duecento studenti delle scuole medie del liceo dell’ITT impegnati nel progetto ASL (alternanza scuola lavoro), concordato con il settore cultura della sezione della LNI.
Dopo i saluti del Capo delle sezione della Capitaneria di Porto, del Presidente della LNI Arch, Afferrante Sergio e del Sindaco Di Peschici Francesco Tavaglione e del Dirigente scolastico Valentino Distolfo, il rappresentante di Mare vivo Dott. Matteo Iacovelli ha tenuto un incontro con gli allievi della scuola per illustrare le finalità del Progetto ASL sul tema della tutela dell’ambiente marino. Iacovelli ha sottolineando, in particolare, la necessità di sviluppare nelle giovani generazioni un orientamento critico e propositivo proteso alla costruzione della cultura e conoscenza del mare. Il mare è un organismo vivo, sottolinea Iacovelli, che sviluppa l’ottanta per cento di ossigeno ed assorbe il 30 per cento di anidride carbonica, elementi imprescindibili per la sopravvivenza del Mare e della intera umanità. Dopo l’incontro e seguita la raccolta dei rifiuti di plastica effettuata dagli studenti dell’Istituto Libetta, sugli arenili della spiaggia di Peschici. Sono stati raccolti oltre due metri cubi di plastica industriale (in particolare retini provenienti dagli allevamenti dei mitili), circa 100 sacchetti di plastica riciclabile ed oltre dieci sacchi di bottiglie di vetro.
Gli alunni non hanno mancato di esprimere una vibrata protesta nei confronti di quanti, istituzioni ed enti vari preposti, per l’assoluta e colposa indifferenza verso il tema dell’ambiente e della salute pubblica.


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright