The news is by your side.

Monte S. Angelo/ Tutto pronto per “ Michael” il grande Festival dell’Arcangelo e dei siti col sigillo dell’Unesco. Dal 4 al 12 maratona di mostre, spettacoli, convegni.

34

Michael è il Festival del patrimonio culturale, spirituale, naturale, enogastronomico e si terrà da venerdì 4 a sabato 12 maggio, a Monte S. Angelo. «Un evento per celebrare l’8 maggio, la Festa di San Michele Arcangelo e i nostri due Siti Unesco, le tracce longobarde del santuario e le faggete vetuste della Foresta Umbra», spiega il sindaco, Pierpaolo D’arienzo. In programma convegni, dibattiti e presentazioni con la rete dei Longobardi in Italia, con la Sacra ét San Michele in Piemonte, con i Siti UNESCO di Puglia e Basilicata, con Bari e San Giovanni Rotondo per rete dei grandi Santuari di Puglia. Ricco anche il programma degli eventi: un’opera lirica in forma ridotta scritta dal Maestro Peppino Principe, una rievocazione storica, un docufilm, un’opera musicale moderna e gli eventi collaterali dedicati ai percorsi enogastronomici e turistici.
«Monte Sant’Angelo è un borgo unico, ricco di storia e di fascino, circondato da un paesaggio meraviglioso. E siamo molto soddisfatti che abbia organizzato questo festival che sicuramente valorizza e promuove a livello nazionale ed internazionale le sue bellezze – commenta l’Assessore all’Industria Turistica e culturale della Regione Puglia, Loredana Capone – Con un programma veramente ricco e interessante Monte Sant’Angelo celebra la Festa di San Michele Arcangelo e riunisce, con la rete dei longobardi, Nord e Sud. Non solo; con la rete dei siti UNESCO mette insieme Puglia e Basilicata e con la rete dei grandi santuari di Puglia si collega anche a Bari e San Giovanni Rotondo. Il festival Michael si muove sulla strada giusta della creazione di un prodotto turistico, che mette insieme più territori della Puglia seguendo il filo della cultura e della storia e naturalmente dell’enogastronomia. Gli ingredienti ci sono tutti per far conoscere questo meraviglioso borgo dell’entroterra pugliese, intercettando le scelte dei viaggiatori che sempre più desiderano fare una esperienza di viaggio slow in luoghi meno battuti dal turismo di massa. E’ quindi molto importante questo festival che rende merito al Gargano, che di fatto é fra le più antiche destinazioni turistiche della Puglia».
Per Claudio Costanzucci, Presidente dell’Ente Parco Nazionale dèi Gargano «I due Siti UNESCO di Monte Sant’Angelo sono un vanto per tutto il territorio. Questi riconoscimenti, culturale e naturalistico, ci spingono a promuovere questa città meravigliosa e iniziative come questa. Infatti, è importante sostenere questi grandi centri turistici, spirituali, culturali, poiché rappresentano i motori per promuovere la destinazione Gargano in tutta la sua totalità». Dal 4 al 12 maggio, quindi, Monte Sant’Angelo sarà palcoscenico di uria serie di eventi che vedono nelle reti a livello regionale, nazionale e internazionale la Città dell’Arcangelo Michele protagonista. Nella “Città dei due Siti UNESCO”, infatti, arriveranno: venerdì 4 maggio i comuni della rete dei Longobardi in Italia (Brescia, Spoleto, Cividale, Benevento, Castelseprio, Campello sul Clitunno); lunedì 7 la società mediterranea di metrologia numismatica e alcuni membri della Società Numismatica Italiana e dell’Accademia italiana di studi numismatici si incontreranno per il convegno “I Longobardi in Italia: i luoghi delle monete”; mercoledì i sindaci dei comuni di Avigliana e Sant’Ambrogio di Torino, sede della Sacra di San Michele in Piemonte; giovedì 10 i sindaci di Andria, Alberobello e Matera – insieme alle Regioni Puglia e Basilicata – per la rete dei Siti UNESCO; sabato 12 i sindaci di Bari e San Giovanni Rotondo per la rete dei grandi Santuari di Puglia.


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright