The news is by your side.

Bilancio comunale Peschici, Domenico Afferrante: “Ma come si fa a …. stare zitti”

115

Mi ero imposto, per un mese, di non scrivere nulla di quanti avviene presso la casa comunale. I buoni propositi, purtroppo, non hanno retto alla prova dei fatti. Abbiamo tenuto consiglio comunale in data 07.05.2019, in cui si è discusso di rendiconto consuntivo, principalmente. Dopo aver ascoltato il Sindaco, che ci ha detto che i conti sono quasi in ordine, a seguito del difficile lavoro e dei sacrifici che si stanno facendo da parte della amministrazione, a seguito di domande fatte dal sottoscritto è emerso: – che per la IMU, vi sono somme non incassate per circa euro 800.000,00 – che per la TARI inizia l’anno con un non incassato di circa euro 3.200.000,00 – che tale disavanzo aumenta al ritmo di circa euro 500.000,00 – che per il 2018, dovevano entrare euro 1.870.000,00 e sono entrati circa euro 700.000,00 – che nulla è entrato per la differenziata. – che non appare sostenibile la detta situazione, atteso che vi è un buco TARI pari a circa due annualità di canone dovuto alla ECOGREEN s.r.l., che insomma i conti in ordine era una cosa non vera. ANZI UNA BARZELLETTA Si sono elencati, a tal proposito, i disservizi e le inadempienze della ECOGREEN s.r.l, a mo di esempio, non paga gli operai, non paga il conferimento in discarica, non lava le strade. Non pulisce le aree mercatali come da convenzione (HO FOTO IN TAL SENSO), non provvede a posizionare cestini per le strade … Abbiamo, pertanto, invitato l’ente a contestare inadempienze ed a prestare attenzione a non fare da finanziatore e/o cassiere della detta società. Ebbene, come nulla fosse stato detto e scritto, dopo 2 giorni, con determina 160/19, si è provveduto al pagamento del dovuto, mese di aprile canone eco green, senza sottrarre i detti importi, pari ad oltre 70.000,00 euro. Non solo, si sta provvedendo, come da richiesta della Ecogreen s.r.l., a pagare per il maggior costo conferimenti in discarica, senza previsioni in tal senso in convenzione, somme rilevanti! E se poi, domani, andata via la Ecogreen s.r.l., qualche Giudice dice che dobbiamo pagare noi, contro chi recuperiamo dopo luglio 19? Ma come mai si agisce per mandare via la fondazione Padre Pio, che comunque rende un servizio per la collettività che grava sull’ente in minima parte (mancato incasso canone locazione) e non si agisce nella stessa maniera nei confronti di chi ben più gravi inadempienze commette, anzi, lo si sostituisce anche in sede contenziosa? Ma … forse sono io che non capisco. Ci deve essere qualcosa che mi sfugge …


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright