The news is by your side.

Reddito di Cittadinanza alla fase 2. Completata la selezione dei Navigator. Ora offerte di lavoro.

22

Reddito di cittadinanza, parte la fase due. La selezione dei navigator è stata completata e, se si esclude la Campania, le regioni hanno firmato le intese: dal 2 settembre partiranno le convocazioni dei per­cettori del reddito per costruire il percorso per la ricerca di un occupazione. Si firma il Patto per il Lavoro e, se non si accetteranno le offerte che verranno fatte nel corso dei pros­simi mesi, si rischia di perdere il beneficio. E’ questo lo snodo più delicato del mec­canismo del reddito di cittadinanza, che do­vrebbe traghettare chi non ha lavoro verso l’occupazione. La convocazione sarebbe do­vuta arrivare nei 30 giorni successivi all’ar­rivo del reddito. Ma, come tutti gli osservatori avevano predetto, era oggettivamente im­possibile che la procedura si potesse chiudere prima. Non tutti gli ostacoli sono superati per la piena operatività del reddito di cittadinanza. Manca ad esempio il decreto che fissa le regole per la documentazione richiesta gli immigrati: in attesa l’Inps non ha accettato le loro domande. Poi c’è il caso Campania. E’ la regione che ha il maggior numero di famiglie coinvolte, oltre 170 mila, ma nella quale manca l’accordo per i 471 navigator assegnati alla regione in base al concorsone che li ha distribuiti in tutta Italia. Il governatore Vincenzo De Luca chiede prima di stabilizzare i 600 dipendenti precari che lavorano all’Anpal. A far sbloc­care la situazione poteva arrivare anche il decreto su Ilva e rider, che contiene anche le norme per la proroga di 8.500 Lsu, molti dei quali proprio in Campania. Ma il decreto, approvato dal consiglio dei Ministri con la formula salvo intese è tra quelli rimasti in­trappolati dalla crisi di governo.


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright