The news is by your side.

Fabio Concato infiamma il Peschici Jazz: “Posti belli da conquistare anche senza aereoporti”

16

Lo scenario è quello suggestivo della spiaggia del porto con alle spalle il suggestivo borgo di Peschici, vera perla del Gargano, arroccato sul mare. Sul palco Fabio Concato che con il Trio Paolo Di Sabatino aha chiuso il Peschici Jazz 2019 davanti ad un pubblico attento e partecipe. Un viaggio emozionante alla scoperta dell’album ‘Gigi’ ma anche attraverso il repertorio dei successi di Fabio Concato, riproposto in chiave jazz, con gli arrangiamenti e l’accompagnamento di Paolo Di Sabatino (piano), Marco Siniscalco (basso) e Glauco Di Sabatino (batteria). La serata è magica, ancora estiva, con la brezza marina che accarezza il numeroso pubblico presente sull’arenile del porto. Ogni canzone di Fabio Concato ricorda qualche particolare momento della nostra vita. Anche se in chiave jazz tutti applaudono il cantautore appena intona “E ti ricordo ancora”, Sexy tango”, “Fiore di maggio”, Domenica bestiale”, Ad un certo punto Concato scende dal palco e raggiunge il pubblico. Ed è il delirio! Per Fabio Concato è un ritorno a Peschici. Un ritorno sempre piacevole. “Certo, anche se per raggiungere questi posti straordinari non è facile. Questa è una meta che te la devi conquistare attraverso strade tortuose ma bellissime. Vedete, arrivare qui attraverso percorsi particolari significa conquistarsi la vacanza. Arrivare in aereo o in treno è banale”.


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright