The news is by your side.

Giro d’Italia: quali strade attraverserà a Vieste?

113

A poche ore dalla presentazione ufficiale dell’edizione numero 103 del Giro d’Italia, sale la curiosità per conoscere quali strade saranno attraversate a Vieste, sede dell’arrivo della nona tappa con partenza da Giovinazzo e lunga 198 chilometri.

Guardando l’altimetria del percorso, la carovana rosa arriverà a Vieste dopo aver attraversato Bisceglie, Trani, Barletta, Margherita di Savoia, Zapponeta, Manfredonia, Monte Sant’Angelo (dove è previsto il primo traguardo del Gran Premio della Montagna, l’altro è a Santa Tecla), Mattinata e Pugnochiuso (deviazione dalla litoranea?). Una volta a Vieste, i corridori affronteranno un circuito cittadino, così come annunciato ieri, aumentando la visibilità del nostro territorio. Non ci sono al momento dettagli su questo circuito così come su dove sarà posizionato il traguardo, ma colpisce leggere per ben due volte “via Saragat”, un vero e proprio muro che ricorda le classiche belga di inizio stagione. Sarà questa la salita che darà brio all’arrivo di tappa, così come preannunciato nella cerimonia di ieri? Maggiori informazioni si sapranno a metà novembre quando è previsto il sopralluogo dei commissari di gara.

Tornando alla presentazione di ieri, tra i campioni del ciclismo italiano del passato c’era anche Beppe Saronni, protagonista degli ultimi due arrivi a Vieste: il 22 maggio 1979 vinse la Potenza-Vieste di 223 km in volata davanti a Francesco Moser, rivale di sempre, da qualche giorno in maglia rosa (Saronni poi vinse quella edizione del Giro), e il 26 maggio 1988 quando si aggiudicò, con la sua Del Tongo-Colnago, la cronometro a squadre di 40 chilometri partita da Rodi Garganico.


LINK:

Ferretti racconta la tappa Potenza-Vieste del 1979

 

Arrivo della tappa Potenza-Vieste del 1979

{youtube}-xoNv1_vC4M{/youtube}

 

Arrivo della cronometro a squadre Rodi Garganico-Vieste del 1988

{youtube}5naVYsUEagE{/youtube}


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright