The news is by your side.

Cagnano Varano/San Nicola Imbuti, verso l’Avviso Pubblico per gli investitori. L’Assessorato al Turismo della Regione chiede di partecipare al Protocollo tra Comune, Ministero Difesa e Demanio.

103

Continua il processo per la valorizzazione di San Nicola Imbuti: si è svolto all’Assessorato al Territorio della Regione Puglia, il terzo incontro del Tavolo Tecnico istituito dal Protocollo d’Intesa firmato dal Comune di Cagnano Varano, il Ministero della Difesa e l’Agenzia del Demanio per la valorizzazione dell’ex idroscalo “Ivo Monti” di San Nicola Imbuti, della Chiesa di Santa Barbara e dell’area portuale di Foce Capojale. 

All’incontro hanno partecipato l’Assessore regionale Alfonsino Pisicchio, il sindaco di Cagnano Varano Claudio Costanzucci Paolino (accompagnato dall’ing. Giampiero di Lella, responsabile dell’UTC), il generale Giancarlo Gambardella (Direttore Task force Immobili Ministero Difesa) accompagnato dal maggiore Daniele Gentili, i funzionari dell’Agenzia del Demanio Elena Curci e Pasquale Laricchia, i funzionari regionali e della Sovrintendenza di Foggia. Si è parlato di come procedere per la valorizzazione delle aree interessate dal Protocollo. 

Dopo l’introduzione di Pisicchio, il sindaco Costanzucci  ha sintetizzato il lavoro fin qui svolto dal Tavolo Tecnico. “Il punto principale all’ordine del giorno è il chiarimento sugli aspetti urbanistici e territoriali riguardanti l’area – ha spiegato il sindaco – È altrettanto importante capire quali siano i passaggi amministrativo-burocratici indispensabili per arrivare alla pubblicazione di un Avviso pubblico per gli investitori interessati alla realizzazione di una struttura ricettivo-turistica su queste aree.
Questo territorio – continua Costanzucci- aspetta da decenni di essere valorizzato e non ci si può più permettere passi falsi o perdite di tempo.

Il gen. Gambardella, nel ribadire il valore dell’alleanza interistituzionale fra i tre Enti firmatari del Protocollo e che ha già conseguito concreti risultati (2.250.000 dal CIS di Capitanata per la messa in sicurezza della S.P. 42 e la rimozione della plastica e degli attrezzi di pesca abbandonati dal Lago di Varano), ha illustrato il progetto integrato di valorizzazione di alcuni idroscali storici e di altre caserme che vede in Ministero in prima linea. L’obiettivo è ridare vita a luoghi che hanno una storia secolare ed hanno avuto un’importanza strategica per la nostra nazione. Ridare vita ad immobili dismessi con ricadute sul piano occupazionale.
“Registrare il grande interesse della Regione Puglia – conclude il generale – non può che rendere più rapido ed efficace il piano di valorizzazione che si intende attuare.”

A tale riguardo l’assessore Pisicchio ha voluto anticipare ai presenti che la Regione si è già attivata con l’Assessorato alla cultura e al turismo e con le Agenzie regionali Pugliapromozione e Apulia Film Comission, per programmare una serie di azioni miranti alla valorizzazione dell’area, anche per accrescere l’interesse per l’area e renderla più attrattiva soprattutto a livello internazionale
Dopo gli opportuni confronti fra i tecnici presenti, il tavolo tecnico si è chiuso con la richiesta dell’assessore Pisicchio di voler ufficialmente entrare a pieno titolo fra i firmatari del Protocollo d’Intesa. Le verifiche tecniche hanno fatto emergere che le destinazioni urbanistiche esistenti già consentono di poter procedere con la pubblicazione dell’Avviso pubblico per i potenziali investitori.

“Tutte le azioni dell’Amministrazione comunale – ha concluso Costanzucci- saranno volte ad accrescere l’interesse per questo pezzo di territorio garganico, anche attraverso iniziative innovative come l’evento “Mille di queste notti in riva al lago” (organizzata da Va’zapp e Bottega degli apocrifi, con fondi della Regione e del Parco Nazionale del Gargano), che questa estate ha ridato vita all’idroscalo, portando in riva al lago oltre mille persone, per un’esperienza indimenticabile.”


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright