The news is by your side.

5 Marzo/ UNA GIOIA AUSTERA

101

Signore, facci ricordare che il tuo primo miracolo lo facesti per aiutare alcune persone a far festa, alle nozze di Cana. Facci ricordare che chi ama gli uomini ama anche la loro gioia, che senza gioia non si può vivere, che tutto ciò che è vero e bello è sempre pieno della tua misericordia infinita.

FEDOR DOSTOEVSKIJ

Certo, la quaresima – che cade in questo periodo dell’anno – porta con sé un abito penitenziale, fatto di serietà e di severità. Eppure la metànoia, il vocabolo greco neotestamentario tradotto spesso con «pe­nitenza», in realtà significa «conversione della mente», quindi un mutamento certo non indolore, ma per una nuova serenità e lievità dello spirito. È per questo che Gesù ama parlare del regno di Dio sot­to immagini festose e nuziali e, come ci ricorda Dostoevskij (1821-81) nel brano sopra citato, il suo primo miracolo l’ha compiuto per impe­dire che una festa nuziale fosse turbata. Il cristianesimo autentico è esigente ma non funereo, è impegnativo ma non masochistico.

Una fede genuina fa assaporare il gusto della vera gioia. Un gusto che spesso è scimmiottato dal mero godimento, dall’allegria artificio­sa e becera, dal piacere fisico, ma che da queste realtà è del tutto diffe­rente.

La vera gioia, infatti, si irradia dall’anima, nasce da un amore autentico, ha bisogno di una coscienza in pace, ha radici interiori e non ha necessità del baccano esteriore. È per questo che può coesiste­re con l’austerità quaresimale. Anzi, già un antico maestro pagano, ca­ro per altro alla tradizione cristiana, come Seneca non esitava a scrive­re all’amico Lucilio: «La vera gioia è res severa», è una realtà seria e austera. Ritroviamo, allora, la bellezza di questa «splendida scintilla divina», come la chiamava Schiller nel suo celebre Inno alla gioia.

Gianfranco Ravasi


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright