The news is by your side.

6 Marzo/ TRASFORMARE IL MONDO

87

I filosofi hanno finora soltanto interpretato il mondo in diversi modi; ora si tratta di trasformarlo.

Karl Marx

È famosa questa frase che Karl Marx ha scritto nel suo altrettanto celebre Manifesto del partito comunista, il testo che il filosofo tedesco pubblicò nel 1848 in collaborazione col collega Friedrich Engels. La frase, come è noto, è stata tirata secondo varie direzioni e sappiamo tutti anche gli effetti deleteri che ne seguirono. Essa, però, in sé ha un valore che merita di essere considerato a livello più semplice e generale. Troppo spesso, infatti, le interpretazioni prevaricano sulla realtà; basti pensare a ciò che accade nel giornalismo, ove non di ra­do le opinioni non solo travolgono i fatti ma persino li creano o li an­nientano artificialmente.

Ma, se vogliamo stare alla lettera della frase, dovremmo ricordare che il compito del pensatore e dello stesso credente e, più in genera­le, della persona matura e consapevole è quello, certo, di capire e ri­spettare il mondo in cui noi siamo, ma è soprattutto quello di la­sciarvi un’impronta, di agire in esso moralmente, di testimoniare la possibilità di un progetto diverso e più giusto. Non per nulla Cristo usa per il suo discepolo le immagini del sale, del lievito e del seme, realtà che non possono e non devono eccedere o deteriorare la mas­sa del cibo o della terra ma devono insaporirla, farla fermentare, fe­condarla. In questa linea – per continuare a usare un’espressione usata da Gesù di Nazareth – è chiaro che non basta dire bene e so­lennemente: «Signore, Signore!», ma è decisivo praticare le opere buone perché gli uomini vedano, siano liberati e illuminati.

Gianfranco Ravasi


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright