The news is by your side.

26 Marzo/ SPERANZA E PAURA

35

Non c’è speranza senza paura, né paura senza speranza.

KAROL WOJTYLA

Nel 1960 Karol Wojtyla, da due anni vescovo ausiliare di Cracovia, pubblicava La bottega dell’orefice, un’opera teatrale che in seguito sa­rebbe stata rappresentata in tutto il mondo. Quella che proponiamo oggi è una battuta desunta da quel testo e spontaneamente essa ci ri­porta alle parole bibliche con cui Giovanni Paolo II aveva quasi inau­gurato il suo pontificato: «Non abbiate paura!».

Primaria è, allora, la speranza, una virtù affascinante ma delicata: non per nulla per raffi­gurarla simbolicamente si ricorre al verde tenero e fragile dei germo­gli. Eppure essa è quasi il tramite di sostegno tra le altre due virtù teologali: è alimentata dalla fede che, come dice la Lettera agli Ebrei, è «fondamento delle cose che si sperano» (11,1), e fiorisce nell’amore.

Lo scrittore Wojtyla, allora, ci ricordava che in essa permane il fre­mito della paura. La speranza, infatti, non è ancora pienezza, è atte­sa, ed è per questo che vibra anche di timore. Ma è curioso il paralle­lo che il Papa introduceva: anche la paura non è mai priva di un seme di speranza.

Tant’è vero che è stato coniato – sulla base di una frase di Cicerone (Dum anima est, spes est) – un proverbio che affer­ma: «Finché c’è vita, c’è speranza». Basta solo il soffio dell’esistere, anche nell’incubo atroce, per continuare ad attendere una luce e una sorpresa di pace. In ogni tempo è necessario alimentare in noi il re­spiro della speranza, soprattutto quando la paura sembra prevalere. «La speranza è un rischio da correre. Anzi, è il rischio dei rischi» (Georges Bernanos, La liberté pour quoi faire?).

Gianfranco Ravasi


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright