The news is by your side.

Vieste/ In onore della Festa di Santa Maria il pensiero di Paola Lorusso

29

Riceviamo e pubblichiamo

 

Ej u nov d magg

E la Madonn non ej ascnnut,

P la stred a i ott non c stej

nisciun.

I camben son’n a vacant,

I logg ten’n i drapp ma Jess non

pass,

Da u segg a u cumment

Non c stann i gent.

Non putim fa fest

Pcchè non putim fa

assembrament,

Ma u cor c streng sapenn che la

Madonn non ess.

P la vij ne batterij ne litanij,

Schitt nu silenz struggent.

U cor fej fest

Ma non ej u stess.

A uann non la putim vdè

Non la putim vasà

Non la putim stuscià pu fazzlett

A uann non l putim purtà rspett.

Mej ind la storj u nov magg la

Madonn non ej assut,

So passet guerr, pest e carstij,

ma alla Madonna nostr c facev

fest.

Gosc putim prgà che la Madonn

tutt fej passà.

E chiu u sep non sarradd u nov

magg,

T facim ascenn chiù in là

Ind la casc e p tutt i Sant.

U nov d magg senz la Madonn

non c pot accttà.

Ma l’ama accttà pcchè

la pandemij a passà.

 

Paola Lorusso

9 maggio 2020


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright