The news is by your side.

SICUREZZA SUI MEZZI DI TRASPORTO PUBBLICO, POSITIVO L’INCONTRO CON LA REGIONE PUGLIA

30

La priorità delle organizzazione sindacali è garantire, in questo momento, la sicurezza dei lavoratori nel luogo di lavoro e sui mezzi di trasporto pubblico utilizzati dalle maestranze per raggiungere gli stabilimenti industriali e per far ritorno nelle sedi di residenza.

Per questo motivo nelle scorse settimane abbiamo incontrato, in conference call, la Regione Basilicata al fine di evidenziare il problema e trovare una soluzione prima del ritorno in fabbrica dei lavoratori. 

All’assessore regionale ai trasporti Donatella Merra  non solo abbiamo rappresentato tale necessità, ma avevamo anche prospettato una soluzione ma purtroppo ad oggi non vediamo nessuna soluzione fattiva che permetta di garantire il trasporto pubblico per i lavoratori dell’area industriale di San Nicola di Melfi. Per questo confidiamo in una celere convocazione del Prefetto di Potenza, per dirimere in tempi brevissimi tale vicenda.

Intanto le organizzazioni sindacali  Fim-Cisl,Uilm, Fismic-Confsal, Uglm e Aqcf  hanno chiesto e ottenuto per oggi un incontro, sempre in videoconferenza, sullo stesso tema con l’assessore ai trasporti della Regione Puglia Giovanni Giannini e con il presidente della Provincia di Foggia Nicola Gatta ai quali rivolgiamo il nostro ringraziamento per la solerzia con la quale hanno soddisfatto la nostra richiesta.

Al termine dello stesso le organizzazioni sindacali hanno espresso la propria soddisfazione in quanto dal monitoraggio effettuato dalla Regione Puglia si evince che delle otto tratte che collegano l’area industriale di San Nicola di Melfi la stragrande maggioranza  dei mezzi di trasporto pubblici rispetta, come numero di passeggeri, già le prescrizioni sul distanziamento sociale previste.

Solo in due tratte, la Cerignola-Canosa-San Nicola di Melfi e la Ortanova-Carapelle-San Nicola di Melfi, queste non sempre sarebbero garantite. In questi due casi la Regione Puglia, tramite il gestore Cotrab, si è impegnato a far scattare  corse supplementari nel momento in cui il numero dei passeggeri superasse quelli previsti dalle prescrizioni governative per il Covid-19.

La Regione Puglia, infine, si è impegnata a monitorare nei giorni successivi alla riapertura delle fabbriche l’afflusso delle maestranze a bordo dei mezzi di trasporto pubblici di tutte le tratte interessate e ad intervenire, prontamente, nel caso non vi fossero più le garanzie di sicurezza a bordo degli stessi con corse supplementari. 


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright