The news is by your side.

19 Maggio/ IL PASSERO

31

Il popolo degli uccelli è vasto, e tra di essi ce ne sono di maestosi. Il passero non appartiene certo all’assemblea dei «grandi»: pesa un nonnulla, il suo piumaggio è scialbo, il suo cinguettio discreto. Le aquile abbondano sulle bandiere dei paesi conquistatori. Il passero, invece, non incute soggezione, è buffo e grazioso, forse un tantino insolente. Il suo corpo minuscolo esulta di leggerezza e di semplicità, è una strofa viva uscita dal poema del Creato e che modula gioiosamente l’aria della libertà.

SYLVIE GERMAIN

Anche sul mio terrazzo cittadino i passeri si affacciano, impauriti solo dai più prepotenti merli. È una gioia vedere questo uccello, ri­vestito come un frate francescano (non per nulla in francese è chia­mato moineau, da moine, «monaco»), becchettare libero, bagnarsi nel­le piccole pozze d’acqua, esprimere la sua felicità di essere in vita, libero, senza preoccuparsi del domani. Penso così alle dolci e intense parole che gli ha dedicato la scrittrice francese Sylvie Germain nel suo libretto Portare il peso del tempo.

Questo uccello aveva attirato anche l’attenzione di Gesù (si legga Matteo 10,29-31) che ricordava come i passeri e gli altri volatili sempli­ci e modesti «non seminano, non mietono né ammassano nei granai, eppure il Padre celeste li nutre» (6,26).

A noi, sempre incupiti, preoc­cupati del guadagno, tesi al successo, desiderosi di predominio, essi insegnano la serenità, il distacco, la gioia di vivere, l’armonia col mon­do. Realtà queste, di cui non conosciamo più il sapore, immersi come siamo in cose sofisticate, in possessi pesanti, in piaceri spossanti. «Il passero» conclude la Germain «ci offre un’immensa lezione: come tra­sfigurare la povertà in festa, la vulnerabilità in grazia.»

Gianfranco Ravasi


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright