The news is by your side.

21 Maggio/ L’ODORE DEL PANE

41

Per credere in Dio bisogna ritornare / col cuore di piccoli fanciulli, / e poi pregare; pure se la fame, / tenendola per mano, zufola sorda e tartaglia con la morte, /quando l’odore caldo del pane /sveglia le strade cittadine.

SALVATORE QUASIMODO

C’è un ricordo che mi lascia sempre una sensazione fisica e non so­lo una stimmata di nostalgia: quand’ero ragazzino, la fragranza del pane che esalava d’estate dal negozio del prestinaio sulla strada che conduceva alla chiesa nel paese di mia madre, mentre all’alba (allora la Messa era alle sei del mattino) con mio nonno mi avviavo a prega­re.

Certo, il desiderio di quel pane fresco e caldo era forte, eppure si rinunciava per mantenere il digiuno e accedere a un altro pane. Que­sta immagine che intreccia fede e vita quotidiana affiora anche nei versi di Quasimodo, il Nobel italiano per la letteratura del 1959, che ebbe con la religione un rapporto complesso e non sempre facile.

Ma l’attenzione cade sul tema centrale, quello del «credere in Dio». Il poeta siciliano ci rievoca una verità profondamente biblica: per essere credenti genuini bisogna tornare bambini oppure essere poveri, come il mendicante che sente «l’odore caldo del pane», ma non può sfamarsi. Chi non ricorda «il bambino svezzato in braccio a sua madre» del Salmo 131, canto dell’infanzia spirituale?

Chi non conosce la frase di Gesù: «Se non diventerete come i bambini, non entrerete nel regno dei cieli»? Chi non ha imparato, leggendo la Bib­bia, che ’anawim, cioè «poveri», è la definizione del vero fedele? Chi non ha nella mente la beatitudine di Cristo sui «poveri in spirito ai quali appartiene il regno dei cieli»? Ecco la strada della fede autenti­ca da imboccare con coraggio e serenità.

Gianfranco Ravasi


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright