The news is by your side.

6 Luglio/ LA GUERRA SANTA

109

La guerra santa è fatta di dieci parti: una parte consiste nel guerreggiare contro il nemico, le altre nove stanno nella guerra contro se stessi.

SUFYAN IBN ‘UNAYNAH

Il termine arabo gihad usato per indicare la «guerra santa» ha in realtà una genesi «ascetica»: denota, infatti, innanzitutto la lotta con­tro se stessi. È ciò che ci insegna con questo aforisma Sufyan ibn ‘Unaynah, un grande maestro musulmano, vissuto alla Mecca ove morirà nell’814.

Di lui si narra che a quattro anni sapesse a memoria il Corano e che vivesse solo di un pane d’orzo al giorno. Ho propo­sto questo suo motto, desumendolo dalla bella raccolta di Vite e detti di santi musulmani, curata da Virginia Vacca (1968), perché ben s’a­datta alla sostanza di ogni spiritualità, permettendoci anche di sco­prire la genuina religiosità dell’Islam, spesso deformata da luoghi comuni occidentali e da comportamenti insensati di certi suoi adep­ti (minoritari ma chiassosi e, purtroppo, pericolosi).

A essi (ma non solo) si potrebbe applicare un’altra battuta di que­sto mistico: «Un’epoca in cui la gente ha bisogno di persone come quelle è una brutta epoca!». Ma ritorniamo a questo monito, sempre vero e necessario, sul controllo di sé, sul dominio delle passioni, sul­la vittoria nei confronti dei vizi. Seneca aveva già dichiarato che «co­mandare a se stessi è la più alta forma di comando» (imperare sibi- maximum imperium est).

L’ascesi ha qui il suo nucleo ed è un impe­gno spesso disatteso, nella convinzione che siano altri i doveri pri­mari della spiritualità. «Vincere se stessi è la più bella vittoria» si di­ceva nell’antichità pagana. Questa dovrebbe essere anche l’insegna di una morale cristiana che ha in sé motivazioni ancora più alte per vincere orgoglio ed egoismo.

Gianfranco Ravasi


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright