The news is by your side.

7 Luglio/ LA STORIA DI COLOMBINO

102

Alla corte vivevano solo uomini forti e intelligenti. Soltanto Colombino era una nullità. Se qualcuno gli diceva: «Vieni a combattere!», rispondeva: «Io sono più debole di te». Se qualcuno lo interrogava: «Quanto fa due volte sette?», rispondeva: «Sono più ignorante di te». Se qualcuno lo invitava a saltare un ruscello, replicava: «Non ne sono capace». Il re, allora, gli chiese: «Colombino, che cosa vuoi diventare?». Ed egli rispose: «Non voglio diven­tare, sono già Colombino!».

PETER BICHSEL

Peter Bichsel, che abbiamo già avuto occasione di citare, è uno dei più noti scrittori svizzeri contemporanei, autore di racconti, molti dei quali composti per bambini, come questa Storia di Colombino. Il con­trasto tra chi considera la forza, la cultura e l’abilità come i valori deci­sivi e chi sceglie la coerenza con se stessi e la propria identità, coi suoi limiti e i suoi valori, è descritto in modo limpido e incisivo. Vorrei sot­tolineare l’aspetto fondamentale della risposta di Colombino: egli ac­cetta se stesso, senza lasciarsi tentare dall’orgoglio e dall’illusione. Credo sia capitato a molti di incontrare persone che per tutta la vita hanno costretto se stesse a essere diverse dalla loro identità profonda.

Vivendo in una sorta di autoinganno permanente, hanno cercato di ammantarsi di intelligenza mentre erano ignoranti, di benessere e forse erano di estrazione modesta, di rigore morale pubblico mentre praticavano vizi privati, di sicurezza di sé ed erano invece incerti e timorosi. Anche se queste menzogne diventavano per loro verità, gli altri scoprivano che «il re era nudo». E così si attuava quella situa­zione imbarazzante per cui alla fine tutti sapevano la realtà e solo l’illuso continuava nel suo sogno. Ritorniamo, allora, al proposito del Salmista: «Non vado in cerca di cose grandi, superiori alle mie forze, ma sono tranquillo e sereno…» (131,1-2).

Gianfranco Ravasi


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright