The news is by your side.

31 DICEMBRE/ IL PALMO DELLA MANO DI DIO

276

Possano le strade farsi incontro a te. Possa il vento essere alle tue spalle. Possa il sole splendere caldo sul tuo viso. Possa la pioggia cadere leggera sui tuoi campi. E, fino a quando non ci rincontreremo, possa Dio tenerti nel palmo della sua mano.

BENEDIZIONE GAELICA

Mentre cala il sipario anche su questo anno vorrei rivolgere un augurio e un saluto ai lettori di queste pagine. Lo faccio con le paro­le di un’antica benedizione gaelica, la lingua di origine celtica usata ancora in Scozia e in Irlanda. In essa scorrono idealmente le stagioni col vento primaverile, il caldo estivo, le piogge autunnali e inverna­li. Si aprono le strade delle città e i viottoli della campagna. È il com­pendio di quegli eventi che daranno sostanza alle opere e ai giorni del nuovo anno. Sono quelle piccole cose quotidiane a cui spesso non badiamo e che, invece, sono un continuo dono divino.

Ma c’è in finale a questa benedizione una nota particolare: l’augu­rio di essere «tenuti nel palmo della mano di Dio». Da quando siamo stati creati, conserviamo tutti – buoni e cattivi – ancora una traccia del tepore di quelle mani che ci hanno plasmato. E anche se poi Dio ci ha lasciati percorrere le vie della nostra libertà, non è mai venuta meno la sua cura, la sua premura e anche la sua preoccupazione. Non sappiamo quando, ma verrà un giorno in cui – concluso il no­stro viaggio terreno – egli ci raccoglierà con le sue mani per riportarci nel suo orizzonte. A quella meta ultima tutti ci ritroveremo per essere insieme col Signore, nella pace e nella luce.

Gianfranco Ravasi


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright