The news is by your side.

Vaccini antiCovid, in Puglia per gli over 80 si parte l’8 febbraio: somministrazioni anche a domicilio

347

Lo aspettano in 280mila, tanti quanti sono gli over 80 residenti in Puglia. Che ora possono annotare sul calendario una data: lunedì 8 febbraio. Ovvero l’inizio della Fase 2 della campagna vaccinale, quella che prevede la somministrazione del vaccino anti-Covid nelle persone ultraottantenni, appunto. L’8 febbraio, almeno se tutto dovesse andare secondo i piani della Regione. Se, innanzitutto, non ci saranno ritardi nelle consegne delle fiale da parte delle aziende farmaceutiche. 

La conferma arriva dall’assessore regionale alla Salute, Pier Luigi Lopalco: “Questa settimana avremo a disposizione le prime 4mila 300 dosi di Moderna e altre 32mila dosi di Pfizer. Contiamo di vaccinare gli odontoiatri e i medici liberi professionisti con il primo e – continua l’epidemiologo – con l’altro di concludere i richiami su operatori e ospiti delle residenze sanitarie e sociosanitarie”.

Dunque, salvo imprevisti, la Fase 1 della campagna si conclude domenica 7 febbraio con gli ultimi richiami del vaccino Pfizer. Dal giorno dopo – o al massimo entro il 15 febbraio, secondo le previsioni del dipartimento Salute della Regione – comincia la Fase 2. Quella destinata alla cosiddetta popolazione generale.

Di certo c’è che gli over 80 che non possono uscire di casa perché ammalati, riceveranno il vaccino a domicilio. Ma i dettagli del piano saranno definiti nella riunione della cabina di regia regionale, guidata da Michele Conversano, in programma per lunedì 1° febbraio. 

Sul tavolo ci sono diverse ipotesi. “Molto probabilmente – spiega Lopalco – useremo il sistema dell’assistenza domiciliare. Oltre che, eventualmente, anche le Usca, se disponibili e dopo un minimo di addestramento”. Insomma, è possibile che in campo ci saranno anche le Unità speciali di continuità assistenziale. 

E se il ritmo delle somministrazioni delle singole dosi sarà quello che i vaccinatori pugliesi hanno mantenuto prima che Pfizer ritardasse le sue consegne – 5mila dosi al giorno – occorreranno circa 60 giorni per il primo giro di somministrazioni del siero in favore degli over 80 pugliesi.

Vincenzo di Zanni

repubblicabari


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright