The news is by your side.

BANDO PUBBLICO DI GARA A PROCEDURA APERTA PER L’ALIENAZIONE DI IMMOBILI DI PROPRIETA’ DEL COMUNE DI VIESTE

550

IL DIRIGENTE

 
BANDO PUBBLICO DI GARA A PROCEDURA APERTA PER L’ALIENAZIONE DI IMMOBILI DI PROPRIETA’ DEL COMUNE DI VIESTE (Fg)
( Approvato con determina  Settore Amministrativo n. 327  del 21.05.2021 )
In esecuzione:
– della Delibera di Consiglio Comunale n. 12 del 23.04.2021 “Piano delle Alienazioni e Valorizzazioni immobiliari, ai sensi dell’art.58, L. 133/2008 – Triennio 2021 – 2023 – modifica ed integrazione alla Delibera di C.C. n. 59 del 2020”;
– della determina dirigenziale del Settore Amministrativo n.  327 del 21.05.2021;
 

RENDE NOTO

 
Che il giorno 1 del mese di luglio, alle ore 10:00, presso l’ufficio Patrimonio del Comune di Vieste, dinanzi ad apposita Commissione  presieduta dal Presidente Dirigente del Settore Amministrativo, si procederà ad esperimento della gara per la vendita dei seguenti immobili di proprietà comunale:
 
Lotto n. 2: Complesso immobiliare “ex Cinema Adriatico”: Immobile uso residenziale al piano primo- Destinazione d’uso: Residenziale; censito al catasto urbano di Vieste al Foglio n. 13, p.lla 1897, sub. 14; superficie catastale: mq. 71 – superficie omogeneizzata a fini commerciali mq. 73,3. Importo a base d’asta: euro  111.522,29.
 
Lotto n. 3: Complesso immobiliare “ex Cinema Adriatico”: Immobile uso residenziale al piano primo- destinazione d’uso: Residenziale; Censito al catasto urbano di Vieste al Foglio n. 13, p.lla 1897, sub. 15; superficie catastale: mq. 75 – superficie omogeneizzata a fini commerciali mq. 72,8. Importo a base d’asta: euro 110.761,56.
 
Lotto n. 4: “Intero fabbricato “Caserma Forestale”, situato tra via Manzoni e via Dante Alighieri, realizzato su tre livelli fuori terra ed uno interrato comprensivo di area di corte e piccolo manufatto al piano terra garage. Destinazione d’uso: Commerciale e/o residenziale e direzionale; censito al catasto urbano di Vieste al Foglio n. 12, p.lla 3746; Superficie totale Mq. 1882 – superficie omogeneizzata a fini commerciali Mq. 682,40. Importo a base d’asta : euro 848.807,51; detto immobile sarà consegnato, in caso di aggiudicazione, nel mese di gennaio 2022.
 
Lotto n. 35: “Locale (ex Bagni pubblici) ubicato in Piazza Roma, si snoda sotto il marciapiede di Corso L.Fazzini.Complesso  Immobile non accatastato insistente su Foglio 13 Superficie netta: mq. 28 . Importo a base d’asta : euro 36.756,00.
 

  1. CONDIZIONI DI VENDITA

La vendita degli immobili avrà luogo a corpo e non a misura, nello stato di fatto e di diritto in cui essi si trovano attualmente con le servitù attive e passive, apparenti e non, accessori, pertinenze, coerenze e diritti di qualsiasi sorta. Gli oneri e le spese per il trasferimento, la registrazione e la trascrizione di atti, sono a carico degli aggiudicatari degli immobili.
Gli aggiudicatari, per l’immobile loro aggiudicato provvisoriamente, dovranno, prima della stipula del contratto di vendita, fornire la documentazione mancante richiesta per legge (accatastamento, visura catastale, attestato di prestazione energetica, ecc…). La spesa dovrà essere preventivamente vistata per la congruità da parte dell’Ufficio Patrimonio.
 Le spese sostenute dagli aggiudicatari medesimi, per la redazione della documentazione obbligatoria per legge ai fini dell’atto di compravendita, esclusa ogni altra spesa, saranno scomputate dal prezzo finale per l’acquisto dell’immobile, previa presentazione delle relative quietanze di pagamento.
L’acquirente dovrà esonerare espressamente la parte venditrice da qualsiasi responsabilità avendo accettato di acquistare il bene nello stato in cui si trova, gli immobili saranno aggiudicati all’offerta più alta tra quelle pervenute.
 

  1. PREZZO A BASE DI GARA

L’importo a base d’asta degli immobili oggetto del presente bando è quello indicato nelle schede sopra descritte, per ciascun specifico lotto oggetto di alienazione.
 
      C) MODALITA’ DI PARTECIPAZIONE ALLA GARA E DI PRESENTAZIONE DELLE OFFERTE
Per prendere parte all’asta, gli interessati dovranno far pervenire la propria offerta all’Ufficio Protocollo Generale del Comune di Vieste – C.so L. Fazzini N° 29 – 71019 Vieste (FG) – entro e non oltre il termine perentorio delle ore 12.00 del giorno 30 giugno 2021 a pena di esclusione.
Farà fede il timbro/data e l’ora apposti all’atto del ricevimento dal sopra citato Protocollo Generale.
Il recapito del plico sigillato contenente l’offerta dovrà essere effettuato, entro e non oltre il suddetto termine, direttamente o a mezzo posta (posta celere compresa). E’ ammessa anche la consegna tramite agenzie di recapito autorizzate, nel rispetto della normativa in materia. Oltre il termine sopraindicato, non sarà valida alcuna altra offerta, anche se sostitutiva od aggiuntiva di offerta precedente, ancorché spedita in data anteriore al termine suddetto.
Il recapito dei pieghi, entro il termine indicato, rimane ad esclusivo rischio del mittente.
Si avverte che l’orario di servizio al pubblico effettuato dall’Ufficio Protocollo Generale del Comune di Vieste è il seguente: dal lunedì al venerdì dalle ore 9:00 alle ore 13:00 .
Il plico deve essere idoneamente sigillato, controfirmato sui lembi di chiusura, e deve recare all’esterno (oltre all’indirizzo del Comune di Vieste), il mittente (intestazione ed indirizzo) e la dicitura : “ Non aprire – Offerta per asta pubblica di immobili comunali di proprietà del Comune di Vieste”.
La domanda in lingua italiana, indirizzata al “Dirigente del Settore Amministrativo del Comune di Vieste”, sottoscritta dall’offerente o dal legale rappresentante in caso di società ed enti, e presentata unitamente a copia fotostatica non autenticata di un documento d’identità del sottoscrittore ai sensi dell’art. 38, comma 3, D.P.R. 445 del 28.12.2000, dovrà contenere:
a) Gli elementi essenziali per l’individuazione del concorrente e del suo indirizzo;
b) Il riferimento esplicito alla presente procedura di gara e all’immobile per la cui aggiudicazione intende concorrere.
c) Dichiarazione sostitutiva di certificazione e di atto di notorietà, resa ai sensi degli artt. 21,38,46 e 47 del DPR 445/2000 nonché degli artt. 483,495 e 496 del Codice Penale sotto la propria personale responsabilità con allegata copia fotostatica di un documento di identità del firmatario che attesti le seguenti condizioni:
1) di aver verificato,  con sopralluogo obbligatorio, lo stato di fatto e di diritto degli immobili oggetto della presente gara pubblica anche con riferimento alla situazione amministrativa, catastale, edilizia, urbanistica;
2) di accettare lo stato di fatto e di diritto dell’immobile oggetto di gara, esonerando il Comune da qualsivoglia responsabilità al riguardo, e rinunciando a far valere, per qualsiasi titolo o ragione, alcuna pretesa risarcitoria per l’esercizio, da parte del Comune di Vieste, della facoltà insindacabile di non procedere alla cessione dell’immobile;
3) di obbligarsi, per l’immobile aggiudicato provvisoriamente, a fornire, prima della stipula del contratto di vendita, tutta la documentazione mancante richiesta per legge (visura catastale, attestazione di conformità, attestato di prestazione energetica, ecc) e tale spesa dovrà essere preventivamente vistata per la congruità da parte dell’Ufficio Patrimonio;
4) di aver preso visione e di accettare il Regolamento Condominiale approvato con Delibera di Giunta Comunale N°80/2006 ( solo per gli immobili dell’Ex cinema Adriatico);
5) di aver preso visione del bando, delle disposizioni di legge e regolamenti che disciplinano la materia e di tutti gli allegati facenti parte integrante e sostanziale del bando medesimo e di accettare tutte le condizioni ivi contenute;
6) di non aver riportato condanne penali e di non avere procedimenti penali in corso, né di essere persona giudicata pericolosa ai sensi dell’art. 5 del D.Lgs. n. 114/1987;
7) che nei propri confronti non sussistono le cause di divieto, di decadenza e di sospensione previste dal codice antimafia – D. Lgs. 6 settembre 2011, n. 159;
8) di non trovarsi nelle condizioni di incapacità a contrarre con la Pubblica Amministrazione, di cui all’art. 80  del D. Lgs. 50/2016;
9) che la ditta non si trova in stato di fallimento, liquidazione coatta, concordato preventivo, e che nei relativi riguardi non è in corso un procedimento per la dichiarazione di una di tali situazioni;
10) di non trovarsi nelle condizioni previste dagli artt. 11 e 92 del TULPS approvato con R.D. 18 giugno 1931, n. 773;
11) di non avere alcuna lite pendente con il Comune di Vieste e di non essersi reso inadempiente o colpevole di negligenza nell’eseguire prestazioni per il Comune stesso o per altre Amministrazioni Pubbliche;
12) che nei confronti del concorrente e dei relativi amministratori muniti di poteri di rappresentanza, non sia stata pronunciata una condanna, con sentenza passata in giudicato, per uno o più reati di partecipazione ad un’organizzazione criminale, corruzione, frode, riciclaggio, ovvero per qualsiasi reato contro la Pubblica Amministrazione;
13) che il concorrente, nell’anno antecedente la data di pubblicazione del bando di gara, non ha reso false dichiarazioni in merito ai requisiti e alle condizioni rilevanti per la partecipazione a procedure di aggiudicazione di appalti pubblici, risultanti dai dati in possesso dell’Osservatorio dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi di forniture di cui al D.Lgs. 163/2006. Nel caso di imprese riunite e consorziate le predette condizioni dovranno essere attestate per ciascuna di esse;
14) di autorizzare il Servizio Patrimonio del Comune di Vieste al trattamento dei propri dati personali ai sensi del D. Lgs. 30 giugno 2003, n 196 per le finalità inerenti al presente bando.
L’offerta economica, in competente bollo,  dovrà essere redatta in lingua italiana e dovrà contenere la precisa indicazione del locale a cui si riferisce.
L’offerta dovrà essere incondizionata e dovrà essere espressa, oltre che in cifre, anche in lettere. In caso di discordanza tra il prezzo indicato in cifre e quello indicato in lettere sarà ritenuto valido quello più conveniente per l’Amministrazione.
L’offerta, come sopra formulata, dovrà essere sottoscritta dall’offerente o dal legale rappresentante se trattasi di società o ente di qualsiasi tipo. Determina l’esclusione dall’asta la circostanza che l’offerta non sia validamente sottoscritta e/o non sia inserita nell’apposita busta.
L’offerta economica, sola senza alcun altro documento, dovrà essere chiusa in una apposita busta sigillata  e siglata sui lembi di chiusura, sulla quale dovrà essere riportato il nominativo del concorrente e la scritta: “OFFERTA PER LA GARA DEL GIORNO ………………. RELATIVA ALL’ALIENAZIONE  DEL LOTTO N°_____ sito alla Via ___________________________________.
Tale busta dovrà essere introdotta in un’altra busta più grande, nella quale dovranno essere inseriti – a pena di esclusione – tutti i documenti richiesti nel paragrafo D) del presente bando.
 

  1. DOCUMENTAZIONE

Il Plico deve contenere:

  1. Istanza e dichiarazione unica per la partecipazione all’asta, utilizzando il modello di cui all’allegato A al presente bando, sottoscritta dal concorrente (in caso di società dal legale rappresentante); alla dichiarazione deve essere allegata, a pena di esclusione, fotocopia di un documento di identità del sottoscrittore, in corso di validità; la dichiarazione può essere sottoscritta anche da un procuratore del legale rappresentante ( in questo caso deve essere allegata copia autentica della procura in caso di procura generale, oppure originale della procura se si tratta di procura speciale);
  2. Offerta economica in bollo , redatta secondo il modello di cui all’allegato B al presente bando, sottoscritta dal concorrente (in caso di società dal legale rappresentante; alla dichiarazione deve essere allegata, a pena di esclusione, fotocopia di un documento di identità del sottoscrittore, in corso di validità; la dichiarazione può essere sottoscritta anche da un procuratore del legale rappresentante (in questo caso deve essere allegata copia autentica della procura in caso di procura generale, oppure originale della procura se si tratta di procura speciale). L’offerta economica dovrà essere inserita in un’ulteriore busta chiusa.
  3. Deposito cauzionale: Oltre l’offerta completa in ogni sua parte, la busta dovrà contenere, quale deposito cauzionale, attestazione del versamento, effettuato presso la Tesoreria Comunale Banca Popolare di Milano, filiale di Vieste, IBAN: IT 98Q0503478710000000090001, dell’importo pari al 5% del prezzo a base d’asta previsto dal bando. Il deposito cauzionale dovrà essere prestato per ogni immobile oggetto di richiesta e dovrà riportare la seguente causale: “Deposito cauzionale per la partecipazione al bando per l’alienazione di immobili comunali”.

Il deposito cauzionale verrà restituito ai non aggiudicatari entro 60 giorni dalla data di apertura delle offerte. Il deposito cauzionale versato dall’aggiudicatario sarà introitato a titolo di acconto sul prezzo offerto. Lo stesso deposito non verrà restituito nei confronti di colui che, risultato definitivamente aggiudicatario, non intenda procedere alla stipula dell’atto di compravendita nel termine comunicato dall’Amministrazione ai sensi del successivo punto F).
Saranno esclusi dalla gara i concorrenti che avranno omesso di presentare anche uno solo dei documenti e delle dichiarazioni richieste o che abbiano presentato riserva in merito al loro contenuto o che comunque non si siano attenuti alle modalità presenti nel bando riguardanti il contenuto dell’offerta nonché i termini e le modalità di presentazione della stessa.

  1. Attestazione di avvenuto sopralluogo, “obbligatorio”, rilasciato dal Responsabile del Procedimento geometra Masiello Libero. Il sopralluogo potrà essere effettuato nei giorni di lunedì e mercoledì dalle ore 10,00 alle ore 12,30, previo contatto con il Servizio Patrimonio – tel. 0884712226;   
  1. CRITERIO DI AGGIUDICAZIONE
  1. L’esperimento d’asta avrà luogo con le modalità di cui all’art. 73, lettera c), del R.D. n. 827/1924 e successive  modificazioni e integrazioni, per mezzo di offerte segrete con un prezzo  superiore rispetto a quello fissato a base d’asta per ciascun immobile.
  2. All’aggiudicazione provvisoria provvederà apposita Commissione di gara nominata dal Dirigente del Settore, l’aggiudicazione provvisoria dell’immobile avverrà a favore del soggetto che avrà offerto il maggior prezzo  su quello posto a base di gara fissato dall’Amministrazione, anche in presenza di una sola offerta valida. L’aggiudicazione diverrà definitiva con la determinazione dirigenziale che approva il verbale redatto in fase di gara e previo accertamento di quanto autocertificato in sede di presentazione dell’offerta.
  3. Nel caso di parità tra le offerte, ai sensi dell’art. 13, comma 2, del Regolamento Comunale per le alienazioni degli immobili, si procederà in sede di aggiudicazione a richiedere a ciascun offerente un’offerta migliorativa in busta chiusa. In caso di nuova parità si procederà a sorteggio pubblico. L’offerente non presente in sede d’asta non potrà vantare alcun diritto.
  1. CONDIZIONI GENERALI DI PAGAMENTO

Tutte le spese contrattuali, comprese quelle accessorie per imposte, tasse, bolli, diritti di segreteria, etc…, quelle relative ad eventuali operazioni catastali, di riconfinamento, di trasferimento della proprietà, nessuna esclusa, saranno interamente poste a carico dell’aggiudicatario. La cessione non è soggetta ad I.V.A. in quanto l’operazione di vendita viene effettuata dal Comune con carattere di eccezionalità ed occasionalità. Dalla data del rogito si trasferiranno all’aggiudicatario le imposte, tasse ed oneri di ogni specie relative all’immobile.
Il pagamento del prezzo integrale d’acquisto, al netto dei versamenti effettuati in sede di deposito cauzionale ed eventuali spese sostenute per la fornitura della documentazione  mancante relativa ai requisiti richiesti per legge ai fini della stipula del contratto di compravendita dell’immobile, dovrà essere effettuato prima della firma dell’atto notarile di compravendita, la cui stipulazione sarà affidata ad un notaio di fiducia dell’aggiudicatario, il cui nominativo dovrà essere comunicato all’Amministrazione comunale entro 15 giorni dal ricevimento della comunicazione da parte del Comune dell’aggiudicazione definitiva.
Trascorso inutilmente detto termine, l’Amministrazione si riserva di indicare il nominativo del notaio di sua fiducia, presso il quale la stipula dovrà avvenire entro i successivi 30 (trenta) giorni. In caso di mancata stipula dell’atto pubblico di compravendita per qualsiasi causa ascrivibile all’aggiudicatario o per sua rinuncia, l’Amministrazione Comunale, decorsi 45 giorni dall’aggiudicazione definitiva comunicata all’aggiudicatario, tratterrà il deposito cauzionale versato all’atto di partecipazione al bando.
Inoltre in caso di rinuncia l’Amministrazione comunale si riserva la facoltà di aggiudicare l’immobile al miglior offerente , secondo l’ordine della graduatoria.
 
G) PUBBLICAZIONE DEL BANDO DI GARA
Ai sensi dell’art. 7, comma 2, del vigente Regolamento Comunale per l’alienazione del patrimonio immobiliare, copia dell’avviso di gara integrale sarà pubblicato all’albo online del Comune di Vieste, sul sito informatico del comune www.comunedivieste.it per un periodo di trenta giorni naturali e consecutivi e l’estratto dell’avviso di gara sulla G.U.R.I. e  su  due quotidiani di cui uno a diffusione nazionale ed uno a diffusione locale.
 
H ) AVVERTENZE E CONDIZIONI GENERALI:
* Il Comune di Vieste garantisce la legittima provenienza dell’immobile; il trasferimento dello stesso avverrà in piena proprietà, libero da trascrizioni pregiudizievoli, con garanzia di libertà da qualsiasi ipoteca;
* Il contratto di compravendita sarà stipulato in una sede del Comune di Vieste tramite Notaio di fiducia, scelto dall’aggiudicatario, e le relative spese saranno tutte a carico della parte acquirente;            
* Non sono da ritenere cause di esclusione le mere irregolarità formali, qualora siano assolutamente inidonee a influire sulla conoscenza dello stato dei fatti da parte dell’Amministrazione Appaltante e che, comunque, non possano far insorgere dubbi sulla paternità, veridicità e consistenza dell’offerta. A fronte di tali irregolarità formali l’Amministrazione Comunale, conformemente all’art. 6 legge 241/1990, inviterà l’impresa a regolarizzare la propria offerta, sempreché la presentazione di nuova documentazione non turbi la par condicio tra i concorrenti o non determini una modificazione del contenuto della documentazione presentata;
* L’aggiudicatario, nel termine che verrà stabilito dall’Amministrazione, sarà tenuto alla presentazione della documentazione per la quale si è avvalso della dichiarazione sostitutiva; il mancato invio della documentazione nei termini previsti o l’accertamento del mancato possesso dei requisiti per la partecipazione alla gara comporterà la decadenza dall’aggiudicazione e l’incameramento della cauzione provvisoria;
* Qualora venisse accertata la falsità di taluna delle dichiarazioni rese in sede di partecipazione all’asta, il Comune di Vieste procederà all’esclusione del concorrente dalla gara, all’incameramento della cauzione provvisoria e procederà altresì alla segnalazione all’Autorità Giudiziaria. Nel caso la falsità venisse accertata nei confronti delle dichiarazioni rese dal miglior offerente, il Comune pronuncerà la decadenza dell’aggiudicazione;
* L’Amministrazione Comunale si riserva la facoltà di acquisire in proprio, nelle forme di legge, la documentazione relativa alla normativa antimafia e, quando a seguito di tali verifiche emergano elementi relativi a tentativi di infiltrazione mafiosa, con provvedimento motivato, annullerà l’aggiudicazione effettuata e procederà all’incasso del deposito cauzionale.
* In caso di decadenza dell’aggiudicatario miglior offerente per qualsivoglia motivo, l’Amministrazione si riserva la facoltà di valutare la convenienza a stipulare con il secondo miglior offerente.
* L’Amministrazione si riserva, altresì, la facoltà insindacabile di non dar luogo alla gara stessa o di prorogarne la data, dandone comunicazione ai concorrenti, senza che gli stessi possano accampare alcuna pretesa al riguardo.
* Sono ammessi alla seduta pubblica rappresentanti dei concorrenti, in numero massimo di una persona per ciascuno; muniti di delega o procura, o dotati di rappresentanza legale o direttori tecnici dei concorrenti, come risultanti dalla documentazione presentata, possono chiedere di verbalizzare le proprie osservazioni.
* Non sono ammesse offerte per persona da nominare, né cessioni dell’aggiudicazione a terzi, mentre sono ammesse le offerte per procura speciale. In tal caso deve essere allegata alla documentazione amministrativa la relativa documentazione, da produrre esclusivamente in forma notarile – in originale o in copia autenticata – a pena di esclusione dalla gara.
* L’offerta si intende valida , vincolante per l’offerente ed irrevocabile per 180 giorni dalla scadenza del termine di presentazione delle offerte.
* L’impegno del concorrente è valido dal momento della presentazione dell’offerta, mentre l’Amministrazione resterà vincolata solo ad intervenuta approvazione della aggiudicazione definitiva e successiva stipulazione del contratto di compravendita.
* Gli offerenti non potranno avanzare alcuna pretesa nei confronti dell’Ente per mancato guadagno o per costi sostenuti per la presentazione dell’offerta, anche nel caso in cui la Stazione Appaltante dovesse decidere di non procedere all’aggiudicazione.
 
I) RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO ED INFORMAZIONI ULTERIORI
Il Responsabile del procedimento è  il geom. Masiello Libero .
Per informazioni, chiarimenti , gli interessati potranno rivolgersi, dal lunedì al venerdì dalle ore 10.00 alle ore 12.30, presso il Servizio Patrimonio del Comune in C.so Lorenzo Fazzini n.29, tel 0884/712226, mail: l.masiello@comune.vieste.fg.it
I sopralluoghi presso gli immobili oggetto del presente bando potranno essere effettuati, previo appuntamento.
Per qualsiasi controversia sarà competente il foro di Foggia.
Tutta la procedura, per quanto non espressamente disciplinato dal presente bando , è regolata dalle disposizioni del R.D. 23.05.1925 n. 827 “ Regolamento per l’amministrazione del patrimonio e per la contabilità generale dello Stato” e del vigente Regolamento Comunale per l’alienazione degli immobili.
L) TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI
Ai sensi del D. Lgs, 30 giugno 2003, n. 196, si informa che : – le finalità e le modalità di trattamento cui sono destinati i dati raccolti ineriscono il procedimento indicato nell’oggetto del presente bando d’asta; – il conferimento dei dati è presupposto necessario per la partecipazione all’asta; – i diritti spettanti all’interessato sono quelli indicati all’art. 7 del D. Lgs. 196/2003; – il titolare del trattamento dei dati è il Comune di Vieste, nella persona del Geom. Libero Masiello.
 
                                            

IL DIRIGENTE DEL SETTORE AMMINISTRATIVO

F.to Dott. Angelo Raffaele VECERA


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright