The news is by your side.

PREOCCUPA LA VARIANTE DELTA, IN PUGLIA ALTRI 20 NUOVI POSITIVI

393

I casi accertati fra Taranto, Brindisi e Lecce. Due studenti salentini in quarantena negli Emirati Arabi.

La variante Delta avanza in Puglia. Secondo l’ultima rilevazione dell’Istituto Zooprofilattico di Foggia, si sono registrati 20 nuovi casi: tutti principalmente fra le zone di Taranto, Brindisi e Lecce. Di conseguenza, le rispettive Asl si stanno immediatamente attivando per monitorare i contatti e risalire alla catena di contagio. Di certo – dicono gli esperti – la Delta è destinata a diventare la variante dominante, destinata a soppiantare la inglese. Stando agli ultimi dati emersi, circa il 40 per cento dei tamponi sequenziati risulta collegato a questo determinato ceppo. Il dato è in aumento, ma pare che fino a questo momento la situazione sia ancora sotto controllo. Merito, principalmente, della massiccia campagna di vaccinazione che ha visto la Regione Puglia fra i primi posti in Italia per numero di somministrazioni. La vaccinazione procede a ritmo serrato, anche nella speranza di riuscire a proteggere il maggior numero possibile di giovani, particolarmente esposti al contagio.

È delle scorse ore la notizia che oltre 300 studenti italiani minorenni, partiti lo scorso 30 giugno per Dubai in una vacanza studio organizzata da Accademia Britannica, tour operator specializzato nel turismo studentesco, sono stati messi in quarantena nei campus dopo che 11 di loro sono risultati positivi al Covid-19. La circostanza è stata diffusa dalla famiglia di due studenti di Cutrofiano, tra i molti salentini che partecipano al viaggio a Dubai e che ora sono bloccati con gli altri negli Emirati Arabi. Gli studenti hanno riferito che, accompagnati da alcuni Group Leader, sarebbero dovuti rientrare mercoledì prossimo, ma che per loro è stato attivato il protocollo di sicurezza che comporta tampone molecolare e isolamento immediato, fino all’esito dei risultati.

Il contagio, a quanto si apprende, sarebbe avvenuto durante la visita ad un mercato. Intanto la Regione Puglia sta «monitorando» la situazione nell’hotspot di Taranto: lo ha chiarito l’assessore alla Sanità, Pier Luigi Lopalco, durante le audizioni in III commissione consiliare rispondendo all’intervento del consigliere di Fratelli d’Italia, Renato Perrini. Il consigliere ha sollevato la questione evidenziando che dei 300 migranti arrivati a Taranto 33 sarebbero risultati positivi al Covid. Lopalco ha replicato garantendo che la situazione «è strettamente monitorata». Già questa mattina, il gruppo di Fdi aveva chiesto, attraverso una nota, al presidente Michele Emiliano di farsi «carico del problema interpellando il governo nazionale e chiedendo un intervento immediato delle forze di governo a lui vicine».

Per quanto riguarda il bollettino di ieri stati registrati 19 casi su 4.342 test , con una incidenza dello 0,4%. I nuovi positivi sono 9 in provincia di Lecce, 3 in provincia di Bari, 2 ciascuno nelle province di Brindisi, Bat e Taranto; 1 caso di residenza non nota. Sono stati registrati 2 decessi: uno in provincia di Bari e l’altro nella provincia Bat. Dall’inizio dell’emergenza sono stati effettuati 2.741.375 test e sono 1.879 i casi attualmente positivi.

gazzettamezzogiorno


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright