The news is by your side.

MONTE SANT’ANGELO/ NELLA LA CITTÀ DEI DUE SITI UNESCO NASCE CLASSICA A MONTE

164

Un nuovo festival dedicato alla Musica da Camera. Il festival raccoglie un’eredità pluri decennale di attenzione alla musica classica grazie all’impegno profuso dall’Associazione “Amici della Musica”.

Nella ripresa della vita culturale, l’Amministrazione di Monte Sant’Angelo decide di fare un salto in avanti, dando vita a Classica a Monte, in collaborazione con l’Associazione Musicale Parsifal, sotto la direzione artistica di Andrea Crastolla e Federico Pische, rispettivamente direttore d’orchestra e pianista.

Il Festival si svolgerà nella magnifica cornice del Chiostro delle Clarisse, nel cuore del centro garganico, che si candida ad essere il luogo più idoneo per gustare e apprezzare pagine nascoste e meravigliose del patrimonio cameristico italiano ed europeo.

L’amministrazione comunale guidata dal Sindaco Pierpaolo d’ Arienzo, con la determinata volontà dell’Assessore alla Cultura e al Turismo Rosa Palomba, hanno fortemente voluto questo evento che porta la firma di Monte Sant’Angelo già nello stesso nome festival proprio ad indicare un taglio esclusivo della proposta musicale, volta alla crescita della cittadinanza ma anche per ridisegnare nuove mete di “pellegrinaggio culturale” in uno dei luoghi più visitati di Italia e della stessa Europa.

Classica a Monte è un’occasione di incontro. La Musica da Camera è il luogo “metafisico”  in cui i musicisti si incontrano per suonare insieme; il festival è un salotto di incontro tra cittadini ed essi con la musica e gli artisti; ma soprattutto un festival è un salotto aperto a tutti, turisti, visitatori, curiosi appassionati. E’ un modo bello per condividere la bellezza di uno dei borghi più belli della nostra Puglia e soprattutto tra i più prestigiosi: Monte Sant’Angelo, la città dei sue siti Unesco.

Artisti di primo piano intervengono in questa prima edizione caratterizzata dalla provenienza pugliese e dal riflesso nazionale ed internazionale. Rachele Stanisci  (soprano) e Roberto Corlianò  (pianoforte) in un programma che spazia sul belcantismo italiano cameristico e operistico, Federico Pische e Valentina Parentera nell’interpretazione del romanticismo musicale europeo con Leochorus (ensemble vocale da me diretto e con cui svolgo attività concertistica con approfondimenti filologici), ed infine come ospite Francesco Granata, in questo momento finalista al Concorso Internazionale “Busoni”; un programma raffinato che si lascerà gustare da tutti. E non mancheranno le sorprese, ovviamente, che riveleremo di volta in volta.

Andrea Crastolla

Il festival “Classica a Monte” nasce da un’esigenza di rinascita, da un bisogno di tornare a fare ed ascoltare musica insieme nei più bei luoghi della nostra regione e del nostro paese.

Proprio la musica da camera, musica “d’insieme”, risponde a questo bisogno che dopo un anno di pandemia pulsa forte in ognuno di noi, e sono convinto che la comunione artistica tra musicisti e pubblico sarà la chiave per vivere tre serate di gioia e bellezza in un contesto di eccezione come la città di Monte Sant’angelo.

Proprio la voglia di condivisione ci ha spinti a pensare a delle occasioni di incontro fra gli artisti ed il pubblico: la mattina successiva ai concerti saranno organizzati dei “caffè con il festival”, ossia dei momenti in cui chi vorrà potrà incontrare gli artisti e parlare con loro, rivolgergli delle domande e scambiarsi pareri ed opinioni.

Sono sicuro che questo Festival sarà un’occasione di rinascita e riscoperta per tutti noi, e non posso che augurare a tutti coloro che vorranno condividere questi momenti “buona musica”!

Federico Pische

Biglietti acquistabili mediante il circuito Vivaticket sia on line che in tutti i punti vendita del circuito, oltre che al botteghino del festival.

La biglietteria e le info sul Festival sono disponibili anche sulla pagina facebook.com/classicaamonte o sul sito www.parsifal.me (classicaamonte@parsifal.me)

Classica-a-Monte-Programma-2021


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright