The news is by your side.

MONTE S. ANGELO/PIANO STRATEGICO DEL CENTRO STORICO: “IMMOBILI A SCOPO COMMERCIALE E’ LA VIA PER IL RILANCIO TURISTICO”.

105

«Il rilancio commerciale del centro storico di Monte Sant’Angelo mi­ra al processo di riqualificazione sociale, economica ed urbanisti­ca». È su queste basi che si poggia il «Regolamento per la disciplina delle attività commerciali artigia­ne nel centro Storico-Area di va­lorizzazione commerciale» appro­vato dal Consiglio comunale del borgo garganico. «Nella nostra progettazione e programmazione strategica – spie­ga il sindaco Pierpaolo d’Arienzo – abbiamo messo in campo tre im­portanti progetti per il centro sto­rico: la riqualificazione di tutte le piazze già finanziato dalla Regio­ne con 3 milioni di euro, abbiamo stanziato le risorse per il rilievo puntuale che ci consegnerà la fo­tografia complessiva del centro storico ed è propedeutico al Piano Urbanistico Generale e il piano di rilancio commerciale».

Il sindaco, inoltre, come evi­denziato in una nota di Palazzo di Città, ha presentato alla comunità

di Monte Sant’Angelo «il regola­mento dell’area di valorizzazione commerciale che è diviso in due parti: le disposizioni per lo svi­luppo delle attività produttive e commerciali e le nuove norme per rinsediamento». Il Comune, con l’adozione delle presenti norme, «definisce gli indirizzi per la riqualificazione della rete distribu­tiva e per la rivitalizzazione del tessuto economico, sociale e culturale del centro storico perse­guendo le seguenti finalità: incen­tivare lo sviluppo delle attività commerciali; favorire l’associa­zionismo e l’aggregazione tra le attività ivi insediate, al fine di aumentare la forza di attrazione dell’area, le professionalità pre­senti, ed incentivare le economie di scala; favorire la vitalità del luogo proponendo possibilità di sviluppo, incrementando gli im­mobili con destinazione commer­ciale; preservare l’ambiente sto­rico e monumentale, anche tra­mite l’esclusione dal Centro di at­tività non idonee al contesto». Il Comune comunica anche che «potranno beneficiare delle age­volazioni fiscali (75% per 5 anni su Imu, Tari e suolo pubblico) le nuove attività che intendano in­sediarsi all’interno del perimetro del Centro storico, le attività che effettuano trasferimento di sede nonché per gli esercizi di vendita di prodotti tipici e per le botteghe storiche».


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright