The news is by your side.

LAVORO/ IN PUGLIA PRONTO UN BANDO PER LA SICUREZZA PER MILLE ISPETTORI

68

Nella mozione sulla sicurezza sui luoghi del lavoro approvata dal Consiglio regionale pugliese «era contenuta» la richiesta «di rafforzare gli ispettorati del lavoro, cosa che il Governo effettivamente sta facendo proponendo un bando per la selezione di oltre 1.000 unità proprio dell’Ispettorato del lavoro, oltre a quello già bandito di recente. Ma anche nel Pnrr sono previste altre assunzioni all’Inail a partire dal 2022». Lo ha detto la presidente del Consiglio pugliese, Loredana Capone, in apertura dei lavori in Aula per interrogazioni e mozioni.

«Rispetto al resto d’Italia, in cui prendono sempre più corpo i reati informatici, le province pugliesi si contraddistinguono per reati molto più radicati, come quello di associazione di stampo mafioso, infiltrazione nei settori economici o nelle Istituzioni. Sono dati che purtroppo non ci sorprendono, ma ovviamente generano un allarme e ancora di più radicano la nostra forza di lottare, la nostra volontà di lottare». Lo ha detto la presidente del Consiglio pugliese, Loredana Capone, in apertura dei lavori in Aula per interrogazioni e mozioni.

«Penso – ha aggiunto – che la Commissione di ieri sia stata estremamente proficua sia per i dati che sono stati riportati sia per le relazioni che hanno tenuto i tre prefetti e i tre procuratori, puntuali sulla situazione esistente nelle tre province e anche propositivi, costruttivi. È evidente, infatti, come è emerso in maniera chiara dalle relazioni, che le organizzazioni criminali stanno cambiando, sempre di più si stanno dirigendo verso l’infiltrazione nelle attività economiche lecite, quindi sono sempre più difficili da combattere. Per questo, è fondamentale il confronto continuo, come proprio la legge istitutiva della Commissione prevede, e anche la possibilità di dare alla politica il suo giusto ruolo, e cioè quello di generare opportunità di lavoro, ridurre il rischio di disagio minorile, e non solo, e dunque agevolare l’integrazione delle fasce più deboli della popolazione».


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright