The news is by your side.

A TERESA RAUZINO IL PREMIO ADRIATICO PER IL GIORNALISMO

197

Se il Gargano non avesse dato i natali a Teresa Rauzinoavrebbe per­so una grande testimone del suo spirito e dei suoi fragili equilibri, del­le sue bellezze e delle sue dannazioni. Perchè la professoressa di Pe­schici, che è anche giornalista pubblicista, storica e saggista, si è ritagliata con impegno e dedizione un ruolo di primo piano nell’ambito di tutte le ini­ziative che hanno a che fare con il recupero di storie e microstorie della Mon­tagna del Sole, della sua poetica e della sua economia, tra tradizioni ance­strali e valore ambientale, marketing territoriale e battaglie civili.

Rauzino ha certamente contribuito ad allargare i confini della ricerca su fonti e opere sconosciute ai più, ha condotto i suoi studenti alla scoperta di monumenti e tradizioni, con la partecipazione a concorsi e premi anche nazionali, ha mes­so in rete protagonisti della società civile, artisti ed intellettuali, enti pubbli­ci e persino ecclesiastici, come per la crociata per l’Abbazia di Kalena, che la vede da 30 anni schierata per il recupero del complesso peschiciano con il Centro Studi Martella.

Per il suo pluridecennale lavoro di narratrice e divulgatrice le è stato asse­gnato il “Premio Adriatico 2021- Un mare che unisce”, con una cerimonia che si è svolta sabato scorso a bordo del Catamarano Zenit, ancorato nelle acque del porto di Termoli. “il tema mi è particolarmente caro – spiega Rauzino -. Gli organizzatori dall’asso­ciazione Irdi Destinazione Arte hanno riunito insieme le 7 regioni adriatiche Friuli, Veneto, Marche, Emilia Romagna, Abruzzo, Molise e Puglia e tre re­gioni dell’altra sponda Albania, Croazia e Slovenia, includendo anche la Re­pubblica di San Marino, ridando centralità alla pratica dell’intercultura. Pe­schici è stata fondata dagli Slavi, provenienti da Dubrovnik in particolare, che usavano autodefinirsi “morlacchi”.

Già prima dell’anno 1000 ci sono at­testazioni della venuta degli Slavi per liberare il Gargano dai musulmani, e ad essi si fa risalire la fondazione delle città di Peschici e Vico, nel 970 se­condo Sarnelli, ma già prima c’era un intenso scambio tra i porti del nostro Adriatico e i dirimpettai”.

Il Premio è un riconoscimento alla sua lunga attività pubblicistica con nu­merose testate del territorio, tra cui il Corriere del Mezzogiorno, il quotidia­no l’Attacco, Il Gargano Nuovo e molti altri, e in sede di conferimento sono state citate alcune tra le sue numerose pubblicazioni e la battaglia per Ka­lena: “Altro mio impegno citato al Premio quello che per 5 anni mi ha visto collaborare con il professor Raffaele Licinioche mi volle inserire tra i collaboratori della sua rubrica on line “La memoria dimenticata/microstorie” – ricorda Rauzino -. In quegli anni abbiamo raccolto e sensibilizzato tanti altri amici e validi collaboratori, ricordo Leonarda Crisetti, Lucia Lopriore, Marco Brando.

A dire il vero il professor Licinio è stato uno dei miei più gran­di estimatori e mi ha incoraggiato a portare avanti sia i miei studi sulla ricer­ca storica e sia le attività legate alle battaglie civili. La nostra stima recipro­ca e il nostro affetto ci hanno unito in tante iniziative di studio e di impegno attivo per la difesa dell’Integrità del patrimonio storico ed ambientale della Puglia minacciato da aggressioni ed incuria”.

In tema di pubblicistica legata al territorio è stata significativa l’esperienza della collaborazione con la testata storica II Gargano Nuovo che portava avanti le istanze di rinascita garganica e che negli anni Cinquanta soprat­tutto poteva contare sugli apporti di una corte di numerosi intellettuali “ho iniziato a collaborare nel 1997, il giornale aveva perso molti collaboratori ed io e mio marito abbiamo preso ad occuparcene cercando di coinvolgere tut­ti gli intellettuali del Gargano, non solo nella scrittura di articoli riferiti es­senzialmente a produzioni letterarie ma anche stimolando ad una parteci­pazione alle cause in difesa del territorio”.

Come quella del movimento No Triv capeggiata da Raffaele Vigilantecui Rauzino ha convintamente dato il suo apporto, o l’ultima in ordine di tempo per le Torri medievali presso la foce del Varano, che l’ha vista protagonista insieme a Giuseppe Laganella.Tra i suoi impegni futuri, la pubblicazione di una nuova opera che con­terrà le memorie del rodiano Mauro Del Giudice,magistrato istruttore nel processo Matteotti, e un saggio sui giornali d’epoca pubblicati tra 700 ed 800 sul Gargano.

daniela corfiati

l’attacco


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright