The news is by your side.

ORIENTEERING/ MONDIALI SUL GARGANO, VIA AL COUNTDOWN. VIESTE, FORESTA UMBRA, PESCHICI, VICO, MONTE S. ANGELO LE SEDI INDIVIDUATE. DA VENERDI’8 LUGLIO A SABATO 16

337

Il conto alla rovescia per i World Masters Orienteering Championships del Gargano è scattato: tra meno di cinquanta giorni la Montagna Incantata sarà il magnifico scenario naturale del­la rassegna iridata di questa disicplina emergente, capace di coniugare lo sport all’aria aperta con la tutela dell’ambiente e dunque capace di pro­muovere in maniera efficace ed origi­nale le bellezze del territorio. Nove gior­ni di gare, da venerdì 8 luglio a sabato 16 luglio, in cui si prevede la partecipa­zione di oltre tremila atleti, ai quali si ag­giungeranno tecnici, accompagnatori e giudici di gara con relative famiglie al se­guito: per il turismo, e in generale per l’economia del Gargano, una boccata di ossigeno puro dopo gli anni difficili del­la pandemia.

Prima di tutto però è necessaria una breve introduzione, utile soprattutto per i profani e per chi non conosce bene questa disciplina: cos’è L’Orienteering? Nato nel lontano 1897 in Norvegia, è approdato in Italia solo nel 1967. Dalla sua nascita sono ormai 3 milioni i praticanti nel mondo di corsa orientamento, una gara a libero percorso, a cronometro in­dividuale, durante la quale gli atleti de­vono individuare su una carta topogra­fica, fornita al momento del via, l’itinera­rio più veloce per raggiungere una serie di punti di controllo posti all’interno di un territorio senza smarrirsi. I punti di con­trollo, indicati sulla mappa con segni convenzionali riconosciuti a livello inter­nazionale e secondo una precisa se­quenza di raggiungimento, si trovano solitamente presso pietre, incroci di sentieri, muretti e sono identificati da un segnale detto lanterna: essa rappre­senta il simbolo della corsa orienta­mento ed è formata da tre quadrati di stoffa divisi diagonalmente in due metà, una bianca e una arancione, sostenuta da un paletto su cui è posto un codice numerico e un punzone, che serve al- l’orientista per effettuare la timbratura con cui certificare il proprio passaggio. Puntando su un approccio innovativo, l’orienteering si afferma come disciplina ecocompatibile e rispettosa dell’am­biente che può essere praticata tanto nei centri storici quanto nei parchi e nel­le aree boschive, individualmente o in team, adatta a tutte le età.

La mappa è lo strumento principale del- l’orientista. Riporta con precisione e con una simbologia standard tutti i dettagli del territorio di gara: dal rilievo alla ve­getazione, strade e sentieri, rocce e fiu­mi, fino a ruderi ed aree private. Indica ovviamente la sequenza di punti da cui è necessario transitare. La bussola vie­ne utilizzata per orientare la cartina e scegliere la direzione di marcia. Si ca­ratterizza per la base trasparente e per la stabilità dell’ago magnetico, mentre la parte rossa dell’ago indica il nord ma­gnetico. Sul terreno, in corrispondenza di ciascuno dei punti indicati sulla map­pa, sono posizionate le stazioni di con­trollo che rilevano il passaggio dell’atle­ta, ovvero prismi bianco-arancioni chia­mati lanterne. La Si-Card, consegnata a inizio gara, contiene i dati personali dell’atleta e registra il tempo di partenza e di arrivo, nonché le caselle con le di­verse punzonature. Ogni lanterna salta­ta comporta infatti la squalifica. L’evento vedrà, come detto, la parteci­pazione di oltre tremila atleti provenien­ti da 40 diverse Nazioni: i Mondiali di cor­sa orientamento over 35 sono organiz­zati dalla International Orienteering Federation, dalla Federazione Italiana Sport Orientamento e dal Comitato or­ganizzatore WMOC, con il patrocinio da parte di Ministero del Turismo, Sport e Salute, Regione Puglia, Pugliapromozione e Provincia di Foggia. Grazie alla sinergia dei 14 Comuni garganici (Vieste, Peschici, Vico del Gargano e Mon­te Sant’Angelo, San Marco in Lamis, San Giovanni Rotondo, Carpino, Apricena, Rodi Garganico, Cagnano Vara­no, San Nicandro Garganico, Mattina­ta, Lesina e Ischitella) la Capitanata ha saputo proporsi per accogliere la ker­messe iridata: i comuni capofila del pro­getto, e cioè Vieste, Peschici, Monte Sant’Angelo e Vico del Gargano sono stati individuati come location delle ga­re Sprint. Grazie alla suggestiva e asim­metrica struttura architettonica dei pro­pri centri storici, gli intricati reticolati di stradine e viuzze rappresenteranno per gli orientisti mappe naturali molto impe­gnative. Per le distanze Middle e Long, invece, saranno protagoniste alcune delle località della Foresta Umbra più af­fascinanti in termini naturalistici come Riserva Falascone e Laghetto d’Umbra. Il polmone verde del Parco Nazio­nale del Gargano, riconosciuto patri­monio dell’umanità dall’Unesco non­ché custode di una storia millenaria, è posto a circa 800 metri sul livello del ma­re e presenta un’identità unica nel suo genere a livello tecnico, data dalla pre­senza di faggi su terreno carsico con do­line e depressioni: un territorio capace di racchiudere in sé tutte le tipicità, ma anche le suggestioni, di cui gli appas­sionati dello “sport dei boschi” sono alla ricerca. Chi volesse raccogliere ulterio­ri informazioni può consultare il sito uffi­ciale www.wmocitaly.eu.

Tra le partnership più importanti figura, come detto, anche il Ministero del Turi­smo che per il notevole valore sportivo e turistico dell’evento ha conferito il suo prestigioso patrocinio alla manifesta­zione, nata proprio con lo scopo di valo­rizzare attraverso la corsa orientamen­to le eccellenze paesaggistiche, archi- tettoniche ed enogastronomiche del Paese, ed in questo senso il Gargano può vantare molte frecce al suo arco. Fondamentale per i Mondiali anche il patrocinio da parte di Sport e Salute, schieratosi in questo percorso di colla­borazione al fianco della Federazione Italiana Sport Orientamento e del Co­mitato organizzatore dei WMOC. Sa­bato 9 luglio a Vieste è inoltre previsto il convegno dedicato al legame tra sport, orienteering e turismo, moderato da Stefano Ceiner, Master of Cerimony dei WMOC. Interverranno tutte le rap­presentanze istituzionali nazionali e lo­cali oltre all’Istituto di Ricerca Pediatrica Città della Speranza, Charity Partner dei Mondiali. Ma gli eventi non si esau­riranno con la cerimonia di chiusura fis­sata per il 16 luglio: nella settimana suc­cessiva alla rassegna iridata infatti, il le­game con la Puglia proseguirà attraver­so The Week After, una serie di eventi itineranti che dal 18 al 23 luglio conti­nueranno ad esplorare il Mezzogiorno spostandosi tra Bari, Monopoli, Albero­bello, Matera, Nardo, Rotondella: un tour promozionale che sconfinerà an­che in Basilicata ed in tutte queste gare sarà possibile partecipare anche in qua­lità di esordienti con il tesseramento FI­SO. Nel lungo percorso organizzativo un momento particolarmente emozio­nante è stato rappresentato dalla con­segna ufficiale della bandiera della IOF International Orienteering Federation da parte delle autorità ungheresi al Co­mitato italiano nell’agosto 2021 durante l’ultima edizione dei Mondiali Masters, svoltisi in Ungheria a Csakvar: la dele­gazione italiana era rappresentata per l’occasione dal Presidente FISO Sergio Anesi, dal Direttore Generale Asset Regione Puglia Elio Sannicandro, dal Sindaco della città di Vieste Giuseppe Nobiletti, dall’assessore allo sport del comune viestano Dario Carlino e da Gabriele Viale, direttore generale del Comitato WMOC2022. Ora è tutto pron­to per vivere nove giorni da favola nel magico scenario della Montagna Incan­tata.

IL CALENDARIO COMPLETO DEGLI EVENTI DEL WMOC

I World Masters Orienteering Championships, organizzati dalla Federazione Italiana Sport Orientamento e dal Comitato organizzatore WMOC con il supporto di Regione Puglia-Asset, vantano tra gli altri anche il patrocinio della Regione Puglia e della Provincia di Foggia, oltre alla fondamentale collaborazione dei 14 Comuni del Gargano. Il calendario della manifestazione, che si terrà fra venerdì 8 luglio e sabato 16 luglio, è il seguente:

Venerdì 8 luglio: accrediti (Vieste).

Sabato 9 luglio: Convegno su Sport e Turismo, Model Event Sprint (Vieste), officiai training a Monte Sant’Angelo e Vico del Gargano.

Domenica 10 luglio: qualificazioni Sprint (Peschici), cerimonia di apertura (Vieste).

Lunedì 11 luglio: finale Sprint e cerimonia di premiazione (Vieste).

Martedì 12 luglio: riposo, Model Event Forest (Foresta Umbra).

Mercoledì 13 luglio: qualificazioni Middle – Riserva Falascone (Foresta Umbra)

Giovedì 14 luglio: finale Middle – Laghetto d’Umbra (Foresta Umbra) e cerimonia di premiazione.

Venerdì 15 luglio: giorno di riposo.

Sabato 16 luglio: finale Long, cerimonia di premiazione e cerimonia di chiusura (Foresta Umbra).

l’attacco


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright