Articoli filtrati per data: Lunedì, 15 Giugno 2020

Appena conclusa a Villa Pamphili a Roma la seconda giornata degli Stati Generali dell’Economia a cui ha partecipato anche il presidente della Provincia di Foggia, Nicola Gatta, con la delegazione dell'Unione delle Province d'Italia, insieme ad Anci e Conferenza delle regioni, su invito del Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, per tracciare il programma della ripresa, dopo la terribile epidemia sanitaria. "Guardo con fiducia alla consapevolezza, da parte del Governo, che la ripresa deve passare necessariamente dal coinvolgimento degli Enti locali. Dobbiamo, con il contributo di tutti, cercare di trasformare un momento di crisi, come quello che stiamo attraversando, in una occasione per ripensare profondamente il modello di sviluppo del Paese.
Questa è un’occasione straordinaria per mettere in sicurezza il Paese e per garantire al contempo una spinta immediata alla ripresa economica dando ossigeno alle piccole e medie imprese. Dobbiamo utilizzare le risorse disponibili per realizzare investimenti per rendere sicure strade e ponti, per mettere al centro l’edilizia scolastica, un patrimonio che non assicura adeguatamente agli studenti il diritto allo studio. E’ impensabile progettare un rilancio che non veda protagonisti i territori, cioè gli Enti più vicini alle esigenze della gente. Si tratta di ricostruire l’economia insieme ai territori, lasciando spazio finalmente ad un programma di ampio respiro che sposi sviluppo sostenibile, ecologia e nuove tecnologie, per trasformare le strade provinciali e le scuole superiori in poli d’eccellenza. Nel mio intervento ho parlato del Contratto Istituzionale di Sviluppo, di continuare ad investire ulteriori risorse nei territori partendo da quelli più fragili e di riprendere la stagione della programmazione negoziata con un nuovo piano di industrializzazione, per dare risposte occupazionali",.

Pubblicato in Notizie

Con l’inizio della stagione estiva il numero delle segnalazioni alla sala operativa della Guardia Costiera di Manfredonia sono aumentate considerevolmente. L’impegno dei militari è stato indirizzato su più fronti, dalla polizia demaniale finalizzata alla tutela della libera fruizione degli spazi di litorale da parte di tutti i cittadini, alle attività a tutela della risorsa ittica ma anche alla sicurezza della navigazione.
In particolare in due distinte operazioni il personale della Guardia Costiera procedeva al sequestro di circa 600 il numero di ricci “paracentrotus lividus” ai danni di pescatori sportivi che, incuranti della normativa che vieta la raccolta degli echinodermi nei mesi tra maggio e giugno, continuano a violare le norme.
Le sanzioni elevate ai due pescatori sportivi raggiungono la somma di 4.000 euro.
Sempre i militari appartenenti all’aliquota del nucleo operativo di polizia ambientale (N.o.p.a) della direzione marittima di Bari, a seguito di segnalazione telefonica, effettuavano un sopralluogo in località “Funny” nel Comune di Mattinata (FG) dove veniva accertata la presenza di alcuni operai intenti alla realizzazione di un muretto a secco a perimetrazione di una proprietà privata unitamente ad una scalinata in massi calcarei.
Dall’attenta verifica dei titoli autorizzativi rilasciati è emerso come unicamente la realizzazione del muretto fosse stata autorizzata mentre la scalinata, verosimilmente costruita per ricavare un accesso privilegiato dalla proprietà privata al mare, era priva di qualsivoglia autorizzazione, il tutto all’interno di un’area di particolare interesse sottoposto a vincoli paesaggistici e ambientali.
Al termine degli accertamenti i militari della Capitaneria di porto di Manfredonia procedevano, su conforme avviso della Procura della Repubblica di Foggia, al sequestro della scala di accesso alla sottostante spiaggia ed al deferimento del proprietario per violazioni in materia demaniale marittima e paesaggistica.
Nella Baia di Mattinata i militari della MV CP 717, nel corso di un pattugliamento sul tratto di litorale di competenza ha proceduto a sanzionare due diportisti che a bordo di acquascooter navigavano in fascia oraria non consentita.
A tal proposito si rammenta che gli acquascooter, ai sensi dell’ordinanza 008/2017 consultabile e scaricabile sul sito internet della Guardia Costiera di Manfredonia, sono soggetti ad una regolamentazione più restrittiva relativamente alla distanza dalla costa e alle fasce orarie di utilizzo.
In ultimo l’attenzione rimane alta anche per quanto concerne gli accessi non autorizzati al porto di Manfredonia in attesa della modifica alla viabilità che interesserà la circolazione in ambito portuale
In particolare sono ben diciannove le sanzioni amministrative elevate per un totale di circa 2.000 euro di sanzioni irrogate nel week end appena trascorso.
Solo per le emergenze in mare è attivo 24h su 24h il numero d’emergenza 1530.

Pubblicato in Cronaca

Dopo la riconsegna delle bici elettriche e prima di rimettersi in viaggio con il loro camper, i coniugi Mazzetti ci hanno rilasciato un’ intervista. Qui di seguito il report video.

Pubblicato in Cronaca

Entusiasti e quasi increduli di poter riavere in breve tempo le bici elettriche rubate. Così si sono mostrati i coniugi Mazzetti questo pomeriggio quando presso la Tenenza dei Carabinieri di Vieste il comandante del presidio, il tenente Nicola Porrari, ha riconsegnato ai due turisti modenesi le bici elettriche che erano state loro sottratte una settimana fa nel centro storico della cittadina garganica. Per testimoniare la vicinanza della comunità cittadina ai due turisti, erano presenti per la riconsegna il sindaco Giuseppe Nobiletti e l’assessore al Turismo Rossella Falcone. Gli amministratori comunali hanno elogiato la rapidità d’azione messa in campo dai carabinieri che sono riusciti a ritrovare le due bici in pochi giorni. Altrettanto hanno fatto i coniugi Mazzetti ringraziando il tenente Porrari per l'impegno profuso.    

Il furto aveva creato notevole sconcerto in città sia per il fatto in sé ma anche per l’immagine che ne era derivata per una destinazione turistica di primo piano nel panorama nazionale, proprio all’inizio di una stagione lavorativa alquanto particolare dopo l’emergenza sanitaria degli scorsi mesi.

A dimostrazione della loro riconoscenza alla città di Vieste, i coniugi Mazzetti hanno dichiarato di voler fare una donazione a scopo benefico al Comune.

 

 

Pubblicato in Cronaca
Lunedì, 15 Giugno 2020 15:26

BOLLETTINO EPIDEMIOLOGICO 15 GIUGNO 2020

Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, sulla base delle informazioni del direttore del dipartimento Promozione della Salute Vito Montanaro, informa che oggi lunedì 15 giugno 2020 in Puglia, sono stati registrati 1.378 test per l'infezione da Covid-19 coronavirus ed è risultato positivo 1 (uno) caso, in provincia di Lecce.

Sono stati registrati 2 decessi: 1 in provincia di Bari e 1 in provincia di Foggia.

Dall'inizio dell'emergenza sono stati effettuati 148.627 test.

3.572 sono i pazienti guariti.

410 sono i casi attualmente positivi.

Il totale dei casi positivi Covid in Puglia è di 4.516, così suddivisi:

1.488 nella Provincia di Bari

380 nella Provincia di Bat

656 nella Provincia di Brindisi

1.164 nella Provincia di Foggia;

520 nella Provincia di Lecce;

280 nella Provincia di Taranto;

28 attribuiti a residenti fuori regione.

I Dipartimenti di prevenzione delle Asl hanno attivato tutte le procedure per l'acquisizione delle notizie anamnestiche ed epidemiologiche, finalizzate a rintracciare i contatti stretti.

Il bollettino epidemiologico Regione Puglia 15-6-2020 è disponibile al link: http://rpu.gl/Mgsx2

Pubblicato in Coronavirus

A causa dell’emergenza Covid-19 e delle incognite che ancora riguardano le concrete modalità attraverso cui dovranno essere garantite con l’inizio del prossimo anno scolastico le condizioni di sicurezza anti-contagio all’interno delle scuole, la Giunta comunale di Vico del Gargano ha deciso di sospendere il servizio di refezione scolastica per l’anno 2020-2021.La sospensione del servizio mensa riguarda gli alunni della Scuola dell’Infanzia e di quella Primaria dell’Istituto comprensivo “Manicone-Fiorentino”.

“Si tratta di una decisione conseguenziale rispetto a quanto prefigurato per il prossimo anno scolastico, in merito alla necessitàdi continuare a contrastare il rischio di contagio da Covid-19”, ha spiegato l’assessore alla Pubblica Istruzione del Comune di Vico del Gargano Rita Selvaggio.

“La nostra Giunta comunale, inoltre, ha deliberato anche il rimborso alle famiglie delle quote versate per il servizio mensa, relativamente al solo periodo del lockdown”, ha aggiunto Rita Selvaggio. Su modalità e tempi del rimborso, il Comune di Vico del Gargano presto informerà tutte le famiglie interessate.La priorità assoluta, ovviamente, resta quella di garantire la salute pubblica, di qui la decisione praticamente obbligata di sospendere il servizio mensa per ripensarlo e riorganizzarlo nei tempi, nei modi e con le prescrizioni che il Ministero della Pubblica Istruzione avrà modo di esplicitare nei prossimi mesi anche in relazione all’evolversi della situazione inerente all’emergenza pandemia.

“L’emergenza sanitaria ha stravolto abitudini e percorso dell’anno scolastico che ci lasciamo alle spalle. Le famiglie, i dirigenti e il personale scolastico, i docenti e gli alunni hanno dovuto superare la difficilissima prova di riuscire a dare una continuità al cammino didattico-educativo superando ostacoli di non poco conto, con grande sacrificio, spirito di adattamento e grande impegno. A tutti loro, va il nostro plauso”, ha dichiarato Rita Selvaggio. “Stiamo lavorando affinché il prossimo anno scolastico”, ha aggiunto il sindaco Michele Sementino, “possa cominciare a settembre garantendo a tutti le migliori condizioni di sicurezza, fruibilità delle strutture e possibilità di poter vivere la scuola in modo sereno, felice e proficuo”, ha concluso il sindaco di Vico del Gargano.

Pubblicato in Società

Nel 2020 del coronavirus, ben oltre la metà degli italiani (61%) non rinuncerà alle vacanze e la stragrande maggioranza (93%) sceglierà l'Italia piuttosto che l'estero. È quanto emerge da un sondaggio condotto da IZI in collaborazione con Comin & Partners sul turismo degli italiani nell'estate post Covid-19.
    Il turismo del 2020 mostra elementi critici ma anche note positive. Da un lato si registrerà una contrazione in termini assoluti del numero dei vacanzieri italiani rispetto allo scorso anno (-16%). Dall'altro ci sarà una tenuta di quanti raggiungeranno destinazioni turistiche in Italia (+1%) rispetto al 2019. Le mete estere, invece, subiranno un crollo significativo (-17%).
    Le motivazioni principali che inducono gli italiani a trattenersi dentro i confini nazionali sono ovviamente riconducibili ai timori di tipo sanitario (34%). Ma a pesare, purtroppo, per ben il 41%, è soprattutto la motivazione economica.
    Quest'anno sarà inoltre minore la spesa che gli italiani potranno affrontare per i loro viaggi: nel 2019 avevano speso per le vacanze estive più di 72 miliardi di euro, di cui 27 miliardi all'estero e più di 45 in Italia. Nel 2020, la previsione di spesa all'estero crolla dell'85% attestandosi intorno ai 4 miliardi di euro, mentre la spesa dei turisti italiani nel territorio nazionale, scende del 7% passando da 45 miliardi di euro a 42.
    Come nel 2019, anche quest'anno la stragrande maggioranza degli italiani andrà in vacanza con famiglia al seguito (70%), privilegiando l'ospitalità di parenti e amici (+4% rispetto allo scorso anno), l'uso delle seconde case di proprietà (+2% rispetto al 2019), e i bed & breakfast (+2%). A registrare una notevole contrazione (-8% rispetto al 2019) saranno gli alberghi, senza dubbio le strutture ricettive più colpite dalla crisi.
    Il coronavirus non incide, invece, sulle preferenze degli italiani per quel che riguarda le mete più desiderate. Al primo posto della classifica troviamo sempre il mare con il 54% delle preferenze. Non sono pochi nemmeno gli affezionati alle escursioni in alta quota: la montagna viene scelta dal 16%, con un balzo in avanti del 5% rispetto al 2019.
    La stragrande maggioranza dei vacanzieri si sposterà in macchina o in moto (78%), mentre solo l'11% degli intervistati ha dichiarato che prenderà un aereo per andare in vacanza, la metà di chi ha utilizzato l'aereo lo scorso anno.
    Il sondaggio è stato effettuato sui residenti in Italia e il campione ha incluso 1009 persone, intervistate in modalità Cati-Cawi e stratificate proporzionalmente per sesso, classi d'età e macro-area geografica. Le Interviste sono state realizzate tra il 4 e il 7 giugno. (fonte ANSA)

Pubblicato in Turismo

Qui di seguito, si riportano le tariffe dei parcheggi a pagamento per l'anno 2020 con sosta a tempo nell’ambito del Comune di Vieste, approvate con Delibere di Consiglio Comunale n. 66 del 20/12/2019 e successive Delibere di Giunta Municipale n. 111 del 21.05.2020 e n. 117 del 29.05.2020:

TARIFFE:
In generale le tariffe sulle Aree di sosta a pagamento dalle ore 08:00 alle ore 24:00 sono le seguenti:
Tariffa oraria € 1,00 per la prima ora e successive;
Tariffa giornaliera € 7,00.
 
Fanno eccezioni:
Solo sul L.mare Europa e L.mare Enrico Mattei il sabato e la domenica :
Tariffa oraria € 2,00 per la prima ora e successive;
Tariffa giornaliera € 10,00;
 
All’interno del Parcheggio  denominato “Parcheggio Piazzale Lungomare Europa”:
Tariffa oraria € 1,00 per la prima ora e successive;
Tariffa giornaliera € 5,00;
 
Tariffa giornaliera Caravan € 15,00
Tariffa giornaliera Autobus Gran-Turismo € 35,00
 
Abbonamenti strutture ricettive richiedenti:
per n. 1 mese € 60,00;
per n. 2 mesi  € 100,00;
per n. 3 mesi  € 130,00;
 
Solo per le seguenti strade: P.le Manzoni -V.le XXIV Maggio- Via Veneto – Via Santa Maria di Merino C.so L. Fazzini - – V.le Marinai d’Italia e L.re Colombo in cui è prevista l’isola pedonale alle seguenti tariffe:
 
Tariffa oraria € 2,00 per la prima ora e successive;
Tariffa giornaliera € 10,00.

Abbonamenti per Residenti :
per n. 1 mese € 10,00;
per n. 2 mesi  € 20,00;
per n. 3 mesi  € 25,00;
 
Abbonamenti per Residenti Zone R1-R2:
per la prima auto GRATUITA
dalla seconda auto per l’intero periodo € 10,00
 
Abbonamenti Non Residenti ma proprietari di appartamento in Vieste:
per n. 15 gg   € 20,00
per n. 1 mese € 35,00;
per n. 2 mesi  € 70,00;
per n. 3 mesi  € 100,00;
 
Abbonamenti titolari Piccola Pesca (parcheggio solo in ambito portuale):
per n. 3 mesi  € 10,00

Abbonamenti non residenti da farsi direttamente con app. myCicero (scaricabile per Android da GooglePlayStore e da Apple da AppleStore):
Settimanale        € 40,00;
Bisettimanale      € 70,00;
Mensile               € 100,00.

Abbonamenti per i soli residenti della  “ZONA R1” e "ZONA R2" così come istituita con delibera di G.M. n. 117 del 29.05.2020:

Su tutti i parcheggi comunali è prevista l'esenzione per disabili residenti nel Comune di Vieste.

Dal 01.06.2020 sarà possibile inoltrare la richiesta di abbonamento per le aree di sosta a pagamento istituite nel Comune di Vieste per l'anno 2020 al seguente indirizzo mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. utilizzando l’apposito modello scaricabile qui di seguito modello_parcheggi_2020.
N:B.:NEL CASO DI IMPOSSIBILITA' DI INOLTRO TELEMATICO E' POSSIBILE CONSEGNARE LE PRATICHE DEBITAMENTE COMPILATE, FIRMATE E CON ALLEGATA LA RELATIVA RICEVUTA DI PAGAMENTO PRESSO LA GUARDIOLA. IL RITIRO AVVERRA' NELLA STESSA MODALITA'.
 

  
Vieste il 01.06.2.020
  
                                         La Dirigente del Settore Economico Finanziario
                                                                 Dott.ssa Sofia Ruggieri

e2dc3f4c-3453-41bd-abca-b996702f9a2a.jpg

Pubblicato in Avvisi

(…) Terza Ondata è allora un gruppo di scrit­tori, variegato per le proposte e l'attitudi­ne dei singoli autori, che dagli anni Set­tanta opera ininterrottamente nel solco dell'avanguardismo, ma con caratteri pe­culiari e nuovi, affermando la necessità di una scrittura difforme, di pratiche dis­sonanti, divergenti che nelle modalità dei linguaggi adoperati non piegano la forma poetica alla lingua stratificata che già Eu­genio Miccini aveva individuato, descri­vendola come una interlingua massifica­ta, ma promuovono il rinnovamento e la messa in discussione.

Operano, si è detto, dagli anni Settanta. Questa Terza Ondata è poi esplosa fra gli anni Ottanta e No­vanta, ma non ha ancora cessato di pro­durre risultati e. nel tempo, nuovi autori possono essere assimilati al suo percorso. Quello che si va verificando è soprattutto, similmente a quanto accaduto negli anni Sessanta, la risposta, in campo letterario, a istanze di tipo socio-politico che hanno ricadute economiche sul mondo, prima ancora che la sola riduzione dell’opera al fatto estetico, o meglio, il fatto estetico è filiazione di un pensiero erratico e dif­forme che elabora la realtà, mettendola in discussione, anziché piegarne le forme, letterarie e non, in una tacita e comoda e passiva accettazione.

 Francesco Aprile

Un'altra (possibile) avanguardia: Lubrano, Allegrezza, Fontana, Aprile, delli Santi, Cudazzo , Muzzioli, Poletti ,Caruso , Martini... per una nuova avanguardia.

 

-Carmine Lubrano : carta canta oltre i labirinti in eximia verba ... pag. 11

-Paolo Allegrezza : Di nuovo l'avanguardia ? ... pag. 17

-Giovanni Fontana : La poesia epigenetica... pag. 22

-Francesco Aprile : “ Terza Ondata” ... ieri e oggi : contesti e pratiche pag. 31

-Gaetano delli Santi : SCRITTURA-CORPO

- Aimalucia Cudazzo : IL BAROCCO COME CATEGORIA ASTORICA : inquietudini c desiderio di ribellione dell'uomo moderno.

Un breve excursus concettuale tra seicento e novecento \ pag. 54

-I LUOGHI DELL'AVANGUARDIA oggi          

 -Francesco Muzzioli : La politicità della Letteratura pag.63

- CRITICA INTEGRALE - MALACODA - DIA FORI A - EUREKA edizioni

-Mario Lunetta : Prologo alle tenebre 2 ( da Malacoda )

-Daniele Poletti : Verso la " nuova complessità “ o del container intermodale pag.67

-ARCHIVES : Luciano Caruso - Stelio Maria Martini pag.76

Pubblicato in Il libro della settimana

La notizia è stata resa nota dal Ministero della Salute: in campo ci sono più vaccini, ma l’Europa ha scelto quello che sembra più efficace contro il virus SARS-CoV-2. “Dobbiamo essere cauti, siamo nella fase sperimentale, ma il vaccino che sembra funzionare meglio è quello del progetto Oxford (che ha coinvolto anche un’azienda di produzione italiana ndr)”-ha spiegato il premier Conte.

“Insieme ai Ministri della Salute di Germania, Francia e Olanda, dopo aver lanciato nei giorni scorsi l’alleanza per il vaccino, ho sottoscritto un contratto con Astrazeneca per l’approvvigionamento fino a 400 milioni di dosi di vaccino da destinare a tutta la popolazione europea” – ha annunciato il Ministro della Salute, Roberto Speranza, il 13 giugno nel corso degli Stati Generali a Villa Pamphili . “Il candidato vaccino – prosegue il Ministro – nasce dagli studi dell’Università di Oxford e coinvolgerà nella fase di sviluppo e produzione anche importanti realtà italiane”.

Entro la fine dell’estate, come ha sottolineato il Ceo di AstraZeneca, Pascal Soriot, si saprà con certezza se il vaccino funziona contro il Coronavirus senza effetti collaterali pericolosi. La prima fase di sperimentazione ha già dato buoni effetti. Il vaccino lo pagherà lo Stato e verrà distribuito gratis a cominciare dalle persone più a rischio. La sperimentazione di questo vaccino è già partita ad aprile.

“L’impegno prevede che il percorso di sperimentazione, già in stato avanzato, si concluda in autunno con la distribuzione della prima trance di dosi entro la fine dell’anno. Con la firma di ieri arriva un primo promettente passo avanti per l’Italia e per l’Europa. Il vaccino è l’unica soluzione definitiva al Covid 19. Per me andrà sempre considerato un bene pubblico globale, diritto di tutti, non privilegio di pochi”, conclude Speranza.

Il vaccino verrà distribuito gratis a cominciare dalle classi più a rischio. Con la cura del plasma sempre più efficace e il vaccino che potrebbe essere già distribuito in autunno, il COVID-19 non fa più paura. Intanto, i “No-Vax” sono già sul piede di guerra: la pagina del ministro è stata presa di mira dagli haters.

Pubblicato in Coronavirus
Pagina 1 di 2

ReteGargano consiglia...

Libro & disco della settimana

06 Luglio 2020 - 11:27:42

IL DISCO DELLA SETTIMANA/ NORAH JONES Pick me up...

Dopo un esordio di enorme successo spes­so ci si perde per sempre. Ma qualche volta, come nel caso di Norah Jones diventata cele­bre nel 2002 con lo «smooth jazz» di Come away…

Statistiche di accesso

Ora online:

18
Visitatori

Domenica, 12 Luglio 2020 03:02

retegargano.it supplemento on line de Il Faro settimanale.- Reg. Tribunale Foggia n.6 dell'11 giugno 1996
p.zza Kennedy, 1 - Vieste (FG) - info@retegargano.it
Direttore responsabile: ninì delli Santi
ASSOCIAZIONE "IL FARO DEL GARGANO" - Vieste (FG) - P. IVA 04229820719

- Rete Gargano - Notizie dal Promontorio -