Comune di Vieste

Provincia di Foggia

 
CONCORSO PUBBLICO, PER ESAMI, PER LA COPERTURA DI N. 1 POSTO DI ISTRUTTORE TECNICO GEOMETRA - CAT. C1 – A TEMPO  INDETERMINATO E PARZIALE AL 83,33% (OSSIA 30 ORE SETTIMANALI). CON RISERVA DEL POSTO AI MILITARI VOLONTARI DELLE FF.AA., AI SENSI DELL’ART. 1014, COMMA 1 E 3 E DELL’ART. 678, COMMA 9 DEL D. LGS. N. 66/2010.-
  

IL PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE DI CONCORSO 

RENDE NOTO

 
LE SEGUENTI DATE E ORARI FISSATI PER SVOLGIMENTO DELLE PROVE CONCORSUALI:
 

LUNEDI’ 10 FEBBRAIO 2020

Ore 09,30

Sala consiliare del Comune di Vieste

PRIMA PROVA SCRITTA
 


 

MARTEDI’ 11 FEBBRAIO 2020

Ore 09,30

Aula informatica allestita in un locale della Scuola Media Don Antonio Spalatro del Comune di Vieste

SECONDA PROVA SCRITTA

 
 
Vieste, 21 gennaio 2020
 
  
Il Presidente della Commissione Esaminatrice
F.to Ing. Vincenzo Ragno
 

 

L’avviso è pubblicato nella sezione BANDO DI CONCORSO sul sito del Comune di Vieste

-------------------------------------------------------------------------------

Pubblicato in Avvisi

Dopo due sconfitte consecutive, la Sunshine torna in campo per riprendere il cammino verso un posto nei play off e il calendario offre l’affascinante e sempre combattuto derby del Gargano che andrà in scena alle 19 al Palascaloria di Manfredonia.

Gli avversari, pur essendo penultimi in classifica a soli 8 punti, non sono da prendere sottogamba, per il valore del roster e per le motivazioni aggiuntive che una partita come queste riesce a dare ai protagonisti.

Le parole di coach Ciociola alla vigilia della partita, come sempre molto cauto, fanno capire anche il momento che sta vivendo la sua squadra: ”siamo in una fase, dopo le 2 sconfitte contro Molfetta e Lecce, non molto positiva, il morale è basso,abbiamo avuto problemi fisici e di influenza di qualche giocatore durante la settimana che non ci hanno consentito di allenarci se non con numeri deficitari, anche perché stento ad avere i ragazzi di Vieste agli allenamenti.

Per la gara di Manfredonia andremo al Palascaloria volenterosi di fare una buona gara consapevoli che la squadra avversaria per il roster di cui dispone non dovrebbe occupare la penultima posizione in classifica e quindi ci aspetta una gara difficilissima perché Manfredonia cercherà a tutti i costi di fare sua la partita e perchè abbiamo grossi problemi di rotazioni. Noi dovremo essere bravi a fare il nostro gioco, lavorare sui grossi attaccanti avversari ed essere lucidi a trovare delle buone e non affrettate soluzioni in attacco”.

Pubblicato in Sport

L’ufficio legislativo del ministero per i Beni culturali ritiene «viziata dal profilo di incostituzionalità» la norma-Amati sul turismo rurale, quella ap­provata a fine novembre nell'am­bito della manovra di bilancio e al centro delle polemiche delle scorse settimane per via della possibilità di derogare al parere della Regione e delle Soprinten­denze in caso di progetti di re­cupero di vecchie costruzioni co­stiere da destinare a usi ricet­tivi.

In una nota inviata alla Pre­sidenza del Consiglio, nell’ambi­to dell’esame delle leggi, il mi­nistero ricorda che è già stata impugnata la legge regionale 43 che ha «ampliato considerevol­mente la platea degli interventi finora assentibili sui manufatti storici pugliesi tutelati», in con­trasto con la legge nazionale per­ché «non è assicurata la partecipazione di questo ministero nel procedimento di adeguamento della variante» del piano urbanistico al piano paesaggistico re­gionale.

L’idea alla base della norma Amati, su cui l’assessorato all’Urbanistica sta predisponen­do un disegno di legge di abro­gazione, è proprio recepire nelle Norme tecniche attuative dei piani regolatori, «senza approva­zione regionale», le previsioni della legge sul turismo rurale e due commi dell’articolo delle Norme tecniche attuative del piano paesaggistico che riguardano i territori costieri: il risultato è una sorta di liberalizzazioni de­gli interventi su immobili stori­ci, ad esempio masserie e trulli, da destinare a fini turistici.

Ma anche la previsione della legge regionale, quella di consentire ai Comuni di escludere la cogenza dei due commi delle Norme tec­niche attuative, viene considera­ta incostituzionale perché - ricor­da il ministero - le Nta preval­gono sugli strumenti urbanistici comunali. Il ministero ha poi chiesto alla Puglia di modificare un altro articolo introdotto nell’assestamento di bilancio, che riguarda il procedimento di riclassificazione dei tratturi.

L’abrogazione delle norme sul turismo rurale potrebbe avveni­re con il disegno di legge om­nibus, che conterrà anche la pro­posta (presentata dall’ex asses­sore all’Ambiente, Mimmo Santorsola) per modificare il Piano casa, escludendo la possibilità di ampliare (e trasformare in resi­denziali) anche i capannoni in­dustriali. Ma resta da capire se la maggioranza avrà i numeri per sostenere l’approvazione del provvedimento.

Pubblicato in Turismo
Venerdì, 24 Gennaio 2020 09:47

24 Gennaio/ LUOGHI COMUNI

Ogni pensatore che vorrà diventare oratore, ogni uomo di spirito e di cuore che vorrà diventare ed essere eloquente, muovere le masse, dominare le as­semblee, agitare gli imperi con la sua parola, non avrà da fare nient'altro che passare dalla regione delle idee al territorio dei luoghi comuni.

VICTOR HUGO

«Niente di più bello del luogo comune»: così annotava nei suoi Diari intimi il poeta francese Charles Baudelaire (1821-67), registran­do un fenomeno costante nella storia dell'umanità. È ciò che ribadi­va in modo più articolato un altro autore francese, il famoso Victor Hugo (1802-85), che nei Taccuini - dai quali abbiamo desunto la no­stra citazione - segnalava l'uso perverso che l'uomo spregiudicato può fare di idee o giudizi infondati o per lo meno parziali, contrab­bandandoli per verità proprio perché apparentemente logici e accet­tabili.

È questo appunto il luogo comune che impera nel linguaggio pubblicitario e politico ma che intacca anche altri settori dell'esisten­za personale e sociale, compreso quello religioso.

E, infatti, più faticoso ragionare, cercare, vagliare, documentare: la «regione delle idee», come la chiama Hugo, è un territorio in cui si deve procedere con cautela. Ben più agevole e pianeggiante è il «ter­ritorio dei luoghi comuni», ove basta la battuta che strappa l'ap­plauso oppure dove è sufficiente dire ciò che il pubblico s’attende o introdurre quel «buon senso» che in realtà è solo comodità, banalità e inerzia.

L'onda lunga dei luoghi comuni - dalla quale è facile la­sciarsi trasportare o che è agevole cavalcare - lambisce ormai quoti­dianamente la nostra vita. Vale, allora, il monito di un altro francese, il grande Pascal (1623-62), che invitava non a «ben pensare» (il «ben­pensante» segue la dominante sociale) ma a «pensare bene», seria­mente e fondatamente.

Gianfranco Ravasi

Pubblicato in Società

Ottima la prima per l’Atletico che impatta con sicurezza la prima finale di Coppa Italia. L’undici di Bonetti, per nulla intimiditi hanno disputato una buona gara, con personalità e sicurezza. Il 6 febbraio ritorno a Vieste.

 

La finale di andata termina a reti bianche, con le due squadre che si sono scontrate a viso aperto in una bella giornata di tifo e di fair play.

Mister Bonetti scende in campo un un 4-5-1, mentre Mister Pizzulli schiera un 4-3-3. Finale ancora tutta da decidere il 06/02 al "Riccardo Spina".

PRIMO TEMPO:

1' prova subito il n 10 Coratino a rendersi pericoloso con un tiro dalla lunga distanza, palla alta sopra la traversa.

17' Ancora Corato con Vicedomini che prova la botta da fuori da calcio piazzato, Romano smanaccia e manda in corner.

21' Caputo se ne va sulla fascia, palla che arriva a Vicedomini dove lascia partire un bel tiro, Romano para in due tempi salvando i suoi.

23' Azione bellissima del Vieste, Raiola semina il panico in area di rigore, per sua sfortuna calcia debolmente tra le braccia di Addario.

31' Angolo per il Vieste: Colella mette in mezzo, colpo di testa di De Vita, Vicedomini allontana e salva il risultato.

SECONDO TEMPO:

3' Lezzi sulla fascia compie un bel cross per la testa di Leonetti, bella la parata di Romano che nega nuovamente il vantaggio Coratino.

11' punizione di Vicedomini, Leonetti svetta di testa ma la sfera finisce dolcemente tra le braccia di Romano.

Poco dopo Occasione per il Vieste: Ricucci si fa tutta la fascia e lascia partire un bel cross , Raiola anticipa tutti ma manda la palla a lato di pochissimo.

23' botta improvvisa da fuori di Di Rito, Romano compie una bella parata e manda in angolo.

37' Tenta il tiro da fuori Caputo, palla che Romano controlla facilmente.

Ancora un occasione pericola per il Corato: Vicedomini mette in mezzo per Ngom, provvidenziale l'intervento di Romano che spazza via con i piedi.

48' punizione calciata da Vicedomini, palla che viene allontanata dalla difesa Garganica.

Dopo la punizione di Vicedomini l'arbitro sancisce la finale di andata.

Tabellino

Coppa Italia di Eccellenza Pugliese - Finale d’andata  Data e ora 23.01.2020 ore 14:30; Campo sportivo “F.Coppi”.

 

CORATO 0-0 ATLETICO VIESTE

CORATO: Addario, Lezzi, Santoro, Vicedomini, Vergori, Di Bari, Caputo (38’ s.t. D’Ambrosio), D’Arcante (16’ s.t. Ngom), Di Rito, Leonetti, Agodirin (12’ s.t. Touray).

A disposizione: Gallitelli, Zangla, Camasta, Quacquarelli, Olibardi, Petitti.

Allenatore: Massimo Pizzulli

ATLETICO VIESTE: Romano, Sicuro, Pipoli, Tantimonaco (38 s.t. Gramazio), Sollitto, Caruso, De Vita (32’ s.t. Prieto), Albano, Raiola, Colella, Ricucci.

A disposizione: Equestre, Prencipe, Innangi, Popa, D’Accia, Vulcano, Guerra.

Allenatore: Francesco Bonetti

Ammoniti: Vergori (C).

Espulsi: /.

Recupero: 1’ p.t, 5’ s.t.

Nickolas Lapomarda

Pubblicato in Sport

Multe, da oggi i ri­corsi si potranno fare on line e senza avvocato con Vinco.net, il sistema automatizzato lanciato in Italia per i ri­corsi fai da te contro le multe ingiuste. Le sanzioni per divieto di sosta, sema­foro rosso, autovelox, corsia preferen­ziale, Ztl, sorpasso vietato e mancata comunicazione dei dati del conducente, che rappresentano circa il 90% delle ca­sistiche di multe stradali non avranno più bisogno dell’avvocato per essere contestate. Tramite il sistema si potran­no inviare soltanto ricorsi al prefetto ma potrà anche essere adito il giudice di pace. La piattaforma è accessibile sia da computer sia da smartphone e prevede anche la modalità di assistenza da un team di professionisti per i ricorsi con­tro ingiunzioni e cartelle.

 Il tour operator TUI ha annunciato la cessazione delle attività in Italia dal 15 marzo prossimo. I voli e pacchetti va­canza già acquistati, con data di ritorno entro il 15 marzo potranno essere fruiti senza alcuna restrizione mentre quelli con data successiva non potranno essere utilizzati e i clienti riceveranno il rim­borso degli importi versati.

 Dal risarcimento spettante alla vit­tima di un sinistro va interamente sot­tratto l'importo delle provvidenze pub­bliche. Lo ha stabilito la Cassazione chiarendo che: «nella liquidazione del danno patrimoniale, consistente nelle spese che la vittima di lesioni personali deve sostenere per l'assistenza domici­liare, il giudice deve detrarre dal credito risarcitorio sia i benefici spettanti alla vittima a titolo di indennità di accom­pagnamento sia i benefici ad essa spet­tanti in virtù della legislazione regio­nale in tema di assistenza domiciliare».

Si avvicina il passaggio al nuovo di­gitale terrestre che in Puglia è previsto per il 2022. Per verificare la compati­bilità dei televisori con il sistema DVB-T2 basterà andare sui canali test 100 e 200. La tv sarà conforme al sistema se, digitando queste cifre sul telecoman­do appare la dicitura "Test HEVC Main10". La mancata visualizzazione della scritta non è necessariamente si­nonimo d’incompatibilità: il canale po­trebbe non essere agganciabile solo a causa della necessità di compiere una risintonizzazione o ancora il numero po­trebbe essere occupato da un’altra emit­tente, che deve, quindi, essere spostata su un altro canale.

Il bonus acqua, una misura che ha la fi­nalità di ridurre la spesa per il servizio idrico di tutte quelle famiglie che si tro­vano in una condizione di disagio eco­nomico dal 2020 comprende anche i ser­vizi di fognatura e depurazione. A par­tire dal 2021 poi i bonus sociali per la fornitura dell'energia elettrica e del gas naturale e le agevolazioni relative al ser­vizio idrico integrato saranno ricono­sciuti automaticamente a tutti i soggetti il cui indicatore della situazione eco­nomica equivalente in corso di validità sia compreso entro i limiti stabiliti dalla legislazione vigente. Al bonus acqua hanno diritto gli utenti diretti (titolari di una fornitura ad uso domestico resi­dente) e indiretti (che invece utilizza nella residenza un servizio di acque­dotto condominiale), in condizioni di di­sagio economiche, che fanno parte di nuclei familiari con i seguenti indica­tori di reddito ISEE non superiore a 8.265 euro; ISEE non superiore a 20.000 euro con un minimo di 4 figli a carico; titolari del Reddito di cittadinanza e di pensione di cittadinanza con ISEE non superiore a 8.265 euro. Chi ha diritto di beneficiare del bonus acqua deve fare domanda presso il Comune di residenza o il Caf.

 A partire dalla dichiarazione dei red­diti del 2021 i pagamenti di alcune pre­stazioni fatte con strumenti tracciabili come bancomat, carta di credito o carte prepagate, assegni bancari e assegni cir­colari, bonifico bancario o postale, po­tranno essere detratte. Visite speciali­stiche sanitarie private, le rate del mu­tuo per detrarre gli interessi, spese di intermediazione per l’acquisto della pri­ma casa, spese veterinarie, funebri sa­ranno tutte detraibili.

Novità nel campo dell’istruzione. I servizi di mensa, le gite scolastiche, i servizi di pre e post-scuola, le assicurazioni scolastiche, ad eccezio­ne dei libri di testo e del corredo sco­lastico, l’affitto per studenti fuori sede, ecc.), le erogazioni liberali a favore degli istituti scolastici (c.d. contributo scola­stico), l’abbonamento al trasporto pub­blico locale (tessera metrebus e quant’altro) saranno detraibili insieme alle spe­se per l’attività sportiva dei ragazzi tra i 5 e i 18 anni. Sono esenti dal pagamento con strumenti tracciabili e quindi pos­sono essere pagati in contanti: i me­dicinali, i dispositivi medici, le presta­zioni sanitarie erogate da strutture pub­bliche o strutture in convenzione con Sistema sanitario nazionale.

Maxi multa di un milione di euro a Lidl da parte dell’Antitrust. La celebre catena tedesca di supermercati è stata multata per aver prodotto e commercializzato pasta sulle cui confezioni non era espli­citata l’origine del grano duro utilizzato nella produzione delle proprie linee di pasta di semola a marchio Italiano e Combino. Lidl avrebbe utilizzato negli ultimi 30 mesi semola ottenuta da miscele di grani duri provenienti sia dai paesi Ue che non Ue. Le confezioni della pasta rappresentavano, secondo l’Auto­rità, in maniera ingannevole le carat­teristiche del prodotto, enfatizzandone l’italianità in assenza di adeguate e con­testuali indicazioni sull’origine anche estera del grano impiegato. Al contrario, Auchan, Cocco, De Cecco e Divella, da­vanti alla medesima accusa dell’Agcm circa le indicazioni sulla provenienza del grano duro, si sono impegnate a garantire al consumatore un’informazio­ne completa, fin dal primo contatto, sull’origine del grano utilizzato nella produzione della pasta. Per non avere rispettato pienamente quanto prescritto dal Regolamento europeo sulla prote­zione dei dati, Eni Gas e Luce hanno ricevuto dal Garante per la privacy una doppia sanzione: la prima, di 8,5 milioni di euro, riguarda le condotte illecite nell’attività di telemarketing; la secon­da, di 3 milioni di euro, è invece relativa alle violazioni nella conclusione di con­tratti non richiesti.

Pubblicato in Società
Giovedì, 23 Gennaio 2020 10:43

23 Gennaio/ COME SEI TU

Ogni uomo altro non è che figlio della tua stessa specie. Ogni uomo ha un'anima, un'anima come la tua, tutti sono sensibili. Sensibili come sei tu.

AL HATTABI

Il libro è intitolato Sogni senza sbarre (2005). L'autrice, una mia cara amica, Leila Ravasi Bellocchio, psicoanalista junghiana, è andata nel carcere femminile milanese di San Vittore ad ascoltare alcune storie di donne là segregate, varcando le «otto porte di ferro».

Sono raccon­ti dolorosi e nostalgici ma anche a loro modo sereni e liberi: impor­tante è ascoltarli per superare la reazione istintiva di chi vuole subito giudicare, prima di capire. Le narrazioni ricostruite da Leila sono tut­te intarsiate di evocazioni poetiche di grande intensità e trasparenza.

Ne ho scelta una, antica e remota: quelli sopra citati sono versi di un poeta mistico musulmano del X secolo, al Hattabi. Il suo è un in­vito ad andare al di là della pelle, delle figure, delle impressioni, per scoprire nell'intimo di ogni creatura umana quella sostanza che tutti ci accomuna.

La Genesi parlava di «immagine di Dio» impressa in ogni uomo e donna; Gesù si identificava col carcerato, il malato, il povero («tutto quello che avrete fatto a uno di questi fratelli più pic­coli, l'avrete fatto a me»).

Anche se sepolto sotto strati di male, an­che se protetto da forme di autodifesa scostanti e fin brutali, batte sempre in ogni persona un cuore, respira sempre un'anima. Una poetessa americana, Sylvia Plath, morta suicida nel 1963 appena trentenne, confessava: «Sono abitata da un grido. / Di notte esso esce svolazzando / in cerca, coi suoi uncini, di qualcosa da amare». Proprio perché tutti sono «sensibili come sei tu».

Gianfranco Ravasi

Pubblicato in Società

Infrasettimanale con diversi impegni interessanti nei campionati minori, a partire dalla finale d’andata di Coppa Italia di Eccellenza, fase regionale, che si giocherà al “Fausto Coppi” di Ruvo di Puglia tra il Corato e l’Atletico Vieste.

Appuntamento storico per i viestani che potrebbe decisamente indirizzare la stagione al meglio e aprire al meglio i festeggiamenti per il cinquntesimo della loro fondazione. Stagione partita con il freno a mano. Serve una desisa scossa. 

Intanto da registrare il terzo acquisto dell’Atletico di questo mercato invernale. E’ il ritorno del centrocampista Damian Soria. Damian Soria, classe 1988, argentino con passaporto portoghese.

E’ un centrocampista centrale dotato di grande fisicità e un gran tiro. Soria è alla seconda esperienza in biancoazzurro, dopo aver vestito la casacca biancoceleste nella stagione 2017-18, siglando anche due gol.

Tornando alla finale di coppa da registrare che dirigerà l’incontro il signor Gabriele Sciolti della sezione di Lecce, coadiuvato dagli assistenti Giuseppe Rizzi di Barletta e Federico Favilla di Foggia. Il 6 febbraio ritorno a Vieste. A Ruvo il fischio d’inizio è fissato per le ore 14.30 di domani, 23 gennaio. Partita che sarà visibile anche in tv sul canale 85.

Pubblicato in Sport

Contratto part-time
Requisiti:  serietà, esperienza, automuniti, max 40 anni"
Inviare la propria candidatura a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Pubblicato in Avvisi

Gli analisti Antonio Preiti e Benedetta Marino chiosano: «Spesso si dimentica che questa è la chiave del turismo: se una persona è felice di co­me è stata in una destinazio­ne, la amerà, ne parlerà bene, ci tornerà». Nel 2019 il turi­smo internazionale in Puglia ha avuto un incremento del 4,5% negli arrivi e 9% nelle presenze: il miglior risultato di sempre. E da maggio e set­tembre scorsi l’aumento di stranieri è stato del 30 per cento. Numeri importanti che fotografano una regione sempre più dinamica nel compar­to.

Ma, in base al rapporto di Sociometrica che ha analizza­to 135 mila recensioni in lin­gua inglese poste sul sito di TripAdvisor per hotel, risto­ranti e attrazioni nelle 35 maggiori destinazioni turistiche italiane tra gennaio e no­vembre 2019, nessuna puglie­se figura le dieci località turi­stiche più apprezzate d’Italia. E tra le 35 località monitorate c’è solo Vieste, da sempre considerata la capitale puglie­se del turismo internazionale.

Il rapporto sulla percezione dell’Italia turistica, i cui testi come detto sono stati elabo­rati da Antonio Preiti e Bene­detta Marino, è stato pubbli­cato sul sito internet di Federturismo di Confindustria. La ricerca ha preso in considera­zione come destinazioni i principali comuni in cui si è registrato il maggior numero di arrivi turistici, secondo le statistiche Istat. E sono Roma, Milano, Venezia, Firenze, Ri­mini, Jesolo, Caorle, Torino, Lignano Sabbiadoro, Riva del Garda, Riccione, Cervia, Cese­natico, Napoli, Bologna, Ra­venna, Sorrento, Lidi di Comacchio, Verona, Bellaria- Igea Marina, Abano Terme, Vieste, Genova, Cattolica, Montecatini Terme, Pisa, Pa­dova, Ortisei, Castiglion della Pescaia, Grado, Palermo, Ischia, Cortina d’Ampezzo, Arzachena (Costa Smeralda) e Selva di Val Gardena.

Non ci sono Lecce, Gallipo­li, Polignano a Mare, le Tremiti, Otranto e tante altre. Eppu­re la Puglia da anni, ormai, è diventata una delle mete pre­ferite per il turismo di massa, i vacanzieri soprattutto stra­nieri che scelgono le loro va­canze soprattutto con TripAdvisor. Basti pensare che da anni ormai Gallipoli accoglie migliaia di giovani e come modello di vacanza, negativo o positivo che sia, ha superato anche Rimini. E non è facile accettare poi che nella top ten delle località turistiche più apprezzate d’Italia ci sia Rimi­ni e non Gallipoli. Colpa solo degli arrivi inferiori, almeno facendo riferimento ai dati Istat?

Oppure ci sono anche pesanti responsabilità nei servizi? Nei mesi di luglio e agosto hanno soggiornato in Puglia il 49% degli italiani e il 30% degli stranieri che invece hanno scelto per il proprio soggiorno anche i mesi di maggio, giugno e settembre. È aumentato l’incoming so­prattutto da Francia, Stati Uniti d’America, Paesi Bassi, Russia, Spagna, Regno Unito, Paesi dell’Asia (in modo parti­colare Malesia, Thailandia, Indonesia).

Australia, Brasile e Polonia. Solo nel mese di agosto 2019, la Puglia ha ospitato 14 milioni di turisti che hanno generato 4452 milioni di presenze (il 56% in hotel e il 44% in strutture extralberghiere). E la regione si è collo­cata al sesto posto della classi­fica nazionale, subito dopo quali Veneto, Emilia-Roma­gna, Toscana, Alto Adige e Lombardia. Puglia più forte di Lazio, Campania, Sicilia e Sardegna.

In questo contesto significati­vi anche i dati sui flussi legati agli aeroporti di Bari e Brindi­si dove è stato riscontrato un aumento del 10 per cento del traffico passeggeri e un incre­mento del' 19% di traffico in­ternazionale. Ma, leggendo il report pubblicato sul sito di Federturismo di Confindustria, a livello nazionale la re­gione più apprezzata dai turi­sti stranieri è l’Emilia Roma­gna mentre al Sud ci sono so­lo Ischia e Sorrento.

Così nel report emerge che Riccione è stata scelta come «performing art», Ortisei in Val Gardena la qualità come certezza mentre Bellaria-Igea Marina viene celebrata per la sua dolce vita familiare. E mentre Firenze è esaltata per la walkable forza tranquilla, Ravenna ha come peculiarità la lentezza come misura. Rimini trionfa nelle recensioni in lingua inglese per l’immaginario alberghiero, Cesenatico per la semplicità come valore, Sorrento per il paesaggio umano e Ischia per le combi­nazioni dell’acqua.

Salvatore Avitabile

corrieremezzogiorno

Pubblicato in Turismo
Pagina 1 di 381

retegargano.it supplemento on line de Il Faro settimanale.- Reg. Tribunale Foggia n.6 dell'11 giugno 1996
p.zza Kennedy, 1 - Vieste (FG) - info@retegargano.it
Direttore responsabile: ninì delli Santi
ASSOCIAZIONE "IL FARO DEL GARGANO" - Vieste (FG) - P. IVA 04229820719

- Rete Gargano - Notizie dal Promontorio -