Articoli filtrati per data: Sabato, 09 Novembre 2019 - Rete Gargano

Sono state molte le ore impegnate per la realizzazione del murales “muro di comunità” collocato all’interno del plesso della IC Manicone - Fiorentino di Vico del Gargano. L’opera finanziata dalla Regione Puglia  attraverso il bando  “La cultura si fa strada - Promozione e sostegno della Street Art” è nata da un progetto di Pasquale D’Apolito, fotografo professionista, ed è stata realizzata da Rocco Romondia su uno schizzo dell’artista Lorenzo Tomacelli. Un progetto nato fondamentalmente dalla volontà di voler avvicinare gli studenti alla bellezza che appartiene al paese di Vico del Gargano. Rappresentare chi siamo attraverso la rappresentazione simbolica degli elementi che appartengono al territorio garganico. Fissarli su un muro con l’intento di “fissarli” nella memoria degli studenti e dei cittadini così da non poterli più dimenticare, sollecitando interesse e curiosità. L’opera parla di radici, come le pietre del centro storico o degli asini, protagonisti assoluti di un mondo rurale ormai scomparso, e di altri elementi culturali della storia e della tradizione garganica. Un'opera viva e che guarda lontano, e che è andata oltre il murales, poiché contemporaneamente alla sua realizzazione il paese è stato invaso dalla street art con una serie d'installazioni che richiamano l'identità del luogo, come un contadino con un sacco di olive sulle spalle, o un maestro della "paposcia" vichese. Un invito a guardarsi, ad innamorarsi di più di quello che si è, dell'identità di un luogo, con il chiaro intento di volerlo custodire e tutelare.

PDA 3338

PDA 2720

PDA 3614

PDA 3646

PDA 3649

 

Pubblicato in Cultura

È in dirittura d’ar­rivo la realizzazione di un terminal croceristico sul molo di ponente del porto commerciale di Manfredonia. Sono in­fatti in via di completamento le au­torizzazioni necessarie alla realizzazio­ne del progetto. Tanto il Comune di Manfredonia quanto la Regione Puglia hanno fatto pervenire i rispettivi pareri favorevoli. Il porto di Manfredonia sarà dunque dotato di una struttura di accoglienza per i turisti che sbarcheranno dalle navi da crociera che arriveranno nello scalo sipontino.

Lo ha confermato il presi­dente dell’Autorità di sistema portuale del mare Adriatico meridionale, Ugo Patroni Griffi, a commento dell’appro­vazione del bilancio di previsione 2020 e del triennale 2020-2022 dell’Autorità portuale, che prevedono investimenti di venti milioni di euro per la nuova infrastrutturazione e la ristrutturazione dei porti del sistema.

Per il porto di Manfredonia, come per quelli di Barletta e Monopoli, si tratterà di “strutture leggere” per l’accoglienza dei passeggeri per un investimento complessivo di 650mila euro. Strutture che saranno realizzate grazie al pro­getto Themis (Rete territoriale e marit­tima a sostegno dello sviluppo di piccole crociere) dotato di risorse per 2milioni e 700mila euro rivenienti da fondi eu­ropei, del quale l’Autorità portuale è lead partner. «B progetto Themis - spie­ga Patroni Griffi - è un importante stru­mento che ci consentirà di intercettare più efficacemente il segmento lusso del traffico crocieristico, puntando sulla destagionalizzazione dei flussi turistici.

In questa dinamica anche i territori dell’entroterra verranno valorizzati e promossi, con importanti effetti benefici sull’economia di tutto il territorio». La realizzazione del terminal di ac­coglienza dei turisti croceristi, sarà una presenza qualificante per l’approdo di Manfredonia e certamente varrà ad in­vogliare le compagnie di navigazione a includere lo scalo sipontino negli iti­nerari croceristici sia pure delle piccole navi e superyacht. Naturalmente si è anche pensato a migliorare la naviga­zione nel bacino portuale per facilitare l’attracco delle navi.

Nel bilancio presentato sono previsti per Manfredonia «lavori di manuten­zione dei fondali per 5milioni e 200mila euro». E’ questo un aspetto fondamentale per favorire i traffici croceristici. Nel recente passato non sono state da poco le difficoltà incontrate dalle navi per raggiungere il molo di ponente del porto commerciale. Qualche altra nave è stata dirotta sul molo alti fondali del porto

industriale, e qualche altra è rimasta ancorata al largo. Il movimento croceristico è in netto incremento eppertanto cresce anche la concorrenza fra le località che cer­cano di captare fet­te di quei traffici.

Manfredonia può a ben ragione in­serirsi in questo contesto nel quale non manca l’atti­vismo delle agen­zie marittime loca­li. Le migliorate prospettive logi­stiche portuali, ri­chiamano l’organizzazione delle attrat­tive turistiche a terra. I turisti sceglie­ranno di rimanere a Manfredonia nella misura in cui la città si presenta ac­cogliente sotto tutti i punti di vista. E su questo piano c’è ancora tanto da fare.

Michele Apollonio

Pubblicato in Turismo

Sapere il perché la Regione abbia escluso dall’iti­nerario della nuova via Francigena alcuni tratti della provincia di Foggia, nonostante fonti storiche attestino il passaggio del pellegrinaggio anche in quelle zone. È quan­to chiedono i consiglieri regionali del M5S Rosa Barone e Gianluca Bozzetti, che depositeranno la richiesta di au­dizione nelle Commissioni congiunte VI e IV dell’asses­sore all’industria turistica e culturale Loredana Capone e del presidente dell’associazione Tratturi e Transumanza Michele Pesante.

“La provincia di Foggia - dichiarano i consiglieri pen­tastellati - da sempre è stata un punto di passaggio della via Francigena. come dimostrano hospice e chiese che ospitavano i pellegrini che entravano in Puglia da Ariano, Faeto, Celle San Vito, Castelluccio e Troia. Non si capisce quindi come sia stato possibile un simile errore storico.

Ci chiediamo:-dov’erano le istituzioni locali quando è stato fatto questo percorso? Possibile che nessuno si sia accorto di quello che stava accadendo? In audizione chiederemo di porre rimedio a questo pasticcio: la Capitanata, che an­cora una volta viene ‘dimenticata’ dalla Regione non può continuare a essere penalizzata».

Pubblicato in Cultura

Allerta meteo 'gialla' della protezione civile regionale. A partire dalle 8 di questa mattina sono attese piogge e vento in gran parte della regione, Capitanata compresa. Nella nostra Provincia allerta per rischio idrogeologico e rischio idrogeologico per temporali nelle zone del Gargano e Isole Tremiti, Tavoliere e Bassi bacini del Candelaro, Cervaro e Carapelle e Sub Appennino Dauno.

Pubblicato in Ambiente

Il nuovo anno musicale dell’Associazione Nuova Diapason, inizia con il concerto del Maestro Andrea Corongiu, chitarrista di grande levatura artistico culturale, che ci accompagnerà in un percorso sulla musica del ‘900 con uno strumento meraviglioso come la chitarra.

La cittadinanza tutta è invitata, questa sera, alle ore 19.15 presso l’auditorium Valentino Vailati - Parrocchia Gesù Buon Pastore di Vieste.

Pubblicato in Spettacolo

Domenica 10 novembre 2019 è in calendario la tanto attesa inaugurazione della passerella per disabili all’Isola di Varano. L’appuntamento è fissato per le ore 10,30 del mattino. Quella passerella rappresenta un traguardo fortemente voluto dall’ente Parco nazionale del Gargano, che – non a caso - ha provveduto a finanziare l’opera.

La scaletta della sobria cerimonia prevede in apertura i saluti del sindaco Claudio Costanzucci (attuale vicepresidente dell’area protetta), e in progressionegli interventi di Pasquale Pazienza, neo presidente dell’ente Parco (in carica dal 7 agosto 2019 e lo sarà fino alla stessa data del 2024) e di Claudio Angeloro, colonello Raggruppamento Carabinieri Biodiversità. Al grido “tutti al mare! senza frontiere senza barriere”, il Gargano si arricchisce così, grazie all’ente Parco, di una nuova struttura a sostegno “dei meno fortunati”: una passerella -lunga 290 metri- in legno (e relativo sentiero in “terre solide”) che permetterà di raggiungere con facilità un tratto del litorale dell’Isola di Varano, nel Comune di Cagnano Varano, rendendolo così fruibile anche ai “portatori di handicap”.

Sul percorso sono state infatti installate delle tabelle in braille per facilitare l’accesso e la comprensione della zona a persone con deficit visivo.L’ente Parco mostra, finanziando l’opera, la giusta sensibilità e ladoverosa attenzione verso il tema della mobilità ed accessibilità per i disabili, che in una società civile deve essere la priorità. Come spiega del resto, e molto bene, la cornice motivazionale riportata sul tazebao dell’evento che recita.

“Per godere e vivere l’ambiente in tutte le sue forme occorre abbattere tutte le barriere, da quelle architettoniche a quelle culturali. Il turismo rappresenta una esperienza importante per il benessere psicofisico della persona, un’occasione di arricchimento culturale e sociale, che consente di aprirsi alla conoscenza di nuove realtà, in un’ottica sempre più globale. Il Turismo Accessibile deve essere attento ai bisogni di tutti con una qualità dell’offerta molto alta, capace di trasformare il viaggio, anche per chi è più in difficoltà, in una vacanza con effetti positivi.” Proprio quello cui punta il Parco nazionale del Gargano che mira ad estendere ed ampliare la accessibilità e la fruibilitàdella Montagna del Sole a tutti: anche e soprattutto ai “meno fortunati”.

Francesco Trotta

Pubblicato in Società

30/6/1691.

Al D. Camillo Barbarese per trentaquatttro ducati dei 219 eseguiti a lui agli ordini della casa degli Incurabili amministratice del medesimo e del quale Ferrante Lombardo a compimento dei trentotto di 4.6 che altri per 4.47 per dovuto compimento sono per la sua esattoria e sono per due entrate e tenute in conto dal 1/4/1691 delli fiscali che detto Monte possiede sopra Deliceto ed Ischitella e li paga di suoi propri denari esigibili da dette Università e per loro ed intento Trapani Costituendo del banco dei poveri per farne introito a lui e Giuseppe Rosanno per altri ducati 34.2.19

30 Luglio detto.

Al detto diciasette ducati 19 eseguito da lui al G.re della casa degli Incurabili di questa città a compimento dei diciannove dei 3-3 d'altri per 2.10.

Giuseppe Laganella

Pubblicato in Cultura

ReteGargano consiglia...

Reporter della tua città

09 Dicembre 2019 - 15:14:11

IL LIBRO DELLA SETTIMANA/ La forza di essere migliori di Vito Mancuso

Viviamo secondo un modello di sviluppo che adora gli oggetti, non la lettura, la cultura, la partecipazione sociale e politica. Consumiamo, inquiniamo, ma così devastiamo noi…

retegargano.it supplemento on line de Il Faro settimanale.- Reg. Tribunale Foggia n.6 dell'11 giugno 1996
p.zza Kennedy, 1 - Vieste (FG) - info@retegargano.it
Direttore responsabile: ninì delli Santi
ASSOCIAZIONE "IL FARO DEL GARGANO" - Vieste (FG) - P. IVA 04229820719

- Rete Gargano - Notizie dal Promontorio -