The news is by your side.

Accordo tra Comunità Montana del Gargano e Opera Pellegrinaggi

6

Potrebbe essere stipulato a breve un accordo di programma tra la Comunità Montana del Gargano e l'Opera Romana Pellegrinaggi, finalizzato al rilancio turistico della Montagna del Sole. E' quanto emerso al termine del convegno per la presentazione de "Il Parco Letterario San Michele Arcangelo – Gargano Segreto", organizzato alla terza Borsa del Turismo Religioso e delle Aree Protette dallo stesso Ente montano. Infatti, la richiesta del presidente Nicola Pinto di stabilire accordi di collaborazione e di comuni strategie di management turistico tra il Promontorio e l'importante organizzazione religiosa è stata accolta con viva soddisfazione da Padre Caesar Atuire, delegato dell'Opera Romana Pellegrinaggi, intervenuto pure lui all'evento come esperto del settore. Pinto ha ribadito la necessità di presentare al turista l'intero Gargano, quello conosciuto e quello segreto, che può offrire emozioni, sensazioni e momenti di fede e di cultura unici ed irripetibili. Il presidente della Comunità montana ha parlato a nome di tutto l'Ente da lui rappresentato e dei comuni della Montagna del Sole, quelli che già conoscono il turismo e quelli che non lo conoscono. Realtà come Rignano Garganico, San Nicandro Garganico, Carpino, Cagnano, San Marco in Lamis, Ischitella possono venire incontro alle esigenze di comuni più organizzati come Rodi Garganico, Vieste, Peschici, Mattinata, San Giovanni Rotondo e Monte Sant'Angelo. Con una sinergia tra le parti si può lavorare meglio e partire con la tanta agognata destagionalizzazione turistica. Padre Atuire, dal canto suo, si è detto disponibile a partire fin da subito, convocando quanto prima un incontro tra le parti per giungere presto ad un concreto tavolo di proposte e di lavoro. Il convegno è poi proseguito con la presentazione del progetto "Il Parco Letterario San Michele Arcangelo – Gargano Segreto" ad opera dell'assessore alla cultura dell'Ente montano, Giuseppe Maratea, che ha illustrato nei dettagli l'offerta turistica e culturale del Promontorio. Partendo da un unico comune denominatore, la cultura e le tradizioni, Maratea ha tracciato un possibile itinerario turistico, che parte dalla nota Grotta Paglicci in territorio di Rignano Garganico e si conclude nelle località di mare, attraversando monumenti e luoghi di fede, siti archeologici, musei, mostre, centri di cultura e luoghi di villeggiatura. Il progetto, ideato dallo scomparso Filippo Fiorentino, storico, letterato e cultore garganico, coinvolgerà realtà importanti come la Fondazione "Angelo e Pasquale Soccio" e la Fondazione "Ippolito Nievo". Alla manifestazione hanno preso parte, tra gli altri, i sindaci di Monte Sant'Angelo e San Giovanni Rotondo, Antonio Nigri e Salvatore Mangiacotti, e i delegati delle due Fondazioni. L'occasione, per concludere, è stata utile a Maratea per lanciare due moniti alle altre istituzioni: "sfido il Ministero per i Beni Culturali a depredare il Museo-Farmacia Sansone di Mattinata, e il Parco Nazionale del Gargano a presentare finalmente un territorio libero di immondizie e da sconcezze di ogni genere".


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright